UNA TESTIMONE: “L’INCIDENTE IN AUTOSTRADA È STATO CAUSATO DAL FUMO DI UN INCENDIO, C’ERA POCA VISIBILITÀ “

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

CHIUSA SAN MICHELE – L’incidente che ha coinvolto tre auto sabato notte lungo l’autostrada verso Avigliana sarebbe stato causato dal fumo dell’incendio scoppiato sotto il cantiere dell’A32. Lo conferma a ValsusaOggi una delle persone rimaste coinvolte nello schianto: “Sia la mia vettura che il furgone posizionato davanti erano fermi in corsia d’emergenza con le quattro frecce accese, a causa del fumo e della visibilità totalmente compromessa – spiega la testimone –  dopo pochi istanti è arrivata la terza auto che ha tamponato la mia vettura, non ci aveva visto proprio a causa del fumo dell’incendio”.

La polizia stradale di Susa ha ricostruito i fatti in un apposito comunicato: “Il 21 aprile alle ore 23.50 circa, una pattuglia è intervenuta al chilometro 15+700 lungo la carreggiata nord dell’A32 Torino – Bardonecchia, nel territorio comunale di Chiusa San Michele, per l’incendio di un container adibito a spogliatoio e deposito posizionato all’interno del cantiere. Sul posto è intervenuta la squadra dei vigili del fuoco di Torino per le operazioni di spegnimento ed i rilievi del caso, terminati alle ore 00.45 del 22 aprile. Subito dopo, alle ore 00.55, sulla carreggiata opposta al chilometro 14+459 (carreggiata sud) si è verificato un incidente stradale, nel quale sono rimaste coinvolte tre autovetture. L’incidente è stato causato, tra l’altro, dalla presenza di denso fumo in carreggiata sprigionatosi da un altro incendio ad un container presente nell’area sottostante all’autostrada. Nello schianto sono rimasti coinvolti un autocarro Renault Traffic con a bordo quattro persone di nazionalità bosniaca, una Volskswagen Polo condotta da una 27enne di Bussoleno con a bordo un 27enne di Susa e una un’autovettura BMW condotta da un 49enne di Chianocco”.

Secondo una prima ricostruzione, confermata dalla testimone, l’autocarro e la Volskswagen si sarebbero fermati a causa della presenza del fumo in corsia d’emergenza, poi all’improvviso è sopraggiunta la Bmw che li ha tamponati e si è ribaltata. Il conducente è stato portato in ospedale e ha riportato alcune ferite guaribili con circa 10 giorni di prognosi.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. E va bene ci sta…..però, mi domando, se eravate tutti fermi in corsia di emergenza, sta BMW è arrivata a quale velocità per causare un danno del genere? Inoltre se ti avvicini, a velocità codice, a del fumo, dovresti accorgertene. Certo che se sei a 200 e passa all’ora magari te ne accorgi di meno. La presenza o meno del fumo non scagiona l’artefice del danno ed è solo per puro caso che non c’è scappato il morto.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.