CORONAVIRUS, IN PIEMONTE RIMANGONO CHIUSE CARTOLERIE, LIBRERIE E TUTTE LE ATTIVITÀ

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

DALLA REGIONE PIEMONTE

Il Piemonte prosegue con la linea del rigore per il contenimentdel coronavirus. Tutte le regole in vigore in questo momento sul territorio regionale saranno prorogate fino al 3 maggio. Restano quindi chiuse anche le librerie, le cartolibrerie e i negozi di abbigliamento per l’infanzia.
Resta salva, però, la possibilità di vendita con consegna a domicilio per tutte le diverse categorie merceologiche.

Lo comunica il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, che questa mattina ha convocato una Giunta per affrontare il tema dell’ordinanza che verrà firmata nelle prossime ore.

“Oggi è un giorno che abbiamo sempre vissuto come una festa e so che per tutti è un grande sforzo continuare a mantenere e rispettare la linea del rigore, ma è l’unico modo per non vanificare i sacrifici fatti finora“, ha commentato il presidente Cirio.

“Capiamo bene la difficile situazione che stanno vivendo i nostri commercianti – sottolinea l’assessore alla Cultura, Turismo e Commercio della Regione Piemonte Vittoria Poggio – ma le esigenze di tutela della salute ci impongono queste scelte. Non li lasceremo però soli, non soltanto sostenendoli in ogni forma di vendita a domicilio oggi, ma soprattutto con misure economiche specifiche di risarcimento per chi, come loro, ha subito insieme alla chiusura anche la concorrenza della grande distribuzione”.

Martedì, inoltre, la Giunta proseguirà il suo confronto con il Politecnico di Torino e le categorie, settore per settore, con l’obiettivo di definire un documento da proporre al governo ed essere pronti, non appena le condizioni lo consentiranno, ad un piano di riapertura delle attività produttive nel rispetto della sicurezza.

Sempre martedì, insieme a prefetture ed Ance verrà fatto anche un approfondimento sulla situazione dei cantieri.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. Non preoccuparti Cirio che li mandiamo via nudi i bimbi….riuscite a distinguere i vecchi dai meno vecchi ,ma non i figli di 2 anni o 10.Tutti uguali….vero? Non proprio perché i primi dovrebbero ancora concludere il loro sviluppo…ma tanto acqua e aranciata pare tutto uguale qui.Poi non cambia nulla devi fare i tamponi…..come bisogna spiegarlo???Dpiegaci prima perche’ pochi tamponi poi ne parliamo!

  2. ci sono i siti brand famosi ed economici che vendono on line, ci sono negozianti che consegnano a casa…purtroppo ci sono molti che cercano scuse per uscire…

  3. DA DOMANI APRE IDEA BELLEZZA A CHIANOCCO?????????????? No Cirio scusa secondo voi è più utile la tinta, il mascara , il profumo, piuttosto che abiti per neonati, libri ecc.,? Va beh! Rinuncio, ma sempre Zaia sei grande! Dai metterò alla piccola l’ombretto e lo smaltino:):) Per i neonati ci sia in ql negozio:):) Fai aprire negozi più utili che sarebbe ora! Comunque deduco aprirà pure l’UPIM, altrimenti come si entra dentro? Onestamente non credo siamo senza mutande o maglie! Mah!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.