CASA CANTONIERA OCCUPATA IN VALSUSA, DON CHIAMPO: “NON SO QUANTO FARÀ BENE AI MIGRANTI STARE LÀ DENTRO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Don Chiampo e la casa cantoniera occupata a Oulx

OULX – “Non so quanto farà bene ai migranti soggiornare nella casa cantoniera occupata”. A dirlo è don Luigi Chiampo, parroco di Bussoleno da sempre impegnato nell’aiuto dei più deboli, che da settembre ha aperto a Oulx il nuovo centro per i migranti vicino alla chiesa Abadia, nei locali dell’istituto salesiano. “Certamente è sempre positivo quando ci si mette al servizio di chi ha bisogno – commenta don Chiampo a proposito dell’occupazione fatta dagli attivisti di Chez Jesus a Oulx – ma i migranti non vanno usati per rivendicare azioni politiche”.

Cosa significa “non farà bene ai migranti”? Don Chiampo risponde: “Forse gli attivisti di Chez Jesus non sanno una cosa importante. Ora che è entrato in vigore il decreto Salvini, se le forze dell’ordine trovano un migrante in un luogo occupato, come nell’ex casa cantoniera, viene immediatamente prelevato e rispedito a casa sua”.

Oulx ora ha ben due ricoveri per i migranti: quello della chiesa, gestito dalla fondazione di don Chiampo “Talita Kum”, e uno “irregolare” aperto dagli attivisti di Chez Jesus. Entrambi si trovano ben distanti dal confine francese, a circa 15 chilometri. Paradossalmente, a Claviere invece non c’è più nessun ricovero autorizzato: dopo lo sgombero del salone parrocchiale, la prefettura ha scelto di non aprire centri di assistenza al confine (anche perchè il sindaco Capra ha più volte manifestato contrarietà). La zona è invece presidiata dagli operatori della croce rossa, che con le navette si occupano di riportare a Oulx o in ospedale eventuali migranti dispersi sulle montagne, una volta che vengono recuperati dal soccorso alpino o dai vigili del fuoco.

Il centro aperto a Oulx da don Chiampo, con il sostegno economico della fondazione Magnetto, è gestito dalla onlus Talita Kum attraverso due operatori e una rete di volontari provenienti da tutta la Valsusa. “Abbiamo 24 posti letto e ogni notte ospitiamo in media 15/20 migranti, ci sono spesso donne incinte e bambini piccoli – spiega il sacerdote – nel weekend i numeri aumentano e si arriva anche a 30 ospiti. Qui abbiamo i posti letto e una cucina, in modo che possano passare la notte in sicurezza e mangiare. Il mattino dopo, molti di loro ripartono a piedi per la Francia: noi non li possiamo bloccare, ma gli forniamo assistenza e informazioni per aiutarli a rientrare nei progetti di assistenza nazionali, con la possibilità di tornare a Settimo Torinese”.

Ora che di fatto ci sono due ricoveri per stranieri a Oulx, non potrebbe essere utile dialogare con chi ha occupato la casa cantoniera? “Io sono sempre disponibile – risponde don Chiampo – anche a Claviere lo avevo fatto e avevo parlato con loro, ma senza ottenere grandi risultati”.

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

10 COMMENTI

  1. Pur avendo un certo distacco dal mondo ecclesiastico non posso che dar ragione.: questi pseudo volontari se proprio vogliono aiutare hanno mille canali legali x farlo legati e non alla Chiesa dove non si appare ma si può fare molto. Forse manca la voglia o forse ci si trincea dietro ai poveretti sfruttandoli per manifestare qualcos’altro…..

    • Eh…….vedendo la risposta delle istituzioni ad un atto illegale toccherà organizzarsi diversamente……

    • non si potrebbe evitare di utilizzare termini nettamente denigratori e razzisti? questo al di là della questione citata nell’articolo, per un rispetto verso le persone di tutte le etnie…

  2. Curioso vedere che arrampicandosi sugli specchi e nasconedendosi dietro a concetti fuori di agni logica (tipo che è giusto occupare un edificio pubblico inutilizzato sfondando porte piuttosto che si può garantire ottimale assistenza in una struttura priva di ogni impianto tecnologico e controllo sanitario) c’è chi si batte per un gruppo di anarchici, oltretutto francese (sarà mica perchè da loro queste cose non sono tollerate che continuano a farli da noi?????), senza vedere effettivamente come stanno le cose: siete andati a vedere cosa fanno???? Più che stare seduti attorno al fuoco a fumare (cosa si può solo immaginare) e a deridere i Carabinieri (che comunque rappresentano lo Stato il nostro Stato) che li tengono d’occhio a distanza ogni tanto altro non ho visto nei frequenti transiti nelle zona. Le regole ci sono se non piacciono andate a cercare un posto dove le regole sono di vostro gradimento (ammesso che ci sia)

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.