SANT’ANTONINO, POLEMICA SULLA PRESENZA DEI VIGILI URBANI DAVANTI ALLA SCUOLA / IL SINDACO: “ABBIAMO DUE AGENTI E SOLO UNO PUÒ ANDARE IN STRADA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SANT’ANTONINO DI SUSA – Botta e risposta tra maggioranza e opposizione su alcuni temi del paese. Tramite una lunga lettera, il sindaco Susanna Preacco ha risposto in modo dettagliato a varie questioni espresse in un documento sottoscritto dai due gruppi di minoranza. Uno degli argomenti riguarda la scarsa presenza della polizia municipale in paese. “I vigili non sono presenti in modo puntuale in alcuni servizi di routine – accusano i consiglieri di Unione Democratica per Sant’Antonino e della Lista Indipendente – come l’entrata/uscita dei bambini da scuola, questa mancanza è pericolosa” .

“La situazione dei vigili è purtroppo problematica – ammette il sindaco Preacco – a Sant’Antonino spettano 4 vigili (1 ogni mille abitanti) e ne abbiamo invece solo 2 di cui, purtroppo, per problemi di salute, uno non può operare su strada da parecchio tempo. Quindi ne resta solo un altro, nella fattispecie il comandante della Polizia Municipale. È attiva una convenzione con il Comune di Borgone che, fino a settembre aveva in servizio due vigili di cui uno è andato in pensione, e non è stato possibile sostituirlo. La legge, tra l’altro, non permette di assumere per concorso perché il Comune, pur avendo i fondi necessari, non ha i resti indispensabili. L’unica possibilità consentita dalla legge è  la mobilità. Il Comune di Borgone ha pubblicato il bando, ma nessuno si è presentato. Quindi, tra noi e Borgone abbiamo due vigili operativi su strada. Considerato che il comandante della Polizia Municipale lavora il sabato per garantire il mercato, ovviamente un altro giorno della settimana deve essere libero: si può avere la copertura del servizio negli altri giorni, considerando che il vigile di Borgone ha le scuole del suo Comune da seguire. Noi riteniamo che svolgano davvero un buon servizio, considerata la situazione in cui operano, senza calcolare le decine di ore di straordinario che effettuano per coprire i servizi istituzionali e le manifestazioni estive. Comunque, dopo aver svolto un’indagine con alcuni dei genitori che accompagnano i bambini a scuola, ci risulta che i vigili siano tendenzialmente presenti nell’orario scolastico”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. La solita manfrina……. I posti vaganti dovevano essere coperti quando anni fa non c’erano problemi di stabilità finanziaria. Invece le amministrazioni valsusine si vantavano di riuscire a fare funzionare il proprio comune con meno personale. Al sud che hanno sempre assunto in maniera diciamo più allegra hanno molti meno problemi con il personale.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.