VALSUSA, ADDIO A VALTER MALISAN: IL SALUTO DEI NO TAV

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Da NOTAV.INFO

Caro Valter, nessuno di noi avrebbe mai immaginato che questo giorno sarebbe arrivato così all’improvviso, ma penso neanche tu. Ci hai lasciati basiti, neanche il tempo di un caffè, una sigaretta e sei volato via. Neanche il tempo di farti visitare, l’ambulanza era in arrivo, ma tu avevi fretta di andare; e dire che avevamo un appuntamento oggi pomeriggio “manifestazione statica al Baraccone”.

Dopo questo secondo lockdown pensavamo proprio di rivederci con le nostre solite facce No Tav, i nostri sorrisi, di fare un po’ di critiche, qualche frecciatina come sapevi fare tu sotto quei baffetti maliziosi. Invece tu questa volta hai mancato all’appuntamento e di conseguenza anche Bianca non è venuta.

Comunque ti dico che è andata bene, eravamo in tanti, belli, colorati, tutti con la mascherina, rispettosi delle norme impartite dal DPCM, manifestazione autorizzata e devo dire anche ben controllata (i soliti della Digos, tu lo sai non ci perdono mai d’occhio). Oggi, nell’ambito de La Società della Cura, ci siamo ritrovati al presidio per confrontarci sul futuro del nostro territorio, a parlare di emergenza Covid-19, che ti ha allontanato dai tuoi nipoti, come molti nonni, perché i piccoli sono veicoli del virus e per tutelare te e Bianca, le loro voci solo per telefono, i loro sorrisi solo attraverso le videochiamate..che brutto momento stiamo vivendo!!

Si è parlato dei terreni dell’ex autoporto, che tu sai benissimo tutta la storia dei materiali tossici rinvenuti, dell’inquinamento dei terreni intorno all’acciaieria. Quante rilevazioni acustiche fatte ai tempi del forno attivo dell’acciaieria, le campionature dell’Arpa, ti ricordi? Tu sempre disponibile a mettere a disposizione il tuo balcone per l’installazione dei “puff” dell’Arpa per le attività di controllo, monitoraggi, sei sempre stato una persona attenta all’ambiente, i tuoi messaggi con le fotografie delle borse gettate lungo i margini delle strade, o nei prati.

E quando il postamat appena messo, non funzionava? O quando mi scrivevi “..persone inquietanti a San Didè” puntuale arrivava il tuo messaggio. Tu eri questo ossia attento, preciso, collaborativo, critico ma costruttivo, generoso e altruista.

Ora, come dicono gli alpini, sei andato avanti, non potremo più abbracciarti e tutto quello che resta di te è racchiuso nei nostri ricordi, ma tu sarai sempre con noi, e noi marceremo anche per te. Ora sventola quella bandiera No Tav insieme ai compagni che sono passati a miglior vita e soffiate soffiate forte, per fermare questo maledetto treno ad alta voracità.

Le più vive condoglianze a Bianca e a tutta la tua famiglia. Un caloroso applauso sale dal presidio per augurarti buon viaggio. Ciao Valter.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

40 COMMENTI

  1. In valle di Susa cammino spesso e onestamente facce con scritto NO TAV neanche una l’ ho vista. Le vostre facce no Tav, come sarebbero scusi? Cioe’ si vede dalla faccia uno contrario alla Tav? No, non si vede! Perche’ ne conosco alcuni e solo da poco scopro che sono contrari.E’ mancata una persona e viene scritto sul quotidiano on line” comunque ti dico “….allora quando puo’ , glielo vada a dire , non lo dica a tutti…..la Digos, cosa c’entra ? E’morta na persona conosciuta in valle e e’ necessario che li mettete sempre ovunque? Mah! Per carità io sono contraria a quest’ opera ma non frequento no Tizio o no caio, perche’ e’ tempo perso, lo so! Se dovessi votare in un eventuale referendum direi il mio pensiero, ma come e’ gia’ accaduto dalle mie parti faranno la Tav, e’ questione di tempo. E’ una realta’.

  2. E’ patetico come un articolo di commiato venga sfruttato per far passare messaggi di ogni tipo…
    Sarebbe stato più apprezzato un pensiero all’uomo in quanto tale.

  3. E niente,anche durante il ricordo di una persona scomparsa,momento in cui è doveroso misurare le parole in segno di rispetto, non riuscite a trattenervi;dovete fare propaganda.E poi toglietemi una curiosità:come è fatta una “solita faccia no tav”così quando la vedo per strada la riconosco?

