GIAVENO, MADIMÒ APERTO A PRANZO E CON CENA D’ASPORTO: GNOCCO FRITTO E SPECIALITÀ EMILIANE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

GIAVENO – Il sapore e l’autenticità culinaria di Modena, nella bellezza del centro storico di Giaveno. In via Maria Ausiliatrice 28 c’è Madimò: il luogo perfetto per calarsi nella vera tradizione gastronomica modenese con tigelle e gnocco fritto!

Chiamate nel resto d’Italia come “crescentine”, le tigelle sono delle piccole focacce imbottite di forma rotonda, preparate con farina, acqua, strutto e lievito. I dischi di terracotta o di pietra refrattaria in cui originariamente erano cotte le crescenti sono infatti dette tigelle, che in latino volgare significava “coperchio”, dal verbo tegere (coprire). E non c’è tigella senza il suo gnocco fritto, ossia una pasta fritta rettangolare, di colore dorato, vuota all’interno e dal sapore unico e pieno.

Tradizione e qualità, Madimò è sicuramente il luogo perfetto per gustare un pasto all’insegna del buon cibo ma, perché no, anche degli spuntini perfetti per una pausa da lavoro o da studio!

Madimò è aperto tutti i giorni dal lunedì alla domenica, a pranzo dalle 12 fino alle 14.30 al tavolo e con servizio d’asporto, la sera per ora è attivo esclusivamente il servizio d’asporto dalle 18 alle 22, in seguito all’ultimo DPCM.

Tutti i piatti sono preparati a mano e fatti in casa, da gnocchi e tigelle, alle lasagne e ai dolci: da provare il menù pranzo a prezzo fisso (12 euro), tutti i giorni eccetto la domenica.

Il menù prevede 6 tigelle o gnocchi fritti farciti con crudo, mortadella e pancetta più una farcitura a scelta; bibita o calice di vino (impossibile non assaggiare il lambrusco della cantina di Santa Croce di Carpi, una vera delizia per il palato) più il caffè. Ma non solo. Nell’ora di pranzo, per chi volesse scoprire la cucina modenese, è possibile assaporare anche piatti di pasta al forno fatti in casa, come le lasagne; la goccia d’oro, ossia un piatto tipico ferrarese con funghi trifolati, prosciutto cotto, emmenthal e besciamella oppure le lasagne bianche vegetariane (con zucchine).

Infine, per ricominciare al meglio la vostra giornata nel pomeriggio, vi consigliamo vivamente di concludere il pranzo con i dolci tipici emiliani: dal mascarpone con Nutella alla torta Barozzi, storico dolce di Vignola. E poi ancora il semifreddo al nocino oppure l’intramontabile zuppa inglese.

Fedele alle radici di un territorio ricco di cultura gastronomica e di preziosi ingredienti, il ristorante vi propone menù tipici con le specialità degli appennini modenesi, salumi e formaggi d’eccellenza DOP e IGP di provenienza emiliana, il pesto di lardo condito fatto in casa come farcitura, lambruschi e spumanti originali della Cantina di Carpi, aceto balsamico di Acetum di Ponte Motta IGP e DOP.

Proprio per questo motivo, Madimò saprà conquistarvi dal primo istante: un’atmosfera rilassata, uno staff giovane, sorridente e sempre attento. Non si paga il coperto, e potete trascorrere il pranzo nel dehors interno in un delizioso cortile al coperto.

Cosa state aspettando? Chiamate subito il numero 333 606 8058 e immergetevi nella tradizione modenese.

Madimò – Gnocco e Tigelle
Giaveno, via Maria Ausiliatrice 28
Tel 333 606 8058
Facebook @madimogiaveno

(Informazione pubblicitaria a cura della New Press – Testo di Andrea Musacchio)

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.