ALZHEIMER: A COAZZE UN INCONTRO PER AIUTARE E INFORMARE LA FAMIGLIE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COAZZE – Martedì 21 settembre, alle ore 18.30 al Palafeste di Coazze si terrà l’incontro informativo ad ingresso gratuito “GLI INGANNI DELLA MENTE – Invecchiamento della mente o decadimento cognitivo? Oltre la diagnosi c’è la vita”. Un progetto “a misura d’Alzheimer” promosso dalla cooperativa Passo dopo Passo Onlus e l’associazione “In un altro modo”. Per partecipare è necessario il green pass o l’esito di un tampone negativo in corso di validità. La prenotazione non è obbligatoria, ma caldamente consigliata. Per info e prenotazioni: www.valsusasociale.it – tel. 3917561866.

“Il progetto Oltre la diagnosi c’è la vita nasce dall’esigenza da noi percepita, dopo anni di lavoro sul territorio con gli anziani e le loro famiglie, di ampliare e diversificare l’offerta di servizi destinati a persone affette da Alzheimer e demenze e ai loro caregiver -spiegano dalla cooperativa valsusina Passo dopo Passo e dall’associazione “In un altro modo” – Per far questo, riteniamo che sia necessario sensibilizzare i professionisti, gli enti e la comunità stessa su questo tema, che ha portato molti enti sia pubblici che privati a interrogarsi sulle possibili risposte ai bisogni delle famiglie, senza tuttavia riuscire ancora ad arrivare a un’offerta completa di servizi alla persona in territori quali la Val di Susa, la Val Sangone e zone limitrofe”.

“Piccole dimenticanze, comportamenti insoliti, un temporaneo disorientamento, sono piccoli segnali che la nostra mente è stanca, stressata o semplicemente… sta invecchiando! – aggiungono gli organizzatori – Molti di questi sintomi rientrano nel normale decorso dell’avanzare degli anni, ma quando devo invece preoccuparmi? Dall’invecchiamento della mente al decadimento cognitivo: quali sono le differenze e i campanelli d’allarme da non sottovalutare?” Lo scopo della serata è fornire informazioni proprio su questi aspetti”.

Interverranno durante la serata vari esperti: Stefania Caneparo (neuropsicologa), Gabriella Braggion (assistente sociale) e Davide Danza (Alzheimer coach).

LOCANDINA COAZZE A3

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. L’articolo parla dell’Alzheimer, di cui soffro, me lo ha detto il medico ieri…. No, forse l’altro ieri… No, il mese scorso….
    Mah…. Che stavo dicendo?!?! Ah sì, i grattacieli di New York sono alti un botto, neh?!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.