SUSA, È ALLARME MOTOCICLETTE PER LA SICUREZZA: AUMENTANO GLI AUTOVELOX E I CONTROLLI. PLANO INCONTRA LE FORZE DELL’ORDINE

Considerate le numerose proteste dei cittadini residenti lungo le strade statali in merito ai problemi della velocità e del rumore dei motocicli durante i week-end estivi, il 24 giugno si è tenuto un incontro presso il Comune di Susa tra l’amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco Sandro Plano ed i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, con il comandante della Compagnia Carabinieri di Susa Flavio Pieroni, il comandante della compagnia della Guardia di Finanza di Susa Giovanni Mascia, il comandante Polizia Stradale di Susa Ezio Aime, il comandante della Polizia Municipale di Susa Ennio Caffo, per esaminare le problematiche della circolazione sul territorio comunale e sui comuni limitrofi dei motocicli.

Si è convenuto con le parti di intensificare i controlli in maniera coesa con tutte le forze coinvolte, mirati soprattutto a reprimere i comportamenti scorretti che mettono in pericolo la pubblica incolumità e di estendere tale coordinamento anche agli altri Comuni della Valle interessati dallo stesso problema.

20140626-112429-41069938.jpg


8 thoughts on “SUSA, È ALLARME MOTOCICLETTE PER LA SICUREZZA: AUMENTANO GLI AUTOVELOX E I CONTROLLI. PLANO INCONTRA LE FORZE DELL’ORDINE

  1. davide

    Certo peccato che spesso e volentieri l’incolumità altrui viene messa in pericolo proprio da Voi abitanti delle Valli di Susa quelli più anziani di età che guidano spesso e volentieri senza rispettare ne tanto meno osservare le dovute precedenze o Stop, quando inchiodano per svolte a dx o sx senza segnalare il tutto con relativo uso di quell’apparato facente parte dei vostri veicoli chiamato Indicatore di direzione o Freccia…..e cosa importante gli specchietti retrovisori si guardano e si usano prima di spostarsi non sono solo degli optional…Ma certo la colpa è dei Motociclisti…ecco la scusa per altri Velox e soldini in più per le casse dei Vostri Comuni…e osate chiamarla “Prevenzione”…..

    Risposta
    1. Franco

      D’accordo con te Davide è facile puntare il dito sulle moto …poi se la prendono esclusivamente con noi residenti perché il gruppo che arriva da Torino non da fastidio …Fate le rotonde come in tutte le città mettete semafori in punti strategici …Non sensi unici che non servono a nulla (Sale uno lo toglie sale l’altro lo rimette) Ma decidetevi i problemi sono altri manca lavoro per i giovani e per tutte le attività in susa SVEGLIA …….

      Risposta
  2. Alessandro

    Solita vergogna, invece che far rispettare semafori e precedenze, si sanziona la velocità anche senza pericoli, facile da rilevare e con il miglior rendimento di spesa/guadagno. Poi basta dire che è per la sicurezza per legittimare qualsiasi porcata… se le moto facessero i 10kmh per intralciare il traffico ai cittadini? Sicurezza!!!

    Risposta
  3. Fabio

    Ovviamente la colpa è sempre e solo dei motociclisti!!! Però quando giocano a nascondino con i velox senza segnalarli, o all’ultimo ti saltano davanti sbucando come funghi da dietro una pianta e ti mettono paletta rischiando di farsi investire, ma soprattutto farti cadere,per farti il verbale perchè sei senza dbkiller o qualsiasi altra magagna che si inventano,giustamente in paese si deve andare piano e le teste di c…ci sono!!! Ma cosi facendo, a parer mio si vanno solo a rovinare dei posti stupendi anche solo da andare a vedere in stile gita ma in moto; togliendo magari anche del turismo perchè non tutti vanno per correre la motogp della val Susa. Ma d’altronde questa è l’Italia!! Paese di vecchi(rompi c….), di magna magna (grazie ai velox ecc…) e di gente sempre più ignorante in ogni cosa che fa!! Lamps bikers

    Risposta
    1. mario rossi

      fabio, i posti stupendi a volte li rovinano anche i pedoni certo,ma voi motociclisti (non tutti per carità )avete poche voci in capitolo ,se li vuoi ammirare e eventualmente godere ,parcheggia togliti lo scafandro e vai a piedi ,cosi se trovi un motociclista in vena di impennate e sgommate su una strada magari sterrata e polverosa ne godrai subito i benefici ciao

      Risposta
  4. Marco Lesti

    Sono motociclista da oltre venticinque anni e sono residente a Sant’Antonino di Susa accanto alla strada statale che la attraversa. Tuttavia non mi sento di difendere tutta la categoria di motociclisti poiché specialmente nei weekend mi rendo conto che sono veramente tanti i centauri che attraversano il paese dove il limite è per TUTTI di 50Km/h a velocità a 3 cifre oppure nel vederli in ripartenza dal semaforo in gruppo con tanto di ruote anteriori impennate, mi chiedo se sia giusto tenere questi atteggiamenti pericolosi per se e per gli altri. Il vero problema è che esistono regole da rispettare per tutti a da ambo le parti, automobilisti e motociclisti, ma c’è troppo menefreghismo. Dunque se vengono messi autovelox basta guardare i cartelli stradali (che non sono un abbellimento coreografico del paesaggio) e rispettarli e magari iniziare a guidare i nostri mezzi due ruote proprio pensando che non siamo in pista.

    Buona strada a tutti

    Risposta
    1. mario rossi

      la risposta è una sola non puo’ essere giusto l’atteggiamento e l’arroganza di questi ….definiamoli poveri di spirito in testa pero’ perchè nello stomaco ..!un esempio per tutti ,tempo fa un automobilista proveniente dalla bassa valle stava svoltando in Sant’antonino bivio distributore esso freccia di svolta a sx inserita e nella corsia di appartenenza quando un motociclista appartenente ad un gruppo che stava viaggiando appaiato ,per un pelo non lo tamponava,ma invece di scusarsi il bel gruppetto di gentiluomini mascherati ,non trovava niente di meglio e colpirgli la carrozzeria dell’auto di calci ed insultarlo roba da pazzi

      Risposta

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione