GIAVENO, CITTADINANZA ONORARIA A ENRICO CALAMAI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla CITTÀ DI GIAVENO

GIAVENO – Il Consiglio Comunale del 18 marzo ha votato all’unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria a Enrico Calamai, il diplomatico ed ex viceconsole che negli atti ’70 si impegnò in Argentina per la difesa dei diritti umani.

La sua esperienza ha ispirato la fiction televisiva “Tango per la libertà” ed è stata al centro di un documentario della serie “La storia siamo noi”. Grazie al suo ruolo all’interno del consolato in Argentina, Calamai riuscì a salvare molti italo-argentini dal regime dittatoriale di Videla, dai viaggi della morte, dal destino di desaparecidos, mettendo a rischio la propria vita. Per questo è soprannominato “Lo Schindler di Buenos Aires”. Quando lavorò in Cile, durante il colpo di Stato di Pinochet, fece lo stesso.

“Avrei potuto chiudere gli occhi, ma mi sentivo un privilegiato rispetto a tanti e ho deciso di sfruttare questo mio privilegio a vantaggio di quei tanti che mi chiedevano aiuto” ha detto Calamai nel suo passaggio a Giaveno nel 2016, quando incontrò gli studenti del Pascal, i consiglieri comunali e i cittadini.

Questa cittadinanza onoraria, che segue quella a Vera Vigevani Jarach, una delle fondatrici del movimento delle ;adri di Plaza de Mayo, testimonia illegame di Giaveno con i paesi del Sud America in cui tanti connazionali, e soprattutto piemontesi, hanno trovato fortuna con le migrazioni dei primi decenni del Novecento.

“Calamai è un esempio di opposizione alle dittature, di grande coraggio, di come ciascuno di noi possa fare la differenza, anche in condizioni estreme”, commenta il Sindaco Giacone. Calamai sarà ricevuto per il conferimento e per incontri e scuole i prossimi 2 e 3 maggio.

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.