PASSEGGIATE COI FIGLI: “IN PIEMONTE STATE A CASA, RIMANGONO REGOLE RESTRITTIVE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla REGIONE PIEMONTE

“Continuiamo con la linea del rigore e continuiamo a restare a casa. Nessun allentamento delle misure di contenimento in Piemonte”. Lo precisa il Presidente della Regione Alberto Cirio rispetto all’apertura da parte del Governo alle brevi passeggiate genitore e figlio.

Continua Cirio: “Nella nostra regione continuano a valere le regole più restrittive. Bisogna continuare a stare a casa. Solo così vinceremo la battaglia”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

8 COMMENTI

  1. Si sono già visti i risultati nelle città.. lo stato non ha capito niente …e tante persone ancora meno …oggi sembrava come quando apri le porte dei pollai dopo l inverno …..

  2. E passeggiate sì, e passeggiate no. Con i cani sì, con i bimbi no. Corsettina sì ma solo saltellando sul piede sinistro nei giorni pari. Spesa sì, ma vino no. Con le persone anziane solo se c’è il sole. A 1000 m da casa, anzi no, facciamo 200 m perché l’ho letto su internet (ma solo con il certificato del geometra).
    E’ urgente che le normative siano semplici e chiare e si parli in modo univoco in tutta italia, e non che ogni scappato di casa dica la sua.

  3. Le indicazioni sono più che chiare.
    Le regole migliori, purtroppo coincidenti con le più restrittive, possiamo tranquillamente darcele da soli.
    Basta ragionare da adulti a qualsiasi età e senza aggrapparsi ad ogni fesseria pur di potersi giustificare nel disattenderle.
    Forse tre bottiglie di vino non sono state l’infrazione più stolta.

  4. noi continuiamo a stare a casa. una passeggiata fa piacere a tutti ma bisogna essere responsabili e aspettare. questo è il mio pensiero.

  5. Non capisco il fatto di non poter andare nelle seconde case. Quando si è arrivati si sta in casa come in città , si fanno lavoretti, pulizie…. La trovo una legge troppo comunista. Vietare le cose a chi può per non offendere chi non può. Una cretinata

    • È una questione di rispetto …. anche perché il sabato e la domenica ci sono ancora troppe persone delle seconde case che salgono e non stanno in casa ..le vedo dalla mia finestra zaino in spalla rigorosamente in gruppo e via per i monti

  6. Condivido pienamente!!!!dobbiamo stare a casa e non trovare il piu stupido aggancio per uscire….ci chiedono questo e noi dobbiamo farlo anche nel rispetto dei medici…infermieri..personale sanitario in prima linea per noi….se rispetteremo saremo rispettati…..

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.