AVIGLIANA, DAL 15 SETTEMBRE DIVIETO DI CIRCOLAZIONE PER DIESEL EURO 3 E 4: TUTTI I PROVVEDIMENTI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

AVIGLIANA – Dal 15 settembre 2021 e fino al 15 aprile 2022, ad Avigliana entreranno in vigore importanti limitazioni del traffico e alla circolazione dei veicoli. così come avviene in tutti gli altri Comuni sopra i 10mila abitanti della cintura di Torino.
Tra le principali, il divieto di circolazione nei giorni feriali – dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 18,30 – dei veicoli Diesel euro 3 e 4, e motocicli e ciclomotori euro 0 e 1. Altri divieti riguardo l’abbruciamento e i sistemi di riscaldamento utilizzabili (Obbligo di utilizzare nei generatori di calore a pellet, del pellet certificato A1).
Ma non solo: in base alla qualità dell’aria, a seguito delle segnalazioni dell’Arpa, se nel Torinese verranno superati alcuni valori soglia dell’inquinamento dell’aria (proprio come già avvenuto lo scorso anno), anche ad Avigliana entreranno in vigore ulteriori divieti temporanei ancora più restrittivi. Suddivisi in “semaforo arancione” o “semaforo rosso”, in base sempre ai livelli di inquinamento stabiliti dall’Arpa.

Misure temporanee – Semaforo arancione
• Divieto di circolazione tutti giorni, sabato e festivi compresi, dalle 8,30 alle 18,30 dei veicoli per trasporto persone Diesel euro 3, 4 e 5; per trasporto merci Diesel euro 3 e 4
• Riscaldamento: limite di 18° C (con tolleranza di 2°) per la temperatura di abitazioni, esercizi commerciali ed edifici pubblici, ad eccezione delle strutture sanitarie
• Divieto di utilizzo di stufe e caminetti alimentati a biomassa legnosa (pellet o legna) a meno che non siano in grado di rispettare i valori emissivi previsti per la classe 5 stelle, in assenza di impianto di riscaldamento alternativo
• Divieto di qualsiasi combustione all’aperto (falò rituali, barbecue)
• Divieto di spandimento di fertilizzanti, ammendanti e correttivi contenenti azoto, letami o materiali assimilabili (salvo interramento immediato).
Misure temporanee – Semaforo rosso
• Divieto di circolazione tutti giorni, sabato e festivi compresi, dalle 8,30 alle 18,30 dei veicoli per trasporto merci Diesel euro 3 e 4
• Divieto di circolazione tutti giorni, sabato e festivi compresi, dalle 8,30 alle 12,30 dei veicoli per trasporto merci Diesel euro 5.

I nuovi divieti sono stati imposti dalla Regione Piemonte, in base all’ordinanza sulla qualità dell’aria che già da tempo coinvolgeva l’area metropolitana di Torino, oltre che ovviamente il capoluogo piemontese. La Regione ha poi deciso di estendere i divieti anche ai Comuni limitrofi con oltre 10mila abitanti, coinvolgendo così anche Giaveno e Avigliana, pur avendo caratteristiche ben diverse da centri urbani come Collegno, Rivoli, Orbassano o Moncalieri.

Chi ha l’auto che non può più circolare, potrà farlo per chilometri limitati, con il sistema “Move In” e installando una “scatola nera” a pagamento.
Per cercare di limitare i problemi a chi possiede un’auto che non potrà più circolare in alcuni giorni ad Avigliana, così come in altri Comuni coinvolti nei divieti di circolazione, il Piemonte ha previsto l’introduzione del sistema “Move In”. I proprietari dei veicoli menzionati, potranno spostarsi anche in presenza del divieto, ma con un limitato chilometraggio. Per aderire a tale iniziativa, a pagamento, i proprietari di auto dovranno installare una “scatola nera” nell’auto che calcolerà i chilometri percorsi, fino al limite stabilito annualmente (il tutto ad esclusione delle giornate di semaforo rosso e arancione, in cui vigono le limitazioni emergenziali). Raggiunto questo tetto, il veicolo non potrà più circolare ad Avigliana, fino al termine dell’anno di adesione. Per informazioni, si può cliccare a questa pagina della Regione Piemonte. 

Le esenzioni
Ci sono varie categorie di veicoli che, nonostante i nuovi divieti, avranno delle esenzioni. Per visualizzare l’elenco completo, basta cliccare qui e leggere l’apposita ordinanza del Comune di Avigliana.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

30 COMMENTI

  1. Altra discriminazione tecnologica, basata sull’assurdità che le polveri nanometriche e i fap migliorino la qualità dello smog. Comprate l’auto a chi non può cambiarla.

    • I blocchi del traffico sono una stupidaggine perché la componente traffico è minima sulle emissioni totali. Ma non diciamo scemenze. Un Euro6d inquina infinitamente meno di un Euro4, senza scomodare le classi più vecchie. Per cui non c’è alcuna assurdità, si blocca chi più inquina. Chi non può cambiarla, vada a piedi.

  2. E per i mezzi con targa polacca?Nessun divieto, nessun controllo e circolazione H24… Ma chi c’è dietro a queste centinaia di mezzi che viaggiano indisturbati lasciando immondizia ovunque si fermano? E quasi sicuramente gli autisti saranno pagati a cottimo con stipendi da fame…

  3. Ormai qualsiasi ente che abbia mezzo grado di potere emette le sue ordinanze che si accavallano in un guazzabuglio di normative che si sovrappongono a tutti i livelli: nazionali, regionali, provinc.. (oops! Città Metropolitana), Comunità Montana (o Unione di Comuni o quel che si fanno chiamare), Comuni, Consorzi,…

    • Dopo le tue scemenze su escursionisti e vaccini, ci mancava di scoprire anche la tua indole negazionista sul riscaldamento globale. Cosa che si deduce dal tuo uso del termine “gretino” coniato da quel ritardato di Feltri.

      • Ritardato…ma li hai proprio tutti i difetti? Sei talmente imbibito di propaganda e pensiero unico che non vedi tutti i paradossi e l’inutilità di questi provvedimenti…sei gretino anche tu?

        • Ripeto per i ritardati : “I blocchi del traffico sono una stupidaggine perché la componente traffico è minima sulle emissioni totali. Ma non diciamo scemenze. Un Euro6d inquina infinitamente meno di un Euro4, senza scomodare le classi più vecchie. Per cui non c’è alcuna assurdità, si blocca chi più inquina. Chi non può cambiarla, vada a piedi.”

      • Meno male che c’è lei signor Ritardato che sembra avere tutta la verità in tasca e soprattutto la esprime in un modo così gentile e affabile…
        Concordo con Curiosità sulla totale inutilità di questo provvedimento che crea oltretutto notevoli difficoltà a molti di noi poveri o ricchi che siano.

  4. Iniziativa lodevole, tralascia solo un piccolo elemento, se ho una vettura perfettamente funzionante, classificata nelle euro “bandite” perché la devo sostituire??? Spirito ecologico…

  5. Lockdow stagionale per le auto dei più poveri. Per questa stagione esteso da settembre ad aprile anziché da novembre a marzo. Inoltre sono aumentati i comuni coinvolti. La svolta green avanza inesorabile. Nessuno può fare opposizione in quanto questi provvedimenti sono fatti per la nostra salute.Mica sarai un negazionista? Comunque se vi sono auto “vecchie” in circolazione forse é perché diventa difficile sostenere la spesa di un auto nuova.

    • Essere poveri non autorizza a inquinare più del prossimo. Fermo restando che i veri poveri vanno in bici, a piedi o con i mezzi pubblici.

      • X euro6d : avrai anche l’auto con la miglior omologazione ma in quanto a capacità di comprendere gli altrui problemi, stando alle affermazioni che fai, sei a livello 0. Non tutti hanno la possibilità di spendere soldi per una vettura nuova e nemmeno possono andare sempre a piedi perché magari l’auto gli serve per recarsi al lavoro, far la spesa o altri spostamenti non voluttuari. In consiglio : esci dal guscio del benessere e dell’opulenza.

  6. Sarà che in Regione Piemonte abbiamo dei geni…….tanto loro non hanno problemi a cambiare macchina o riscaldamento …
    Cazzo gliene frega dei cittadini….così vengono multati e la Regione fa soldi

  7. Lo spirito della legge è di tutto rispetto………..peccato chi non può cambiare la propria macchina, che fà???????????????

  8. Loro dicono che cazz… c’è ne
    frega andate a piedi……
    intento loro viaggiano con le
    blu pagate da noi …….
    ricordatevi alle prossime
    votate sempre loro…..

  9. ANCORA UNA VOLTA A PAGARE SONO I SOLITI CITTADINI COGLIONI, IN QUANTO TUTTI I VEICOLI DELLO STATO SONO ESCLUSI DAL DIVIETO. Se gli amministratori fossero un pochino coerenti dovrebbero essere i primi a rispettare le leggi ed acquistare mezzi idonei, ma siccome NON CI SONO I SOLDI non lo fanno, però obbligano gli altri a farlo,. E per tutti gli altri i soldi ci sono?, sono tutti ricchi? chi viaggia con un euroZERO magari NON HA I SOLDI per comprarsi l’euro 6. Ed io che vado a Torino e Pinerolo, devo volare? non posso transitare per avigliana?
    Siamo diventati matti in nome dell’inquinamento? Con la CINA L’india, la Russia e mezza AMERICA che usano il carbone?
    NOI italioti salviamo il mondo?

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.