VALSUSA, INAUGURATA LA FERRATA DEGLI ALPINI A OULX

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

di IVO BLANDINO (Fotografie e video della Protezione Civile – Sezione ANA Valsusa)

OULX – Nella mattinata di venerdì 6 agosto all’interno del “Jardin dla Tour” di Oulx è stata inaugurata e presentata al pubblico la vecchia “Ferrata degli Alpini” risalente al 1935 ed ora  completamente messa a nuovo. Alla cerimonia erano presenti il vice Comandante della Brigata Taurinense Pierpaolo Lamacchia, il sindaco di Oulx Andrea Terzolo, il primo cittadino di Bardonecchia Francesco Avato, il presidente dell’ANA Nazionale Sebastiano Favero, il presidente ANA Valsusa Giancarlo Sosello e il presidente del Comprensorio di Caccia.

Per cause tecnologiche non si è potuto procedere con il tradizionale taglio del nastro. Gli Alpini con il loro lavoro hanno messo in sicurezza la vecchia Ferrata mettendola completamente a nuovo. Assieme a loro hanno eseguito i lavori in tempo record la Protezione Civile ANA dei rocciatori della Valsusa.

La vecchia e storica ferrata degli Alpini taglia a mezza costa punta Charrà dal Passo della Mulattiera e conduce al Passo Sanità nel gruppo Grand Hoche. Ora é nuovamente accessibile grazie al faticoso ed impegnativo lavoro che gli Alpini che hanno eseguito quest’opera. Il lavoro, che prevedeva una durata di due mesi, è stata portato a termine ed eseguito in soli venti giorni grazie alle loro straordinarie capacità.

Nel corso dell’inaugurazione è stata molto interessante la spiegazione che il responsabile della Fondazione Forte Bramafam, Pier Giorgio Corino ha illustrato ai presenti sulla storia della storica Ferrata degli Alpini.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Molto bene, un bel lavoro.
    Ora sarebbe necessario il ripristino della strada dello Chaberton franata ed inagibile da due anni

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.