VINI VALSUSA DOC: IN ARRIVO UN NUOVO DISCIPLINARE PER I VITICOLTORI 

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn


di MARIO RAIMONDO

Bella serata quella di martedì 4 a Rivera di Almese. Presso il salone parrocchiale si è infatti tenuta una serata di degustazione di alcuni prodotti tipici della Valle di Susa, ossia il vino ed i formaggi, sotto il patronato dell’ONAV (Organizzazione nazionale assaggiatori vino) e le competenti parole dei professori Rolle e Zeppa, che hanno guidato i convenuti nei percorsi degustativi. E’ stato Giuliano Bosio, oggi viticoltore in Almese, ad introdurre la serata per parlare “del momento che sta attraversando il mondo agricolo valsusino e sopratutto la sua viticoltura”. In tempi di vacche magre per tutti, dove il lavoro a posto fisso è sempre più improbabile ed introvabile, stiamo assistendo ad un ritorno della viticoltura. Numeri che certamente non sposteranno il PIL, ma che comunque, nel loro piccolo, sono significativi di una tendenza in atto, che porterà la viticoltura valsusina ad avere una visibilità maggiore, su un mercato complesso qual è quello vitivinicolo. Numeri che comunque e se non altro indicano una possibilità di sviluppo per un settore che nella sua ‘nicchia’ può dare del lavoro – lavoro vero – a chi ha voglia di cimentarsi in questo mondo”.

 “Un settore – ha detto Rolle – che tra l’altro a breve avrà un nuovo disciplinare di produzione per il DOC Valsusa, e che servirà al creare un nuovo valore aggiunto, che sicuramente andrà ad implementare la visibilità dei prodotti di questa terra”. 

La serata è stata poi imperniata sull’assaggio olfattivo e gustativo di numerosi vini e tome prodotte in valle sempre sotto la guida degli esperti dell’ONAV. Soddisfazione tra il pubblico in sala (presenti tra gli altri l’assessore Marco Alliano, il sindaco di Rubiana, Gianluca Blandino, gli ex sindaci di Almese, Emilio Bertolo e Bruno Gonella) e soddisfatto a fine serata Giuliano Bosio: “Un grande riscontro da parte della gente per questa quinta edizione ed un doveroso grazie a tutti quelli che ci hanno aiutato a realizzarla in primis all’Associazione delle Siol-e piene”. L’appuntamento è per il prossimo anno … e non è detto che il paniere dei prodotti portati in degustazione non aumenti.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.