BUSSOLENO, TENSIONE AL MERCATO TRA NO TAV E LEGHISTI. SALVINI: “SONO ZECCHE, RUSPA”. LA REPLICA: “SONO RAZZISTI E FASCISTI, NON HANNO DIRITTO DI PRESENZA A BUSSOLENO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image
(Foto tratta dal profilo Facebook del Gruppo Giovani No Tav)

Tensione questa mattina al mercato di Bussoleno: alcuni antagonisti e No Tav, hanno duramente contestato gli attivisti della Lega Nord, che avevano allestito un gazebo in piazza contro l’immigrazione clandestina e per promuovere le altre iniziative politiche del partito di Salvini.

La cosa non è passata inosservata: sono volati spintoni, al punto che per difendere il gazebo e sedare gli animi, sono dovuti intervenire i carabinieri. A rilanciare il caso avvenuto in Val Susa ci ha pensato il leader della Lega, Matteo Salvini, che dal suo profilo Facebook ha affermato: “Stamattina a Bussoleno, in provincia di Torino, i soliti violenti zeccosi dei CENTRI A-SOCIALI hanno assaltato un Gazebo della Lega.
Rivoluzionari a parole, poveri scemi nei fatti. Ruspa”.

Non si è fatta attendere la replica da parte del movimento, che sul sito notav.info pubblica in un post le ragioni della contestazione avvenuta stamattina: “Questa mattina al mercato di Bussoleno abbiamo contestato la Lega Nord che incitava all’odio contro i “clandestini” e dava appuntamento per la manifestazione di Salvini a Giaveno. Razzisti e fascisti, da sempre, non hanno diritto di presenza a Bussoleno, realtà di Resistenza antica e nuova. Il mercato di Bussoleno è luogo tradizionale di incontro, controinformazione e organizzazione antagonista. I lavoratori provenienti da altre parti del mondo, in fuga dalla fame, dai massacri e dalla guerra sono nostre sorelle e fratelli. Il potere che garantisce libertà di circolazione alle merci, al mercato e alle sue guerre e lo nega alle persone è nostro nemico. Per questo, a contestare l’iniziativa di Lega Nord, c’era la gente comune e generosa della Valle che resiste contro il TAV, il riproposto Megaelettrodotto Grand Ile-Piossasco, la mercificazione della vita e del futuro di tutti. Un nostro giovane compagno è stato malmenato e ha sporto denuncia. Solo l’arrivo delle “forze dell’ordine” ha permesso ai leghisti di mantenere in piedi un banchetto deserto. La lotta popolare contro la violenza razzista e fascista resiste e si estende. Non un passo indietro!”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Questi fatti allontanano dai notav coloro che non vogliono essere accomunati ai centri sociali ed alla sinistra rivoluzionaria.

  2. Non sono ne leghista e tantomeno no tav ma tutti questi “disperati” che vengono in Italia sono una vera e propria invasione. Quando saranno in maggiornaza loro e se si riuscissero ad organizzare prendendo la consapevolezza della possibile superiorità numerica, vedremo se si dimostreranno fratelli e sorelle degli Italiani….Nel frattempo ospitiamoli pure tutti….

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.