FOTO / FESTA SCUDETTO DELLA JUVE: SEQUESTRATI IN VALSUSA E NEL CANAVESE 80MILA GADGET CONTRAFFATTI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

DALLA GUARDIA DI FINANZA DI TORINO

Sono oltre 80.000 gli articoli sportivi sequestrati nella scorsa giornata dalla Guardia di Finanza di Torino recanti il marchio della squadra calcistica della Juventus falsamente “griffato” e pronti per essere immessi sul mercato in vista degli imminenti festeggiamenti per la vittoria dello scudetto.

Le indagini, condotte dai Baschi Verdi del Gruppo Torino e coordinate dalla Procura della Repubblica del capoluogo piemontese, hanno interessato due aziende del Torinese di stampaggi e articoli da regalo. Un’azienda ha sede in bassa Val Susa, mentre l’altra nel Canavese.

Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati oltre 80.000 articoli contraffatti nonché 20 macchinari industriali, apparati informatici impiegati per la produzione degli articoli contraffatti, 60.000 imballi oltre a file e cliché relativi ai marchi registrati per un valore di oltre 770.000.

 I titolari delle aziende coinvolte, due imprenditori italiani, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica per contraffazione, frode in commercio e ricettazione.

La merce sequestrata, gadget di ogni tipo della Juventus: maglie, magneti, cover, cuscini, era destinata, principalmente, ai festeggiamenti per la vittoria dello scudetto della squadra Piemontese.

 L’operazione rientra nel quadro delle attività svolte dalla Guardia di Finanza a tutela dell’economia legale e sono finalizzate a preservare il mercato dalla diffusione di prodotti non conformi rispetto agli standard di sicurezza imposti dalla normativa nazionale ed Europea.

Le indagini della Guardia di Finanza proseguono per ricostruire il profitto dell’illecita attività imprenditoriale.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Di questi 80.000 articoli i due imprenfitori italiani non avrebbero pagato un centesimo di tasse, li avrebbero dati da vendere ai extracomunitari, i vu’ compra’ , che a loro volta non avrebbero pagato un centesimo di tasse del loro guadagno e via discorrendo….
    In questi casi non si guarda il colire della pelle, dice c’ e’ da guadagnare sono tutti fratelli come vuole il vangelo.
    SOLO GLI SCEMI COME ME PAGANO FINO ALL’ULTIMO CENTESIMO DI TASSE E RISPETTA LE LEGGI.
    Scommettiamo che tutto finira’ in jn non nulla?
    Ad essere onesti si e’ proprio scemi.

    Comunque un plauso alla G.di F.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.