ALL’OSPEDALE DI SUSA UNA NUOVA TECNICA DI INTERVENTO PER L’ANCA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA DELL’ASL TO3

SUSA – L’Asl To3 si è arricchita in questi giorni di una nuova tecnica di intervento per l’impianto di protesi d’anca, introdotta a Susa dal Dott. Aniello Arbucci, direttore della S.C. Ortopedia di Rivoli. Si tratta di un approccio innovativo, per ora utilizzato in pochissimi centri piemontesi, e che comporta notevoli vantaggi per il paziente: è infatti una via anatomica, mini invasiva e “tissue sparing” (che “risparmia”, cioè non seziona, tendini o muscoli). Ciò si traduce, per chi viene sottoposto all’intervento, in una minor perdita ematica, nella riduzione del dolore post-operatorio, un miglior recupero funzionale e nella riduzione del periodo di degenza.

La nuova tecnica di intervento, che richiede competenza e professionalità, può essere utilizzata sia in caso di impianto di protesi totali d’anca, su coxartrosi o su frattura nei pazienti giovani, sia in caso di protesi parziali, per frattura mediale del collo del femore nei pazienti più anziani. A differenza della via d’accesso classica, quella anteriore consente inoltre di valutare nei pazienti più giovani se necessario l’impianto di due protesi contemporaneamente, con vantaggi non indifferenti anche relativamente ai tempi di recupero. Nell’ospedale di Susa, dove la nuova tecnica è già stata applicata in questi giorni sui primi pazienti, vengono eseguiti circa 250 impianti di protesica d’anca l’anno (dati 2019).

“Abbiamo potuto introdurre la nuova tipologia di intervento – commenta Franca Dall’Occo, Direttore Generale dell’Asl To3 – grazie alla professionalità e alle competenze tecniche della nostra équipe di ortopedici. Questo approccio, innovativo e ancora poco diffuso proprio perché richiede esperienza e capacità, rappresenta una vera eccellenza, a disposizione di tutti i nostri cittadini. In particolare per l’ospedale di Susa, dove l’ortopedia è da sempre una delle principali caratteristiche del presidio, gli interventi con accesso anteriore rafforzano ulteriormente l’offerta sanitaria, sulla quale l’azienda si sta fortemente impegnando. I vantaggi per i pazienti sono notevoli ed è questo l’obiettivo principale”.

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

8 COMMENTI

  1. Interessante in quanto io, dovrei fare questa operazione appena possibile, protesi alla anca
    E già una bellissima cosa poterlo fare alla ospedale di Susa, per chi risiede in Valle
    Una notizia, ogni tanto positiva
    Grazie

  2. Mha come fai a dire che l ospedale di rivoli..io vedo solo una grande équipe che potrebbe pure essere americana.. quale e il tuo metro di misura???

  3. All’ospedale di Susa non mi farei curare nemmeno una sbucciatura sul ginocchio. E purtroppo a Rivoli non è che siano messi meglio.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.