ALMESE, NOVITÀ SULLA TASSA RIFIUTI: “SI PAGHERÀ IN BASE ALLA PRODUZIONE EFFETTIVA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di MARTINA BONAUDO 

ALMESE – Lunedì 30 settembre si è svolto il consiglio comunale di Almese per deliberare sui sette punti all’ordine del giorno. Il primo è stato l’approvazione del Dup 2020-2022 (Documento unico di programmazione). Il documento raccoglie quelle che sono le linee strategiche e le missioni dell’amministrazione comunale e prende in considerazione alcuni parametri economici per individuare l’andamento del Comune, tra cui l’analisi degli investimenti pubblici e delle entrate.

Gli investimenti pubblici in programma, già in parte in atto, comprendono attività come la manutenzione straordinaria della scuola media, la ristrutturazione di un alloggio in via Viglianis da poter adibire come museo, le zone “30” nei centri storici di Almese e Rivera e la riapertura della viabilità in Borgata Malatrait I° (ex Ciandellera).

Per quanto riguarda le entrate, il sindaco Ombretta Bertolo afferma che le aliquote fiscali, come ad esempio l’Imu, rimarranno uguali a quelle precedenti.

Mentre è stata introdotta una novità per la Tari (tassa sui rifiuti): il pagamento della tassa sarà proporzionale alla produzione effettiva di rifiuti da parte del cittadino, secondo un nuovo dispositivo.

Il punto successivo è stato l’approvazione del bilancio consolidato 2018, che tiene in considerazione tutti i risultati economici delle società che collaborano con il Comune e che potrebbero avere dei risvolti, positivi o negativi, nel bilancio ufficiale.

Il risultato, approvato dal gruppo “Amministrazione Pubblica Comune di Almese” è positivo e ciò significa che non sono presenti problematiche.

Per quanto riguarda la quarta variazione al bilancio triennale di previsione 2019-2021 e l’applicazione di avanzo destinato agli investimenti, sono state inserite alcune “entrate”: ad esempio il contributo erogato dalla Regione Piemonte ai vigili del fuoco volontari di Almese, in seguito all’erogazione dei fondi destinati ad ogni paese in cui è presente una caserma. Così come il contributo per aver vinto un bando regionale per l’acquisto di un nuovo mezzo destinato sempre dei vigili del fuoco. Infine, ci sono altri contributi dedicati alle politiche giovanili.

In consiglio comunale è stato dichiarato lo “stato di emergenza climatica ed ambientale”, che ha posto in primo piano nell’agenda dell’amministrazione comunale vari obiettivi: la sensibilizzazione, l’educazione e l’informazione dei cittadini verso nuove forme di consumo e di vita più sostenibili.

La minoranza (Lega) si è espressa con voto contrario solamente al primo punto: “Alcune delle missioni elencate nella stesura del Dup sembrano contenere temi incongruenti e mancanti di alcuni elementi basilari per il funzionamento del Comune, ciò dimostra l’instabilità della ‘spina dorsale’ dell’Amministrazione“.

Il sindaco ha risposto alle critiche sostenendo che “le missioni non sono frutto di una scelta di bilancio, ma imposte a livello statale“.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.