    • Posto che conoscevo il signor Valter e sono veramente molto dispiaciuta per l’ accaduto e porgo le piu sentite condoglianze alla famiglia, purtroppo trovo inverosimile che si dica che quell’assembramento di sabato pomeriggio rispettasse le norme del DPCM. Passando ho visto decine e decine di persone raggruppate pericolosamente vicine, e lo trovo poco rispettoso della salute perché purtroppo puo contribuire a diffondere ulteriormente il virus, come tutti gli assembramenti.

      • Io invece continuo a trovare squallido che un articolo in ricordo di un defunto venga utilizzato non solo per continuare a fare propaganda contro la TAV, ma anche per fare propaganda sul Covid e le mascherine.

  4. Ancora una volta il movimento No TAV non si smentisce… la morte è una delle poche cose di fronte alla quale siamo (o dovremmo essere) tutti uguali, e invece no, anche questo momento essere strumentalizzato dai soliti fanatici.

  5. Nel movimento no tav ci si conosce almeno di vista, perchè dopo 25 anni di attività ( centinaia di eventi , decine di grandi manifestazioni migliaia di ore passate ai presidi, alle riunioni ecc. ecc. ) si creano grandi amicizie, stima , rispetto reciproco e nascono anche grandi amori.
    Questo spiega la partecipazione collettiva ai momenti di gioia e ai momenti di dolore. Nulla di più e nulla di meno.
    Comprendo che queste sensazioni non siano facilmente ” comprensibili” a chi non ha mai sperimentato una realtà bella e genuina dai numeri così eccezionali e da tale longevità e che non è mai stata scalfita negli anni .
    Resta il fatto che immagino che chi ha scritto questo ” saluto” ben conoscesse sia la persona che è venuta a mancare sia la moglie Signora ” Bianca”.
    Se c’ è qualcuno che potrà aver da ridire sulle parole utilizzate sarà proprio la moglie.
    Mauro Galliano – Condove-

    • E no,caro Sig. Galliano,non mi è “comprensibile” come un evento luttuoso sia stato strumentalizzato in maniera così becera dai soliti fanatici.E mi dia retta,che sul fatto che quella dei no tav sia “una realtà bella e genuina dai numeri così eccezionali e da tale longevità e che non è mai stata scalfita negli anni” ci sarebbe molto da discutere,lei fa una agiografia del movimento,cancellando o “dimenticando” decenni di violenze ed intimidazioni di stampo fascista da parte delle anime belle no tav ed indirettamente,ma lucidamente supportate da gente come lei che hanno dato giustificazione ideologica ad azioni che sono solo delinquenziali.

      • Caro Merovingio …inutile cercare di spiegare le ragioni di un commento, tanto non capiranno mai, rassegnamoci! Si scrive “gatto” e loro rispondono “patate”… sono limitazioni ben conosciute.

  6. E’ morta una persona, appartenente ad un movimento contrario ad un opera chiamata in sigla Tav. Detto questo, il messaggio di ricordo e cordoglio inviato alla redazione di Valsusaoggi è di amici e conoscenti che si riconoscono in tale movimento. Come chi appartiene all’ass. alpini e/o bersaglieri, e/o alle madamin, ect..ect.. viene così ricordato. Punto. (lo dice uno che non è contrario all’opera tanto discussa). Poi cercare la sfumatura e la critica nelle parole , mi sembra fuori luogo.

    • le più sentite condoglianze alla famiglia, conoscevo di vista questo signore, sempre molto gentile ed educato;
      invece purtroppo a San Didero alla manifestazione non c’era nessun distanziamento, l’ho visto passando, gruppi e gruppi di persone tutte vicine, per carità indossavano la mascherina, ma non è il momento di stare così vicini purtroppo… e ho visto commenti ben peggiori di questo, non ho capito come mai la censura funziona solo per qualcuno…

      • Ma Gwen, tu così osservante del dpcm e così pronta a bacchettare tutti i trasgressori…perché eri fuori dal tuo Comune di residenza col futile motivo della tua morbosa curiosità? Non valgono anche e soprattutto per te le regole che tanto ami?

    • Mi perdoni la precisazione,ma gli Alpini,le Madamine,i Bersaglieri e quant’altro non vanno in giro a tirare sassi,razzi e bombe carta;nella narrazione che vogliono propinarci i no tav sono persone bravissime,gioiose,coloratissime e bellissime che non farebbero male ad una mosca,basta che si legga il “proclama” poco sopra dove si autoincensano.La realtà purtroppo è ben diversa ed anche quelli che si definiscono non violenti,in fondo e nascostamente appoggiano anche in maniera attiva la feccia che hanno contribuito attivamente ad importare in valle per poterla utilizzare come braccio armato ,dimostrando una falsità ed un doppiogiochismo che ritengo ributtante,fatto che comunque,per fortuna, è la causa del loro declino.Le teste bianche che sono a capo del movimento sono i veri responsabili delle violenze e dovrebbero sparire nell’oblio meditando sui danni che hanno provocato alla Valle.

      • E’ no, questa no.Ora basta! A Venaus nel 2005 non sono stati loro a iniziare….E’ morta una personanon cominci pure a lei !

          • Questo articolo parla di una persona che e’ morta , non cominci pure lei a parlare della Tav, dei No Tav ecc.Questo intendo dire! Pace all’ anima sua del defunto e lasciamo stare tutte ste storie.Tanto non mancano le occasioni

  7. Speriamo che non soffino troppo forte, altrimenti aiutano la diffusione del virus! Anche i virologi in TV e dalla D’Urso ripetono sempre che il morti che soffiano forte sono stati quelli che più hanno contribuito alla diffusione del covid! E poi oltre a creare sempre gli assembramenti che hanno fatto impennare i contagi in valle avreste pure voluto farvi un caffè e una sigaretta per infettare tutti i malcapitati intorno a voi! Su Facebook dicono che quelli con le facce No Tav sono pericolosi untori! E pure i Si tav, quelli della Digos, le personeinquietanti a San Didè e soprattutto quelli coi baffetti maliziosi!

  8. In quale articolo del DPCM esattamente sono autorizzate manifestazioni in zona rossa? Farebbero più bella figura a stare in silenzio.

      • No no gli Elevati non esistono…nessuno e’ più di un’ altro. E le regole valgono per tutti. Ma a parte il lato giuridico dovrebbe affrontare qllo psicologico sociale.Dopo l’ 8 dicembre del 2005 purtroppo uno dei bisogni primari tra i più importanti come indicato da noti psichiatri , cioe’ il bisogno di protezione e di difesa che e’ assunto dalle forze dell’ ordine in questo caso, e’ venuto a mancare e in modo grave. Il tutto con il rischio che ne consegue per il benessere di coloro che ne hanno bisogno e hanno vissuto questa esperienza.Faccia lei!

  9. Spettabile sig. merovingio, a parte il fatto che non comprendo come mai lei faccia sempre interventi citando la mia persona quando io non ho fatto alcun riferimento alla sua. Forse perchè io , per fortuna sua esisto avendo un nome e un cognome e quindi è certo di parlare con una persona fisica mentre lei ha scelto di vivere nell’ ombra dell’ anonimato …..e più di una volta ho avuto l’ impressione che ” merovingio” sia una sorta risponditore automatico .

    Quando lei scrive : ” lucidamente supportate da gente come lei che hanno dato giustificazione ideologica ad azioni che sono solo delinquenziali “.Più di una volta le ho già detto per favore di non generalizzare!
    IO non giustifico nessuna azione delinquenziale .
    Come non credo che Lei Sig. merovingio ( come molti altri si tav che conosco personalmente) abbia nulla a che fare ( tantomeno li supporta lucidamente) con quei politici SI TAV corrotti che rubano sulle grandi opere millantando dati falsi e degli ‘ ndranghetisti la cui ignoranza permette loro di vivere solo se scavano buchi e spostano terra sotterrando rifiuti tossici.
    Se invece lei vuole continuare ad accusarmi di istigare la violenza o di supportare i delinquenti faccia pure. Non lo posso impedire.
    Serena notte.

    • Se non capisce perché uso un nickname dopo almeno due volte che l’ho spiegato su queste pagine per lei non c’è speranza… E per la precisione io non vi accuso di istigare la violenza,ma di averlo fatto per anni ed anni,nascondendo ipocritamente la mano e come conseguenza il controllo del movimento è stato preso dai violenti,vi ringrazio per il bel regalo che avete fatto ai valsusini.E concludendo: con che faccia parla di buchi e rifiuti quando siete voi che decidete chi può fare buchi in Valle senza essere disturbato o peggio sabotato?Mi sa che se c’è della mafia in Valle questa è ben rappresentata dai no tav.

