VALSUSA, AL VIA L’INDAGINE NEI NEGOZI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICATO STAMPA DI UNIONE MONTANA VALLE SUSA

BUSSOLENO – Quante sono le “botteghe di servizi” valsusine? Di cosa si occupano? Dove sono posizionate? Questi sono solo alcuni degli interrogativi a cui cercherà di rispondere l’indagine avviata dall’Unione Montana Valle Susa sulla scia delle disposizioni della Regione Piemonte, che intente individuare le aree di carenza di servizi e di maggiore fragilità economica, sociale e territoriale, per focalizzare meglio il successivo bando indirizzato alle aree maggiormente fragili e con carenza di servizi alla popolazione.  

Le “botteghe di servizi” sono gli esercizi commerciali in cui il commercio al dettaglio (soprattutto di prodotti alimentari, di giornali, riviste e generi di monopolio) e l’eventuale attività di somministrazione di alimenti e bevande, siano esercitati unitamente ad altri servizi per la collettività e per le comunità, anche con il ruolo di “terminali” della Pubblica Amministrazione sul territorio e pertanto in collaborazione tra i privati beneficiari egli Enti territoriali e la Regione Piemonte. 

Affidata alla Cooperativa CORINTEA di Torino, che dovrà concludere le interviste entro il mese di aprile, l’indagine avviata in Val di Susa riguarda i Comuni sotto i 5mila abitanti: Borgone Susa, Bruzolo, Caprie, Caselette, Chianocco, Chiusa di San Michele, Condove, Mattie, Mompantero, Novalesa, San Didero, San Giorio di Susa, Sant’Ambrogio di Torino, Sant’Antonino di Susa, Vaie, Venaus, Villar Dora e Villar Focchiardo. Il rilevamento prevede un’intervista ai Sindaci (Questionario per la rilevazione territoriale di servizi alla popolazione nei Comuni montani), ed un’indagine presso gli esercizi commerciali al dettaglio di prodotti alimentari, presso le Cooperativa di Comunità ove esistenti e presso i bar e gli esercizi di ristorazione nei comuni in cui non ci sono esercizi alimentari. Completano il rilevamento alcuni dati aggiuntivi per i Comuni facenti parte del GAL EEVV. 

“L’indagine – spiega l’assessore alla Pianificazione territoriale dell’UMVS Osvaldo Vair fornirà elementi utili alla Regione per programmare le future attività in tema di servizi alla popolazione montana e sarà utile anche per la programmazione e pianificazione del GAL EEVV e dell’Unione Montana, che potranno così intervenire sulle aree di maggiore fragilità”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Scusateci perché i Comuni dell Alta val di Susa, non sono stati inclusi?
    Non è che quassù abbiamo proprio tutto, come servizi, siamo abbastanza carenti, ma proprio tanto, venite a farvi un giro ma non come turisti

  2. Abbiamo dimenticato di dire che fare la spesa, con i prezzi che ci sono….
    Beh, venite a farvi un giretto così lo scoprirete da solo

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.