VILLAR DORA IN FESTA PER SAN ROCCO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dal COMUNE DI VILLAR DORA

VILLAR DORA – Il bel tempo ha accompagnato le quattro meravigliose giornate che Villar Dora ha dedicato ai festeggiamenti in onore di San Rocco vissute in allegria partendo dalla Cena sotto le Stelle di giovedì 14 agosto preparata magistralmente da La Società dove più di duecento commensali si sono ritrovati accolti dalla fresca sangria preparata e offerta dalla Fidas della sezione N.Mola di Villar Dora.

Novità di questa edizione è stato l’accompagnamento musicale e l’animazione, prima, da parte del Coro Riparia e durante tutta la cena della Banda Musicale G.Perotto la quale, il giorno successivo ha iniziato  la distribuzione dei sonetti lungo le vie del paese accompagnata dai donatori della Fidas. Nel pomeriggio dello stesso giorno, presso il bar cremeria La Fornace si è svolta la gara di pinnacola alla baraonda i cui partecipanti hanno potuto assaporare il gelato e la merenda offerti dalla cremeria e dal Comune di Villar Dora.

Alle ore 21, presso la piazza della Cooperativa, il Sindaco Savino Moscia ha dato il via alle danze invitando la sua gentile Signora per il primo ballo sulle note dell’orchestra Carlo Gribaudo. Contemporaneamente alla musica della piazza, presso il bar Il Girasole, si è esibito, per due serate consecutive, il duo Ciro e Angelo intrattenendo i numerosi clienti con un ampio repertorio di musica italiana. Non è mancato l’usuale appuntamento con il Banco di Beneficenza che, per tutta la durata della festa, è stato presente nei locali della Cooperativa accanto alla bellissima mostra intitolata “Il fascino dell’antico: gli oggetti del lavoro e della vita quotidiana del ‘900” organizzata dal gruppo culturale villardorese.

L’apice dei festeggiamenti si è raggiunto venerdì 16 agosto dove numerose iniziative hanno allietato la giornata. In mattinata alle 11 e nel pomeriggio alle 17 presso la Cappella di San Rocco, don Cordola ha celebrato le messe in onore del Santo Patrono. I priori Domenico De Pace e Collino Edda e anche i fratelli Conti Susanna e Ubert hanno fatto sì che la tradizione continuasse con la distribuzione del pane benedetto grazie anche al prezioso aiuto del sign.Raffaele Arenare. Alle 19 presso il bar del Castello si è potuto consumare un ottimo apericena. Alle 21 alcuni componenti del gruppo folkloristico in abiti tradizionali si sono esibiti sul palco dove, successivamente, l’orchestra Antonella Marchini ha intrattenuto il nutrito pubblico presente coinvolgendolo fino a tarda ora. Emozioni,musica e danze sono state le protagoniste della lunga serata.

Sabato 17, presso la fontana della Cinà, il gruppo Alpini di Villar Dora e alcuni componenti della neonata Pro Loco si sono prodigati nell’organizzazione della giornata conclusiva della festa accogliendo oltre 150 persone che hanno potuto fare merenda con più di 400 panini farciti con i tipici salumi e formaggi, ma soprattutto con le tradizionali acciughe al verde preparate da nonna Olga accompagnate da fiumi di vino.

Durante il pomeriggio si è svolta, per la prima volta, la finalissima della gara a pinnacola tra i vincitori dell’associazione F. Buggia di Montecomposto e della Cremeria La Fornace che ha visto i primi come vincitori del torneo. Un primo San Rocco con la nuova amministrazione comunale straordinariamente ben riuscito nonostante il poco tempo a disposizione dall’insediamento. Il Sindaco Moscia ha voluto evidenziare “quanto lo spirito di appartenenza, l’unione di energie  delle numerose associazioni del Paese e la voglia di stare insieme, siano stati motivo per l’ottima riuscita della festa e che, sicuramente, saranno ragioni che continueranno ad accompagnare chi si impegna attivamente per il bene del paese di Villar Dora“.

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.