DUE RAGAZZE SI PERDONO A PIAN NEIRETTO: INTERVIENE L’ELICOTTERO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COAZZE – Domenica 24 luglio l’elicottero Drago 66 dei vigili del fuoco è intervenuto in Val Sangone: due ragazze si sono perse lungo il sentiero 415 a Pian Neiretto e hanno chiesto aiuto. Sono state recuperate dai vigili del fuoco con il verricello e riportate a valle.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

21 COMMENTI

  1. No ma dai davvero non ci credo…..ma come si fa a perdersi a Pian Neiretto? Ma prima che non c’era Drago la gente non si perdeva?

  2. Ora spiegatemi come ci si fa a perdere su un sentiero?!?
    Questo servizio andrebbe reso a psgamento, poi vedi come passa la stanchezza…

    • Provo a spiegartelo con un semplice paragone. Il 118 è a pagamento? Se li chiami per una cazzata, paghi? No. Gli Ospedali e i medici non curano la gente sulla base del “se la sono cercata o no”. Perché uno dovrebbe pagare per il servizio di soccorso in montagna, anche se è stato un imbecille? Per di più, quando uno li chiama, non chiede l’intervento dell’elicottero. È la centrale operativa a mandare l’elicottero perché, oggettivamente, è il metodo più veloce e alla fine anche il meno costoso (mandare gente a terra non è gratis e richiede un sacco di tempo). Ultimo, ma non meno importante, un servizio a pagamento potrebbe scoraggiare qualcuno dal chiamare i soccorsi, quando in realtà sarebbero necessari, per la paura di dover pagare, con le potenziali conseguenze del caso. Sarebbe come mettere il 118 o il 112 a pagamento. Chi è sempre lì a sindacare sui costi di questi servizi mi sa che non ha ben idea di quante decine di miliardi vengono buttati ogni anno in emerite fesserie. Ordini di grandezza di più di quei quattro soldi per il salvataggio di gente in difficoltà.

    • Ciao Franco,
      io sono una delle 2 ragazze che si sono perse!! Bisognerebbe sapere veramente cos’è successo prima di pubblicare commenti inutili!!
      Poco tempo prima ho scalato il Roccia Melone quindi non insinuare che abbiamo chiamato il 112 perchè eravamo stanche!!
      Ciaoooooo!!!!

  3. Adesso basta!
    I tracciatori di sentieri devono smetterla di tracciarli così imprecisi da costringere leggiadre fanciulle, sportivi avventurosi terrorizzati al primo accenno di avventura e distratti forestieri di passaggio ad un riposante rientro in elicottero.
    Se invece scoprissimo che i sentieri sono tracciati correttamente, in indiscutibile assenza di nebbia da parecchio tempo, si dovrebbero introdurre rimedi/requisiti differenti:
    . licenza almeno elementare per escludere di dover soccorrere degli analfabeti
    . esame della vista come per la patente di guida con obbligo di lenti se necessario
    . divieto assoluto per quanti presentano sintomi evidenti di cataratta (non quella visiva ma quella che offusca il cervello).

    • Costi elicottero Regione per Regione
      Nella regione Piemonte, dal 2016 hanno cominciato a introdurre un prezzo elicottero nei casi in cui ricevevano chiamate del tutto immotivate (costo totale dell’intervento). Se l’infortunato viene in conseguenza dell’incidente, ricoverato dal Pronto Soccorso la chiamata e l’intervento sono gratuiti. Se si richiede il soccorso con l’elicottero la chiamata costa 120 Euro e altrettanto ogni minuto di volo. Se la chiamata di recupero, quindi l’incidente è stato causato da una scelta errata di percorsi segnalati secondo le capacità o dal mancato rispetto di eventuali divieti, il costo arriva ad un massimo di 1000 euro.
      Se venissero applicate queste tariffe,vedi come ritrovano la via del ritorno

  4. Dov’è finito ritardato che da del ritardato agli altri? Quello sempre pronto a insultare chi fa osservazioni su questa gente che si perde di continuo…Si sarà perso anche lui?

    • Do’ del ritardato a te e ai tuoi triplo nickname, perché sei ritardato.
      Non lo do’ ad altri. Ritardato!

  5. Una volta ci si perdeva in Nepal o nel deserto egiziano. Oggi a 25 minuti dal mercato del fungo di Giaveno. E vogliamo andare in guerra? Continuiamo a fare spaghetti che è meglio

  6. Ma i vigili…pagati da noi…non hanno di meglio da fare che spendere soldi pubblici a recuperare gente con l’elicottero?gente che può essere accompagnata a piedi o a cui alcune volte basta dare indicazioni…non sono in fin di vita e non hanno problemi di salute..in quel caso interverrebbe il soccorso alpino (volontari…)…

  7. Super commenti tutti quanti… Concordo in pieno con la sana ironia manifestata, senza beceri insulti!
    In effetti, fa davvero pensare, è impossibile perdersi a Pian Neiretto!!!
    Buona ( calda!) giornata a tutti!

  8. L’Italia, ad eccezione della Valle d’ Aosta è l’unico paese (a quanto mi risulta) che il soccorso con l’elicottero è gratuito per tutti. Non serve essere associato al al C.A.I all’ACI o a qualsiasi altra associazione. È gratuito. Sia per un soccorso stradale che per per un soccorso in parete con logico verricellamento, (questo lo condivido pienamente). Purtroppo se un escursionista (sempre in questo paese) smarrisce (!?!?) il sentiero, si sente in diritto/dovere di allertare il C.N.S.A. Tanto è gratuito e (e per loro/lui/lui) assolutamente doveroso. In Francia, Svizzera e paesi limitrofi invece è a pagamento. Il costo varia secondo la difficoltà, il tempo di soccorso e in numero di soccorritori impegnati tra i 7.000 e i 12.000 €. E non pensa che qui in Italia i soccorritori prendano un emolumento per il loro servizio, SONO VOLONTARI!!! Meditate prima di allertare!

  9. Basta, ora mi sale l’invidia; anche io voglio essere salvata dal mitico Drago!! Forse se cado perchè si rompe il tacco 12 della scarpa mentre passeggio in via Medail, oppure se mi perdo sul pratone del forte di Exilles LUI arriverà.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.