SANT’AMBROGIO: IN ARRIVO LE VIDEOCAMERE CONTRO I FURTI, NEL PARCHEGGIO DELLA FERRATA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

SANT’AMBROGIO – Tornano dalla mulattiera della Sacra di San Michele e si ritrovano le auto derubate, con i nottolini infranti. Sono già numerose le segnalazioni di furti nel parcheggio alla partenza della via ferrata di Sant’Ambrogio; l’ultimo la scorsa settimana, il 7 ottobre: “Ho parcheggiato l’auto nel parcheggio apposito e l’ho lasciata lì incustodita dalle 10 alle 15 circa: tempo di salire, goderci il panorama e scendere dall’antica mulattiera – scrive una escursionista su Facebook – purtroppo al ritorno, la mia bella Fiesta è stata aperta e mi è stato sottratto dal bagagliaio lo zaino dove tenevo un cambio di vestiti e pochi soldi”. La malcapitata continua: “Sono stata poi contattata più tardi da una persona, che ha ritrovato il mio zaino nella zona industriale di Avigliana, senza più i soldi ma con vestiti e il beauty che vi avevo riposto, per potermi cambiare al ritorno dalla ferrata. Sicuramente, qualcuno si è approfittato del fatto che le auto sono parcheggiate fuori paese e in prossimità della via ferrata sarebbero rimaste incustodite a lungo, quindi prestate tutti attenzione in questi frangenti”.

Inaugurata lo scorso maggio, la via ferrata Carlo Giorda, con il nuovo ponte tibetano, è diventata in poco tempo la meta prediletta da molti appassionati di montagna, basti come conferma il parcheggio sulla statale 25, a Sant’Ambrogio, proprio ai piedi della ferrata e sempre pieno di auto, non solo nei week end ma anche durante la settimana.

Dal Comune si sono già attivati per bloccare il fenomeno dei furti, infatti il sindaco Fracchia precisa: “Abbiamo un servizio di vigilanza, per ora solo nei fine settimana: il primo provvedimento immediato ed operativo è costituito appunto dai turni dei carabinieri nella zona della ferrata. Non possiamo rassicurare gli utenti del percorso in modo continuativo, ma cerchiamo di coprire il maggior numero di ore possibile”. E per il futuro? “Abbiamo in previsione delle videocamere e un impianto di illuminazione: non so ancora i tempi definitivi – continua Fracchia – ma assicuro che il preventivo è già tutto a bilancio, è una questione di mesi, anche in funzione dell’attività presso il Laghetto dei camosci”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.