FOTO / NUOVI AUTOVELOX IN VALSUSA, SULLA STATALE 25 A SUSA / IL SINDACO PLANO: “SONO GIÀ ATTIVI, NE METTEREMO ALTRI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Uno dei due autovelox sulla statale 25 a Susa

SUSA – La Città di Susa ha installato i primi autovelox sulla statale 25, all’altezza della frazione San Giuliano. “Sono già attivi e non bisogna superare il limite dei 70 km/h – spiega a ValsusaOggi il sindaco Plano – si tratta di una zona di estremo pericolo, con vari incroci. Li abbiamo messi perché parecchi automobilisti vanno a tutta velocità e i semafori di rallentamento non li rispetta nessuno. A seguito delle segnalazioni dei residenti, per tutelare la loro incolumità, ne abbiamo messi due”.

FOTO / I NUOVI AUTOVELOX A SUSA (di Mauro Prunotto)

Plano specifica che si tratta di una sperimentazione: “Così come fatto con successo sulla statale a Borgone Susa, anche noi abbiamo fatto questa scelta. La nostra amministrazione ha intenzione di installare nuovi autovelox anche in altre parti critiche della città, come in Corso Stati Uniti, ecc. Stiamo valutando dove posizionare i prossimi”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

18 COMMENTI

    • Trovo più illegale non rispettare i limiti di velocità in centro abitato. Poi se sono illegale fai regolare denuncia agli organi competenti.

      • Pienamente d’accordo con Andy.. Li a San giuliano chi abita nelle due borgate rischia la vita ogni volta che deve immettersi sulla statale perché nonostante ci sia il rosso per chi transita sulla statale viene bruciato il semaforo anche a forte velocità pensando a volte che sia quello dietro che fa scattare il rosso…. È una scelta giusta bisogna rispettare i limiti e i rossi… Bravo sindaco Mettili per tutta susa almeno imparano a rispettare i limiti, i pedoni, e magari dopo un po’ di multe vanno a piedi e così capiscono cosa vuol dire la poca educazione stradale della gente.

        • Scusate, ma l’educazione si insegna con le multe fatte dalle forze dell’ordine, in sostanza il comune installa dei VeloOK che sono illegali, che non possono fare multe senza la presenza di vigili, allora non è meglio avere più spesso i vigili a controllare? All’estero non è che siano più educati, hanno semplicemente le forze dell’ordine presenti e che fanno pagare le multe.
          Allo stesso tempo è vero che limiti e striscie continue all’estero (per quel che mi riguarda parlo dell’Austria) sono fatti con cognizione di causa e non a ca..o di cane.

      • Il problema è il centro abitato che lì non ci dovrebbe stare. Il traffico auto e pedoni va separato su strade di una certa importanza. Una strada statale importante non deve passare in un centro abitato. Sta storia che i pedoni hanno sempre ragione mi sta stufando.

      • lapalissiano. solo che fra poco tutte le strade saranno un unico centro abitato. I sindaci sanno solo prelevare anzichè prevenire

  1. Gli autovelox fissi sono installabili solamente su strade urbane a scorrimento veloce, cioè con almeno due corsie per senso di marcia e carreggiate separate, per cui quegli autovelox sono illegali. Oltretutto non servono ad una cippa per la sicurezza, sevono solamente a fare cassa, come tutti i velox di questo mondo.

  2. In Francia prima delle telecamere mettono un cartello gigante con la scritta radar, e uno con la velocità da non superare, in modo che sia chiaro a tutti cosa succede e come adeguarsi… in ITalia, San Giuliano compreso, non si mette nessuna segnalazione, perché servono per fare cassa, non per proteggere vite, e anche secondo me, se non ampiamente segnalati sono illegali. In quanto ai semafori, sono malfunzionanti da sempre, a volte scattano a 50 km|h, a volte non scattano manco a 80, e scattano all’ultimo istante quando, se ci si ferma, si provoca un incidente, per cui bisognerebbe farli funzionare correttamente, ma certo non rendono come le splendide colonnine arancioni!

  3. iniziamo ad organizzarci . SPACCHIAMO questi mezzi mafiosi per far cassa sulle spalle dei cittadini.
    oggi una persona domani un’altra non potranno ripararli in eterno. così capiranno che la gente non li vuole.

  4. Concordo perfettamente con l’idea di Raul e degli altri sopra… loro mettono autovelox ILLEGALI e noi LEGALMENTE PAGHIAMO. così non va bene la guerra si fa ad armi pari. loro mettono autovelox e noi glieli rompiamo.
    anzi i sarei dell’idea di dirigere l’attenzione di quei teppistelli annoiati, affinché andare ad incendiare la valle, o distrugger beni della comunità… facciano qualcosa di utile distruggendo i beni dei mafiosi. mafiosi sono quelli che vogliono rubare i nostri soldi. non mi venite a raccontare la balla che a san giuliano la gente Non può attraversare la strada, SONO BALLE e lo sanno tutti, qui si vuole fare cassa alle spalle dei cittadini.
    prima la giunta Pano ha messo le strisce blu in Susa ora i multavelox.

    SINDACO INIZIA A PENSARCI LA PROSSIMA VOLTA NON TI VOTEREMO PIU SOLO POICHE SEI L’UNICA ALTERNATIVA AI sitav. LA POPOLAZIONE SI RICORDERA’ DI QUESTO AFFRONTO.

    • Spero che gente come voi che invita a rompere le cose venga denunciata per istigazione a delinquere… Ma cosa avete nella testa…. Basta andare a 70 orari e non prendete multe no…? Che siano legali o no cosa c’entra se c’è un limite va rispettato… Avete paura di pagare multe passate sulla 24 SS che di là non c’è ne sono per ora senza istigare a fare danni.

      • certo Marco , se domani il primo politico ti dice che devi andare ai 30 tu gli dai ragione e come un ciglione vai ai 30 orari poichè lo dice la legge e non ti opponi. se a San giuliano qualcuno dice che per il progresso bisogna fare una stazione… la gente non si deve opporre e deve chinare la testa. Se ragioni così marco, non ti lamentare se tua moglie debora ti tiene sulla’ attenti come un soldatino. a volte bisogna avere le palle per ribellarsi.

  5. Questi marchingegni possono sanzionare solo se è presente una pattuglia altrimenti sono solo dei deterrenti. Penso che costino più di quello che rendono . Il loro proliferare, come anche i famigerati t red, lo dobbiamo anche alla italica propensione a non rispettare il codice della strada. Per il resto in quel luogo i 70 orari sono sufficienti, se si ha fretta li vicino c’è l’autostrada. Buon viaggio.

  6. Che la pratica del posizionamento di questi aggeggi, piaccia a svariate amministrazioni, è cosa nota. Ed il bello è che il ricorso ad essi non ha colore politico. Detto ciò è altresì vero che non passa settimana che sulle strade della nostra Valle non accadano incidenti, a volte ahimè, anche mortali. Come ribadito da molti, i limiti ci sono e basterebbe rispettarli: le colonnine sono una diretta conseguenza del fatto che gli utenti della strada se ne infischiano del codice di condotta degli autoveicoli, un po’ perché non c’è controllo ed un po’ perché le pene sono troppo lievi. In relazione all’off topic di qualcuno che riporta di abbassare la testa ad ogni imposizione legislativa, porto questo esempio tutto italiano: ogni anno sento dire la gente “….. Basta tasse non pago più nulla, che mi vengano a prendere a casa, sono tutti ladri!!!”. E poi sempre gli stessi, all’approssimarsi delle scadenze, corrono come cani con la coda fra le gambe a fare diligentemente la coda in posta o in banca per pagare gli emolumenti dovuti. Siamo coerenti per cortesia. Se vogliamo fare i lupi, facciamolo fino in fondo altrimenti qualunque pecora può travestirsi……

    • Purtroppo conviene fare i leoni da tastiera che essere coerenti, se sei ribelle certo non lo fai con la tastiera ma con i fatti, ed essere ribelle costa e non parlo di danaro con quello ti paghi gli avvocati. Per tanto concordo quanto detto meno pecore e più leoni ma non da tastiera, poi chi incita il disordine pubblicamente lo trovo alquanto immaturo se una cosa la vuoi fare, falla e non ti vantare altrimenti risultate peggio dei politici.

      Buona valle a tutti.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.