NATALE A GIAVENO, DUE INIZIATIVE PER I BAMBINI: RACCONTA UNA FAVOLA E DONA UN GIOCO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

di LUCA CALCAGNO

A Giaveno che il Natale sia la festa dei bambini non è un modo di dire. Oltre ai laboratori e all’intrattenimento che “La Valle di Babbo Natale” offrirà fino al 6 gennaio, due sono le iniziative dell’Amministrazione rivolte ai più piccoli.

La prima è “Racconta la tua favola di Natale” in cui bimbi e nonni dovranno scrivere e illustrare insieme un favola d’invenzione a tema natalizio e imbucarla nella cassetta postale rossa fuori dalla casetta di Babbo Natale nella Valle di piazza mosignor Del Bosco. Il racconto migliore verrà letto sabato 19 dicembre in diretta dalla postazione in loco di Radioreporter 97, stazione radiofonica partner della Valle.

“Dona un gioco”, la seconda iniziativa di stampo solidale. Nei giorni 13 e 20 dicembre, dalle 14 alle 18, nel punto di raccolta sotto l’Albero di Natale di piazza San Lorenzo, sarà possibile portare giochi, fumetti e oggetti dell’infanzia che verranno donati ai bambini meno fortunati. Tutto quanto sarà raccolto verrà consegnato all’Associazione Sole Donna e al Comitato Locale della Croce Rossa Italiana che si occuperanno di ridistribuirlo.

“Accanto alle tante attrazioni previste per i bambini all’interno della Valle di Babbo Natale l’Amministrazione e gli organizzatori hanno voluto prevedere iniziative per non dimenticare che il Natale è un’occasione per condividere buoni sentimenti” spiega l’assessore alla Scuola e alle Attività educative Anna Cataldo. “Con “Racconta la tua favola di Natale” il legame affettivo tra nonni e nipoti avrà modo di consolidarsi, attraverso la condivisione di un’attività creativa in cui saggezza e spensieratezza potranno incontrarsi.
Invece con la raccolta di giocattoli, libri, nuovi o usati si è voluto dare un segnale di solidarietà, cercando con un dono di riuscire a far felice chi ha meno possibilità di altri di esserlo. Natale vuol dire anche generosità. Credo che a livello educativo possa essere un bell’esempio per tutti”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.