      • Spettabile merovingio,
        io non capisco proprio perchè lei non abbia il coraggio di firmarsi. E’ vero, lei me lo ha già spiegato almeno 2 altre volte che è perchè ha paura dei no tav che poi le fanno delle ritorsioni, . Con lo stesso ragionamento allora anche io ( che non sono di sicuro né rambo né un cuor di leone) non dovrei firmarmi perchè dovrei aver paura di quei si tav ( per fortuna una minoranza) frequentatori di mafiosi del movimento terra e di politici corrotti che spesso cito e di sicuro non inondo di complimenti.
        Non entro nel merito se facciano più paura i NO TAV violenti e i lanciatori di sassi nei cantieri oppure i mafiosi ‘ ndranghetisti legati ai cantieri delle grandi opere.
        Ognuno fa quello che vuole, lei continui pure a tenere nascosta la sua identità se ritiene di avere dei giustificati motivi
        La mafia in valle di Susa c’ è da anni, certificata da processi e condanne e ha causato lo sciogliemento del primo comune del nord Italia ( bardonecchia) per decreto del Presidente della repubblica quando il movimento non TAV non esisteva neppure.
        Io a differenza sua non credo che la mafia sia rappresentata dai si tav ( dei quali conosco molte persone per bene) e mi dispiace che lei continui a generalizzare senza rispetto alcuno.
        Ma ovviamente l’ anonimato permette questo e MOOOOOOLTO altro.
        Se lei e d’ accordo direi di finirla qui per non tediare troppo i lettori delle nostre assurde manfrine. Magari con la promessa reciproca di non punzecchiarci più se non veniamo citati o tirati in ballo personalmente. Io, non mi sembra di ricordare di averla mai provocata per primo, ma sempre in risposta a dei suoi interventi in cui mi citava. Ma può benissimo darsi che mi sbagli. Ognuno continui pure a scrivere i proprii commenti ( o sfoghi repressi…diranno i lettori) io contro la parte marcia dei SI TAV e lei contro la parte marcia dei no tav. Cosa ne dice ? E’ un patto di non belligeranza che può reggere? Anche perchè in fondo abbiamo lo stesso carattere ( non le stesse idee mi sembra ovvio) e quindi rischiamo solo di far perdere tempo a un sacco di gente che probabilmente ci giudica flippati. Spero in una sua risposta affermativa . Anche perchè ci stiamo avvicinando al Natale e dobbiamo essere tutti più buoni e tolleranti. Saluti

        • I SiTav, o meglio i NonCeNePuòFregareDiMenoDelTavEEDeiNoTav hanno di meglio da fare che passare le proprie giornate a fare ritorsioni verso chi non la pensa come loro. È la differenza che passa tra chi ha una ossessione e chi ha una vita. Senza polemica.

        • Il Natale e’ una festa pagana della dea Strenua, poi usata come festa cristiana cattolica ma Gesu’ non e’ nato il 25 dicembre.TANTO MENO e’ nato perche’ noi tutti ci volessi bene il 25 per poi mandarci a quel paese il 26 dicembre.

  10. Che la mafia sia presente in Valle non è una novità,se è solo per questo si è diffusa in tutto il nord Italia con la sciagurata pratica del soggiorno obbligato.Il fatto che la parte marcia che può esserci dietro qualunque appalto può essere neutralizzata con la vigilanza di chi è preposto a questo compito,ma con la parte marcia dei movimento no tav,che è diventata preponderante,cosa si fa?Anche lì ci sono interessi economici e non solo nascosti sotto un velo di ideologia,il tutto declinato con metodi fascisti e mafiosi da fare invidia alla vera Mafia DOC.Intanto la Valle muore e sono decenni che questa agonia continua; chiusure di ditte ed attività commerciali,sfilate di serrande abbassate e vetrine vuote…Attraversi Bussoleno,per fare un esempio,e si renderà conto di quanto sto dicendo.
    Se si agisse con un minimo di intelligenza approffittando del fatto che verrà realizzata la TAV si potrebbero ottenere fondi che possano rilanciare l’economia,rallentando o addirittura invertendo l’entropia a cui stiamo assistendo.Ma se si continua a dare retta a pochi facinorosi che se ne sbattono altamente dello stato in cui versa la Val di Susa ed il cui unico scopo è trasformarla in un laboratorio di eversione non andremo da nessuna parte,la TAV verrà realizzata comunque e non otterremo nessun vantaggio.E per quanto riguarda il Natale per me non fa differenza,non sono credente.

  11. Quindi se non ho capito male la proposta che i governi vari fanno alla valle di Susa e’ : Tav più amianto e macerie a casa vostra per avere un po’ di vita in valle. Pare un ricatto piu’ che una proposta, o sbaglio? Per lei cos’ e’ una proposta ??? Lei dice che la valle sta morendo.E a farla morire siete voi che non vi impegnate o col discorso da lei scritto vuole dire che i governi e la regione l hanno abbandonata causa Tav? Scusi ma io ho capito questo da cio’ che lei ha scritto.

    • No,non ha capito una cippa di che cosa ho scritto,ma non perdo più tempo a cercare di comunicare con degli ottusi fanatici che ripetono a pappagallo quelli che gli hanno inculcato nella testolina.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.