SCI, LE NOVITÀ DELLA VIALATTEA: “LIEVE AUMENTO PER GLI SKIPASS, NONOSTANTE IL CARO ENERGIA”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "SKIPASS GIORNALIERO Nonostante forti aumenti dell' energia elettrica e dei carburanti il prezzo dello skipass giornaliero Vialattea ha subito solo un lieve aumento, da € 41,00 a 44,00. Sarà anche praticato uno sconto di euro per premiare chi effettua l'acquisto online, ad esclusione del prodotto internazionale Montiluna/Montgenèvre. Prezzi skipass giornalieri Giornaliero Vialattea online in biglietteria €43,00 Giornaliero Pragelato-Banchetta Giornaliero Montiluna (Cesana e Claviere) Giornaliero Montiluna/Montgenèvre Giornaliero Vialattea Internazionale 29,00 44,00 € 30,00 29,00 prezzi potranno essere adeguati in caso di eventuali aumenti dell'IVA € 30,00 45,50 53,50 45,50 di ulteriori importanti aumenti € 53,50 energia elettrica"

TORINO – Riparte la campagna per gli stagionali dello sci alpino. Venerdì 21 ottobre la Vialattea ha presentato le novità nella conferenza stampa al Grattacielo Sanpaolo. Andrea Agnelli ha portato il saluto alla nuova proprietà, il fondo Icon. Il presidente Brasso ha reso noto che nell’ultima stagione 2021-2022 ha perso circa il 2,7% dei ricavi e circa il 22% dei passaggi, rispetto alle due stagioni precedenti 2018/2020. Il calo di passaggi e incassi, secondo Brasso, è stata causata in gran parte dalle condizioni dell’innevamento naturale. Brasso ha ricordato il ritorno al classico skipass stagionale: “La maggior parte della nostra clientela ci ha fatto capire che non si assoggettava al click per acquistare via via le giornate di sci”. La nuova proprietà della Vialattea, per voce della consigliera di amministrazione Ivana Semeraro, ha detto: “Dalla prossima stagione invernale, abbiamo limitato il più possibile gli aumenti. Dal giornaliero ai plurigiornalieri gli aumenti sono stati mediamente del 5% se si acquistano skipass online, e del 7/8% se si acquistano alle biglietterie, al di sotto dell’inflazione e dell’aumento dei costi sostenuti dalla Vialattea nonostante il caro energia”. Nel periodo promozionale lo skipass stagionale Vialattea costa 850 euro, dal 15 novembre in poi l’unica tariffa intera sarà di 1200 euro. Il giornaliero Vialattea costa 3 euro in più (nonostante il rincaro dei costi energia): 44 euro in biglietteria e 43 euro online.

<strong>IL DISCORSO INTEGRALE DI GIOVANNI BRASSO (Presidente della società degli impianti Vialattea Sestrieres Spa)</strong>

Finalmente di nuovo insieme, finalmente il nostro incontro annuale ritorna di attualità, finalmente possiamo riprendere un percorso interrotto in modo piuttosto burrascoso a causa del Covid a marzo 2020.
Tante cose sono successe in questo lasso di tempo, si potrebbe dire che parecchia acqua è passata sotto i ponti ma, proprio per dare un segnale positivo, anche se parziale, a questa ripartenza, peraltro già iniziata nel 2021/2022 non parlerò del passato e dei cambiamenti che questo passato ha apportato a tutti noi, mi limiterò ad un’analisi sommaria della stagione 2021/2022 e a presentare quelle che saranno le novità salienti per la stagione 2022/2023.
Prima però permettetemi di ringraziare il Parlamento Italiano per come si è mosso a favore del settore della montagna a livello nazionale a proposito dei ristori. In particolare desidero ringraziare i Parlamentari piemontesi, qui molto bene rappresentati, che hanno coordinato più tavoli di lavoro che hanno permesso il raggiungimento di obiettivi fondamentali per tutto il settore della montagna, garantendo la sopravvivenza di molte piccole e medie stazioni sciistiche.

<strong>GLI INCASSI DELLA VIALATTEA: NELL’ULTIMA STAGIONE PERSO IL 2,7% DEI RICAVI // I NUMERI DI OGNI LOCALITÀ</strong>

<a href=”https://www.valsusaoggi.it/sci-in-valsusa-gli-incassi-della-vialattea-e-lanalisi-del-presidente-brasso-il-discorso-integrale/screenshot-1020/” rel=”attachment wp-att-290255″><img class=”alignnone size-full wp-image-290255″ src=”https://www.valsusaoggi.it/wp-content/uploads/2022/10/Screenshot-1020.png” alt=”” width=”744″ height=”765″ /></a>

Per quanto riguarda i numeri della scorsa stagione potrete constatare dalla tabella che la Vialattea ha reagito al Covid in modo diverso nelle varie aree. Per quanto riguarda i ricavi noterete che l’area di Sestriere ha registrato un aumento di circa l’1%, l’area di Sauze d’Oulx un aumento di circa il 3,5%, l’area di Sansicario una diminuzione di circa il 25% e l’area di Cesana Claviere una diminuzione di circa il 35%, mentre per quanto riguarda i passaggi noterete che c’è stato un calo generalizzato probabilmente dovuto alla scarsità di neve naturale, limitato sull’area di Sestriere che ha perso circa il 12% , limitato anche sull’area di Sauze d’Oulx che ha perso circa il 25,5% , molto più importante sull’area di Sansicario che ha perso circa il 38,5% e sull’area di Cesana-Claviere che ha perso circa il 31,5%.
<strong>Complessivamente, considerando il peso specifico delle varie aree, la Vialattea ha perso circa il 2,7% dei ricavi e circa il 22% dei passaggi. Questi dati sono riferiti alla media realizzata nelle stagioni 2018/2019 e 2019/2020.</strong>

<strong>In considerazione del fatto che la contrazione negli incassi e nei passaggi che vi è stata illustrata sulla tabella 1 è stata causata in gran parte dalle condizioni dell’innevamento naturale</strong>, vi propongo la tabella 2 sulla quale sono evidenziate in rosso le precipitazioni nevose avvenute in Vialattea e in blu le temperature registrate al di sotto dello zero dalle stazioni meteo locali della Regione Piemonte.

<a href=”https://www.valsusaoggi.it/sci-in-valsusa-gli-incassi-della-vialattea-e-lanalisi-del-presidente-brasso-il-discorso-integrale/screenshot-1021/” rel=”attachment wp-att-290256″><img class=”alignnone wp-image-290256 size-full” src=”https://www.valsusaoggi.it/wp-content/uploads/2022/10/Screenshot-1021.png” alt=”” width=”1325″ height=”514″ /></a>

Noterete che le precipitazioni nevose sono state scarse, fra le più basse dell’ultimo trentennio, mentre fortunatamente le temperature sono state idonee a produrre neve programmata in quantità sufficiente per garantire la pratica dello sci in modo conforme ed in sicurezza. Infatti le temperature idonee per la produzione della neve sono quelle al di sotto della linea rossa nella tabella medesima.
Per quanto riguarda la situazione generale credo non potessimo aspettarci di meglio, il numero di clienti del Winter Pass è stato più o meno in linea con quello degli anni precedenti, i clienti di skipass giornaliero e plurigiornaliero non sono mancati, così come non è mancata la clientela straniera, se pur un po’ condizionata dalle varie restrizioni applicate dai paesi di provenienza. I nostri clienti hanno solo sciato meno.
Noi comunque siamo stati soddisfatti, abbiamo ulteriormente constatato che la Vialattea non tradisce mai e che ci apprestiamo a riprendere il trend di crescita interrotto in questi 2 anni così impegnativi.

<strong>LE NOVITÀ SUGLI IMPIANTI DI RISALITA E IL RITORNO ALLO SKIPASS STAGIONALE</strong>

<a href=”https://www.valsusaoggi.it/?attachment_id=290229″ rel=”attachment wp-att-290229″><img class=”wp-image-290229 size-full” src=”https://www.valsusaoggi.it/wp-content/uploads/2022/10/lavori_nuovo_cit_roc_15.jpg” alt=”” width=”1024″ height=”768″ /></a> La nuova Cit Roc a Sestriere

Ci tengo ancora a comunicarvi che il rinnovo della vita tecnica della <strong>Motta</strong> ha dato i risultati sperati, facendola funzionare a pieno regime per quasi tutta la stagione. Per quanto riguarda il <strong>Nuovo Sises</strong> che è stato realizzato, abbiamo avuto delle soddisfazioni di gran lunga superiori alle aspettative: accorciandolo di 300 metri abbiamo potuto farlo entrare in esercizio nelle giornate festive e prefestive per l’intera stagione. Due numeri non guastano mai: l’impianto ha effettuato oltre 50.000 trasporti che per una sciovia che ha funzionato il sabato e la domenica con una capacità di 400 persone/ora è da considerare eccezionale.
Va anche detto che è stato potenziato il settore marketing dell’azienda per far conoscere maggiormente il marchio della Vialattea nel mondo con l’obiettivo di intercettare un numero sempre maggiore di clienti stranieri.
<strong>Per quanto riguarda le novità per il futuro la più significativa sarà il ritorno al tradizionale skipass stagionale</strong>, questo perché riteniamo che non dovremmo più correre il rischio di forme di contingentamento nella portata degli impianti durante la prossima stagione ma anche perché <strong>la maggior parte della nostra clientela ci ha fatto percepire che non si assoggettava volentieri al “click” per acquistare via via le giornate sci.</strong>
Sicuramente scontenteremo coloro, soprattutto i più giovani e quelli che sciano meno, che avevano visto questa forma di acquisto come una innovazione in sintonia con i tempi. Ma noi non possiamo far altro che cercare di soddisfare le esigenze della maggior parte dei nostri clienti e sperare che gli altri si adattino.
Altra novità saliente è la realizzazione della <strong>nuova seggiovia Cit Roc, i cui lavori sono in fase di ultimazione e, salvo imprevisti, sarà inaugurata in occasione del ritorno a Sestriere della Coppa del Mondo</strong> della quale prima vi ha già parlato il Presidente del Comitato Organizzatore, Gualtiero Brasso. Il Cit Roc sarà un impianto 6 posti con una capacità di trasporto di 2600 persone/ora ed una velocità di 5 metri al secondo.

<strong>L’INNEVAMENTO ARTIFICIALE NON ENTRERÀ TUTTO IN SERVIZIO</strong>

<a href=”https://www.valsusaoggi.it/?attachment_id=290245″ rel=”attachment wp-att-290245″><img class=”wp-image-290245 ” src=”https://www.valsusaoggi.it/wp-content/uploads/2022/10/Maurizio-Beria.jpg” alt=”” width=”451″ height=”301″ /></a> Beria, presidente dell’Unione dei Comuni Vialattea

Devo ancora dirvi che venerdì 7 ottobre, l’Unione dei Comuni ci ha comunicato che, <strong>a causa del ben noto aumento dei costi energetici, non potrà far entrare in esercizio tutto l’impianto di innevamento di sua  proprietà o nella sua disponibilità sulle aree di Sauze d’Oulx, Cesana-Sansicario e Claviere-Montiluna.</strong> Procederà ad innevare le piste che garantiscono il collegamento di tutte le località del comprensorio.
Come avete sentito nell’intervento del Presidente dell’Unione dei Comuni da giorni stiamo lavorando alacremente al fine di risolvere questa criticità e far in modo che all’apertura della stagione le cose, almeno dal punto di vista logistico, siano ricondotte, per quanto possibile, alla normalità.

<strong>I NUOVI PROPRIETARI DEL FONDO ICON</strong>

<a href=”https://www.valsusaoggi.it/?attachment_id=290240″ rel=”attachment wp-att-290240″><img class=”wp-image-290240″ src=”https://www.valsusaoggi.it/wp-content/uploads/2022/10/Ivana-Semeraro-2.jpg” alt=”” width=”489″ height=”327″ /></a> Ivana Semeraro, rappresenta i nuovi proprietari inglesi Icon nel cda della Sestrieres Spa

La novità più importante che cito per ultima perché mi serve per lanciare il successivo intervento è quella che, come tutti ormai sapete, il pacchetto azionario della Sestrieres SpA è passato dall’ABC e da Pubbli-Gest al fondo infrastrutturale ICON, qui rappresentato dalla Dottoressa Semeraro, oggi facente parte del Consiglio di Amministrazione della Sestrieres, che ve lo presenterà in modo compiuto.

<strong>LA SESTRIERES SPA È UNA DELLE AZIENDE PIU PERFORMANTI DEL SETTORE IN EUROPA</strong>

<a href=”https://www.valsusaoggi.it/?attachment_id=290237″ rel=”attachment wp-att-290237″><img class=”wp-image-290237 size-full” src=”https://www.valsusaoggi.it/wp-content/uploads/2022/10/Gli-Onorevoli-intervenuti-alla-presentazione-della-Vialattea.jpg” alt=”” width=”1980″ height=”1323″ /></a> Brasso e Perron Cabus con i politici e parlamentari piemontesi, tra cui Porchietto, Napoli, Iaria, Appendino, Ambrogio

A questo proposito devo dirvi, anche con un po’ di orgoglio personale, che nel lontano luglio 2006 io e l’amico Sandro Perron Cabus abbiamo acquistato da una società del gruppo Fiat la Sestrieres SpA, che era una società sana, ben strutturata e ben amministrata ma che performava poco finanziariamente, l’abbiamo ristrutturata, soprattutto dal punto di vista logistico, abbiamo tagliato i rami secchi perché nel terzo millennio le aziende che hanno rami secchi non possono più sopravvivere e abbiamo fatto della Sestrieres una delle aziende più performanti del settore in Europa, ovviamente nel suo tipo di mercato. Per questo desidero formalmente ringraziare tutti i nostri collaboratori e tutti coloro che al nostro fianco si sono adoperati per il raggiungimento di quello che ritengo essere stato un risultato straordinario.
Su questo argomento va detto, anche perché la cosa può interessare i rapporti con tutti o parte di voi presenti, che il management e la linea politica della precedente gestione sono stati riconfermati.

<a href=”https://www.valsusaoggi.it/?attachment_id=290246″ rel=”attachment wp-att-290246″><img class=”alignnone size-full wp-image-290246″ src=”https://www.valsusaoggi.it/wp-content/uploads/2022/10/Sala-conferenza.jpg” alt=”” width=”1980″ height=”1323″ /></a>

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.