VALSUSA, BEFFA PER GLI STUDENTI PENDOLARI: “NESSUN RIMBORSO DELL’ABBONAMENTO PAGATO NEL LOCKDOWN”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Foto di repertorio

LETTERA FIRMATA 

In considerazione della sensibilità della vostra redazione alle problematiche degli abitanti della Val di Susa, vorrei parlarvi di un argomento che a mio parere è di grande interesse alle famiglie.
Il lockdown ha determinato tra le altre la chiusura delle scuole da marzo a fine anno scolastico e conseguentemente gli studenti pendolari del servizio ferroviario metropolitano 3 (sfm3) si sono ritrovati nella condizione di aver pagato l’abbonamento tramviario studenti (della durata di 10 mesi) avendone usufruito per solo un 60%. Allo stato attuale non si è ricevuto alcun cenno di risposta dai gestori circa la problematica esposta e sul sito web della regione piemonte l’ultima comunicazione risale al 15 luglio scorso (https://www.regione.piemonte.it/web/pinforma/notizie/rimborso-per-gli-abbonamenti-trasporto-non-usati).
Sono comprensibili le problematiche tecniche per dare attuazione delle disposizioni Nazionali del decreto legge 34/2020, ma non è accettabile la mancanza di comunicazione nei confronti dell’utenza, dal momento che la scuola sia già iniziata lo scorso 14 settembre, circa le modalità di richiesta di rimborso per il periodo non usufruito anche in considerazione che altre regioni abbiano già indicato sin da luglio, tramite il sito delle Fs il da farsi.
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

5 COMMENTI

  1. Ho fatto richiesta per un viaggio non usufruito causa Covid 19, ne le se di marzo: da Trenitalia non ho ancora avuto nulla se non decine di mail.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.