DA GIAVENO ALLA MARATONA DI BERLINO, SFIDANDO LE MALATTIE: LA STORIA DI VIKTORIIA E GIUSEPPE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Giuseppe Cozzetto e Viktoriia Krykun

di VIKTORIIA KRYKUN e GIUSEPPE COZZETTO

GIAVENO – Siamo Viktoriia Krykun 41 anni e Giuseppe Cozzetto 50 anni, residenti a Giaveno, sposati e abbiamo due figli di 9 e 11 anni. Ci siamo conosciuti in Ucraina nel 2004 (sono di origine ucraina). Dal 2006 mi sono trasferita in Italia, mi sono laureata in Lettere a Torino. Nel 2013 è nata la nostra seconda figlia e lo stesso anno abbiamo fondato la nostra società che si occupa di riciclo di plastica e esporta in tutto il mondo. Non siamo mai stati particolarmente sportivi e soprattutto non abbiamo mai corso. Io sono nata con una patologia congenita al cuore (difetto interatriale e ritorno venoso anomalo), nel 2007 sono stata operata al cuore dal professore Mauro Rinaldi a Torino con il metodo innovativo di microchirurgia. Giuseppe invece è affetto dalla nascita da una patologia metabolica cronica.
Nel 2020 ci siamo iscritti al percorso molto sfidante della crescita personale e coaching del dott. Cerè che si chiama MICAP (Master Internazionale in Coaching ad Alte Prestazioni) e include, oltre agli esami della PNL (Programmazione Neuro-Linguistica) le prove importanti come il campo di sopravvivenza, la Maratona e la scrittura del libro. Abbiamo iniziato a correre già nel 2020 per poter essere pronti a correre la Maratona di Berlino il 25 settembre entro i tempi di certificazione del Master: 5 ore e 20 minuti per me e 4 ore e 50 minuti per Giuseppe. Per me questo giorno è stato anche il mio 41º compleanno. Questa sfida ci ha insegnato di spostare i nostri limiti e di ottenere i risultati impossibili a prima vista, grazie alla disciplina e al rigore. Due lunghi anni di allenamenti sotto la pioggia e sotto il sole, le infiammazioni e il metabolismo da gestire, l’alimentazione corretta, tante rinunce, per correre una maratona performante e soprattutto ecologica per la nostra salute. Abbiamo corso con il corpo ma soprattutto con la testa e con il cuore.

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.