COAZZE, DONNA INCINTA FA UN’ESCURSIONE E HA DOLORI ADDOMINALI: INTERVIENE IL SOCCORSO ALPINO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
dal SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO PIEMONTE
COAZZE – Da domenica scorsa 17 maggio, la stazione Valsngone del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico ha svolto quattro interventi. Il primo proprio domenica pomeriggio per la stabilizzazione ed il recupero di una ciclista caduta su una strada sterrata a Sangano. La donna, che si è procurata una lussazione della spalla e frattura dell’omero, è stata trasportata all’ospedale.
Lunedì intorno alle ore 12 una donna è caduta in una scarpatanei pressi di borgata provonda a Giaveno. I tecnici CNSAS con medico e infermiere dell’eliambulanza, la hanno stabilizzata ed imbarellata. Con complesse manovre di corda la hanno quindi portata fino alla strada dove l’ambulanza l’ha caricata per raggiungere l’elicottero atterrato nelle vicinanze il quale ha provveduto al trasporto della paziente in ospedale. Ha riportato un politrauma.
Venerdì 22 maggio alcuni tecnici CNSAS sono intervenuti a Coazze per aiutare il personale dell’ambulanza medicalizzata del 118 a trasportare per le scale un uomo colto da malore in casa.
Sabato 23 maggio alle ore 17 circa, un intervento nel vallone del Sellery nel Comune di Coazze. Una donna in gravidanza ha accusato dolore addominale durante un’escursione. Un tecnico ed un infermiere CNSAS la hanno raggiunta e riaccompagnata a valle in auto dopo i controlli dei parametri sanitari. La donna è rientrata autonomamente a casa.
Nessun paziente risultava sospetto al Covid-19.
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

    • Esatto…in gravidanza non è vietato camminare ma si può fare una passeggiata in campagna, sul lungo mare, in collina, e abbastanza a portata di eventuale ospedale. Ovviamente adesso anche in sicurezza dal covid 19. Le escursioni in montagna meglio riprenderle dopo il parto, quando il bambino è in grado di andare in montagna lo si mette nell’apposito zaino, e non si va comunque in zone pericolose, si va su sentieri sicuri, perchè se succede qualcosa su in montagna non c’è soccorso che tenga…solo che negli ultimi tempi il sale in zucca non è più di moda… e comunque anche quelli che cadono nelle scarpate etc., se non sono in grado di camminare sui sentieri, meglio che camminino sull’asfalto, purchè non creino assembramenti…

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.