SCI A BARDONECCHIA DAL 15 FEBBRAIO: “ATTENDIAMO CHIARIMENTI DAL GOVERNO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA COLOMION SPA

BARDONECCHIA – Arriva il via libera alla riapertura degli impianti di sci dal 15 febbraio nelle zone gialle. Ma la possibilità che gli appassionati possano tornare a sciare a Bardonecchia dipenderà dalle scelte alle quali sarà chiamato il nuovo governo di Mario Draghi: revocare, o meno, il divieto di spostamento tra le Regioni.

Nicola Bosticco, Amministratore Delegato della Colomion, rassicura clienti ed operatori sulla determinazione della società ad aprire piste ed impianti di risalita a partire dalla data indicata dalle istituzioni. “È importante che finalmente la voce del mondo dello sci sia stata ascoltata. Stiamo portando avanti da tempo, in diverse sedi, la possibilità di una riapertura in sicurezza degli impianti di risalita. Il protocollo messo a punto dalle Regioni è basato su di un grande lavoro di squadra che vuole tenere insieme la priorità sanitaria, ma anche la difesa del lavoro dell’economia locale. Sarà fondamentale rimanere in zona gialla alla presunta data di apertura del 15 febbraio e di continuare a mantenere tale colore il più a lungo possibile. Da oggi la società Colomion ha iniziato la preparazione di piste e impianti, sono in funzione i mezzi battipista ed è ripresa anche la produzione di neve in tutte quelle parti del comprensorio che lo richiedono. Faremo del nostro meglio per garantire la miglior fruibilità possibile dell’area sciabile, ma bisogna sottolineare che si tratta di un ulteriore ed ingente impegno intermini di risorseed è, quindi, importante che il periodo di apertura previsto sia congruo con i costi sostenuti dalla società. Bisogna, inoltre, considerare che qualora dovesse permanere il divieto di spostamento tra le regioni, i flussi turistici risulterebbero estremamente esigui. La nostra priorità è la sicurezza degli utenti, rimaniamo però in attesa di ulteriori chiarimenti sulle modalità di contingentamento e sul numero massimo di skipass che potremo vendere. Intanto, come indicato dai protocolli ci siamo attrezzati con nuove casse automatiche e sistemi di vendita online, in modo da monitorare il numero di presenze in pista ed evitare assembramenti. Sarà fondamentale il coordinamento con le Forze dell’Ordine.Tuttavia, l’eventuale apertura dal 15 febbraio non deve distogliere l’attenzione dal tema dei ristori, che restano determinanti per la sopravvivenza delle attività del comparto, il quale non registra incassi significativi da marzo 2020. Inoltre, fino ad oggi i dipendenti stagionali non hanno goduto di nessuna forma di tutela da parte delle Istituzioni. Il governo dovrebbe assicurare, in caso di nuove limitazioni oppure chiusure, la possibilità di dare accesso alla cassa integrazione anche a tale categoria di lavoratori”.

Nei prossimi giorni la Colomion comunicherà la programmazione delle aperture del comprensorio e i relativi prezzi degli skipass. Per maggiori informazioni visitare il sito www.bardonecchiaski.com.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.