SANITÀ / INDAGATO BORASO, EX DIRETTORE ASL TO3: “ACCUSATO PER UN APPALTO TRUCCATO E FAVORI ALLA COMPAGNA”

La replica: "Ho sempre agito correttamente, sono pienamente fiducioso nell'operato della giustizia"

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Flavio Boraso

L’ex direttore generale dell’Asl To3 di Valsusa, Valsangone, Cintura di Torino e Pinerolese Flavio Boraso (ex direttore generale dell’Asl To4 e attuale direttore generale dell’Asl di Asti) è indagato dalla Procura di Torino con le accuse di turbativa d’asta, corruzione e falso. Il potente manager della sanità piemontese, molto conosciuto in Valsusa e in Cintura di Torino, ha ricevuto martedì 4 ottobre l’avviso di conclusione delle indagini. L’inchiesta del pubblico ministero Gianfraco Colace è suddivisa in due filoni. Boraso viene accusato di avere influenzato illecitamente un concorso nell’Asl To4, per far diventare primario di radiologia la sua compagna, Francesca Bisanti. Anche lei è stata indagata dalla Procura di Torino insieme al direttore sanitario dell’Asl To4, Mario Traina, a un carabiniere, un finanziere e un imprenditore. Nel secondo filone dell’inchiesta, Flavio Boraso è anche indagato per un appalto da 57 milioni di euro assegnato proprio negli anni in cui era a capo dell’Asl To3 per forniture, servizi e lavori negli ospedali di Pinerolo e Rivoli. Difeso dall’avvocato Vincenzo Enrichens, Boraso nega qualsiasi imputazione. “Dopo cinque anni di indagini – ha dichiarato al quotidiano TorinoToday a proposito dell’inchiesta – in cui non sono mai stato sentito, avremo finalmente modo di leggere gli atti. Sono e resto pienamente fiducioso nell’operato della giustizia e nella possibilità di dimostrare di aver agito correttamente“. Quindi la difesa di Boraso respinge ogni accusa, ritenendo che l’appalto si sia svolto senza alcuna irregolarità e che non avrebbe fatto alcuna pressione per la nomina della dottoressa Bisanti al ruolo di primario.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Urca, ma lui è suo direttore sanitario non avevano messo sotto processo il dottor La brocca?
    Non erano sempre loro che avevano sospeso il dipendente delle camere mortuarie perché indagati e poi assolti?
    Ma il sistema anticorruzione nelle pubbliche aziende serve a cosa?
    Chissà se non ci sono altre situazioni analoghe…a pensar male si fa peccato ma quasi mai ci si sbaglia…

  2. Ma dai, è crollato il piccolo re! Quanti ne abbiamo già incontrati: prima fanno gli splendidi, onnipotenti, arroganti superbi, dopo neanche uno che si assuma le proprie responsabilità.
    Siamo NOI a dover essere adesso fiduciosi nell’operato della magistratura.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.