CONDOVE E IL VIDEO SULLA POLIZIA MUNICIPALE: “CONTENUTI FALSI, L’ATTIVITÀ È REGOLARE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICATO DEL COMUNE DI CONDOVE

Nella giornata di sabato 15 giugno 2019 è stato diffuso, attraverso diversi canali social, un video dai contenuti falsi, strumentali ma soprattutto lesivi della professionalità e dell’operato degli agenti della nostra Polizia Municipale.

L’autore del video parla di presunte irregolarità dovute alla presenza lungo la ex SS 24 di un apparecchio per la misurazione della velocità, lasciandosi andare in considerazioni offensive nei confronti dell’Amministrazione e del corpo di Polizia Municipale.

Lo strumento ripreso nel video non è un rilevatore di velocità (autovelox) bensì un sistema portatile di riconoscimento targhe, acquistato dall’Amministrazione ormai due anni fa, che ha lo scopo di individuare auto che viaggiano con bollo, revisione o assicurazione scadute, le auto con delle irregolarità amministrative o anche le auto rubate.

Le modalità organizzative del servizio consentono di posizionare l’apparecchiatura su un treppiede oppure su un veicolo e, qualora venga riscontrata una irregolarità, manda un input alla pattuglia posizionata qualche centinaia di metri oltre la quale fermerà il veicolo e contesterà l’infrazione.

In circa due anni di utilizzo non solo sono state riscontrate 173 infrazioni, ma a seguito di ciò non è mai avvenuto un solo ricorso. Dati che certificano come questa strumentazione agisca all’interno del quadro normativo vigente, colpendo solamente le vetture che presentano delle irregolarità, garantendo sicurezza sulle strade che attraversano Condove.

Risulta ora evidente come i contenuti del video siano falsi, prima ancora che offensivi, ma soprattutto siano responsabili di una sequela di insulti e di minacce, più o meno velate, che hanno avuto un’ampia condivisione e che hanno gettato discredito sul lavoro dei nostri agenti.

Alla luce di tutto ciò, proprio per tutelare il lavoro della nostra Polizia Municipale, stiamo valutando insieme al responsabile del servizio e del personale la possibilità di agire nei confronti di chi ha diffuso questo video.

Gli uffici comunali e l’Amministrazione sono sempre a disposizione per fornire informazioni riguardo il loro operato. Sul sito del Comune di Condove è possibile trovare tutti i contatti necessari per risolvere qualsiasi situazione che può generare dubbi, perplessità o ambiguità.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

16 COMMENTI

  1. Ben vengano i controlli, purtoppo non sono mai abbastanza. Non capisco quale problema possa creare un controllo sul rispetto delle norme di circolazione stradale, che siano i documenti o le velocità. Se ci sono regole, queste vanno rispettate. Purtoppo le pattuglie sono sempre poche, soprattutto nei we, quando le nostre strade si trasformano nel circuito del Mugello.

  2. Piangiamo i morti sulle strade, ma non vogliamo i controlli. Azione legale contro chi ha diffuso il video falso, ed eventuale risarcimento all’Asilo di Condove.

  3. CARA AMMINISTRAZIONE ESISTONO ALTRI METODI PER FAR CASSA MA SOPRATTUTTO PER UTILIZZARE GLI SCERIFFI COMUNALI AL SERVIZIO DELLA POPOLAZIONE ; LASCIATE IL COMPITO DI IDENTIFICARE AUTO RUBATE O SENZA ASSICURAZIONE AGLI ORGANI DELLO STATO

    • Bravi fate bene. Poi ci lamentiamo se in un incidente l auto è senza revisione o ancora peggio manca di assicurazione . Non è questione di fare cassa ma di far circolare macchine in regola.

    • