SUSA, ASSOLTO L’IMPRENDITORE LAZZARO: “È INNOCENTE, FINITO UN CALVARIO DURATO 7 ANNI”

L’imprenditore Ferdinando Lazzaro

SUSA – Martedì 14 maggio la Corte di Appello di Torino ha assolto con formula piena l’imprenditore Ferdinando Lazzaro dall’accusa di turbativa d’asta “perché il fatto non sussiste”. Lazzaro è innocente: per quella vicenda era stato arrestato il 13 novembre 2014. “È la fine del suo calvario giudiziario – commenta l’avvocato Francesco Torre di Susa, che ha difeso Lazzaro in questa lunga battaglia giudiziaria – il mio cliente è stato vittima di un gravissimo errore giudiziario, finendo addirittura in carcere. Ora giustizia è stata fatta, siamo soddisfatti. Finalmente per Lazzaro si conclude una gogna giudiziaria e mediatica durata 7 anni”.

A seguito di un’inchiesta coordinata dal pm Toso, Lazzaro era stato arrestato perchè la procura di Torino riteneva che si fosse accordato con il curatore del fallimento Italcoge sul prezzo di contratto d’affitto d’azienda, producendo una fideiussione falsa. Un’ipotesi di reato rivelatasi falsa e priva di fondamento. Nel 2017 Lazzaro era stato condannato in primo grado a 1 anno e 6 mesi, ma l’avvocato Torre ha presentato appello.

Oggi la Corte di Appello ha quindi ribaltato la sentenza di primo grado: Lazzaro non ha compiuto alcun reato ed era innocente. Nonostante che la procura generale avesse chiesto anche in appello la conferma della condanna, la Corte lo ha assolto con formula piena e quindi in maniera definitiva. Lazzaro era già stato assolto nel 2016 dal famoso processo San Michele.

L’avvocato Francesco Torre

 

Share Button

7 thoughts on “SUSA, ASSOLTO L’IMPRENDITORE LAZZARO: “È INNOCENTE, FINITO UN CALVARIO DURATO 7 ANNI”

  1. Facile a dirsi

    Complimenti alle giustizia italiana! E adesso chi paga?

    Risposta
  2. pietro

    “complimenti” all’avvocato difensore
    ( …..lasciamo stare……).

    Risposta
  3. Max

    stavolta l`arringa dell`avvocato ha sanato la pianta alla radice.

    Risposta
  4. Anni di fango

    La sentenza parla chiaro, ovvero “assunto con formula piena”, anche se a qualcuno dei presenti rode. Chissà se i NoTav che gli hanno gettato fango addosso per anni gli chiederanno mai scusa, o faranno semplicemente finta di nulla come il nostro Ministro degli Interni con la famiglia Cucchi.

    Risposta
    1. Diego

      Alla famiglia Cucchi dovrebbe chiedere scusa il ministro della Difesa dato che si tratta di Carabinieri

      Risposta
  5. Anni di fango

    La sentenza parla chiaro, ovvero “assolto con formula piena”, anche se a qualcuno dei presenti rode. Chissà se i NoTav che gli hanno gettato fango addosso per anni gli chiederanno mai scusa, o faranno semplicemente finta di nulla come il nostro Ministro degli Interni con la famiglia Cucchi.

    Risposta

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione