VALSUSA, MASSACRÒ DI BOTTE LA DONNA CHE LO AVEVA RESPINTO: CONFERMATA LA CONDANNA A DUE ANNI DI CARCERE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

IMG_0289

È stata confermata integralmente e senza riduzioni dalla Corte di Appello la condanna a 2 anni di reclusione per M. S., di Avigliana: l’uomo, in carcere  da un anno e un mese, è colpevole dei reati di stalking, violenza privata e lesioni personali aggravate, nei confronti di Maura Brondolin, di Bardonecchia. Il caso risale a circa un anno fa, quando la donna è stata aggredita a Chiomonte da M.S., che voleva qualcosa in più da lei e non accettando una semplice amicizia, l’ha picchiata al punto di rischiare di ammazzarla, massacrandola di botte e lasciandola priva di sensi.

Oltre a confermare la pena di primo grado, la Corte di Appello ha condannato l’uomo a risarcire la Brondolin di 15mila euro. A detta dell’avvocato Silvia Lorenzino, difensore di Maura Brondolin, è un risultato importante il fatto che la pena non sia stata ridotta in appello, pur trattandosi di una persona senza precedenti penali. Invece in questo caso la giustizia ha confermato la pena a due anni di carcere.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.