VALSUSA, UN CASO DI TUBERCOLOSI ALLA SCUOLA MEDIA: I COMPAGNI DI CLASSE SARANNO SOTTOPOSTI AL TEST

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
La scuola media Anna Frank di Sant’Ambrogio

di NORMA RAIMONDO

S.AMBROGIO – E’ stato scoperto per puro caso, durante gli esami di routine in vista di un intervento ospedaliero cui doveva essere sottoposta un’alunna frequentante la prima media alla scuola Anna Frank di via I° Maggio, un caso di Tbc. La ragazzina è ricoverata da oltre un mese in ospedale al Regina Margherita di Torino, ma tra i genitori dei compagni di classe e degli altri plessi cittadini in questi giorni serpeggia la preoccupazione. Della famiglia della studentessa contagiata fa parte infatti anche un’alunna della scuola elementare, che si pensava avesse potuto veicolare il virus all’interno dell’altro plesso. Fortunatamente, gli accertamenti predisposti hanno dato esito negativo: nessuno, tra i famigliari, ha la malattia attiva. L’istituto comprensivo santambrogese ha convocato ieri mattina alle 9.30, presso la scuola media stessa, un incontro cui hanno preso parte i genitori dei bimbi della sezione frequentata dalla contagiata, oltre ad alcune rappresentanze di altre classi. Il medico dell’Asl intervenuto, il dottor Cannata, ha confermato trattarsi di un caso di tubercolosi, ma a bassa contagiosità.

Rassicurazione che non ha completamente convinto le famiglie, fra cui anche quelle di alcuni ragazzi di altre classi che, nelle ore di assenza di alcuni insegnanti, vengono abitualmente smistati nelle varie sezioni. “Solo i compagni di classe della ragazza – precisa il sindaco Dario Fracchia – saranno sottoposti nei prossimi giorni ai test antitubercolari, ma possiamo garantire fin d’ora due cose: la prima, che il focolaio non è scolastico ma estraneo a questo ambiente, in quanto la ragazzina aveva uno zio contagiato, residente all’estero, da cui ha probabilmente contratto il virus. La seconda, molto importante, è che dopo il primo time test positivo, la ragazza è stata sottoposta ad esame dell’escreato salivare in tre tempi successivi diversi, tutti e tre con esito negativo”. Anche il dottor Cannata, ieri mattina, ha comunicato agli adulti presenti come un contatto minore di sei ore settimanali continuative in luogo chiuso sia ininfluente per quanto concerne il test, quindi il personale docente non sarà sottoposto al test intradermico che fornirà il responso nell’arco di un paio di giorni.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. Quante storie!! Grazie a Dio esistono gli anticorpi, non vuol dire che se questa bimba ha contratto il virus, abbia anche contagiato tutta la scuola!! Se l’escreato salivare è negativo, evidentemente è guarita, adesso vorranno farla vivere in isolamento per il resto della vita? Una volta appurato che tutti gli altri bambini stanno bene, non creiamo allarmismi inutili e volti ad isolare chi ha avuto una malattia da cui, meno male, nel 2018 si guarisce.E di dov’è lo zio poco importa, io sono venuta in contatto con quel virus qua in Italia in tempi in cui non c’erano praticamente stranieri, non ho sviluppato la malattia ma gli anticorpi, mi hanno fatto fare radiografie inutili per anni finchè un medico più furbo degli altri ha compreso che avevo solo gli anticorpi e non la malattia! Per venire a contatto con il virus basta bere in un bar o altrove in un bicchiere mal lavato, il gioco è fatto, e questa bambina non deve assolutamente essere colpevolizzata per essersi ammalata, va curata con amore e riaccettata a scuola senza farle pesare l’accaduto, ammalarsi non è una colpa.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.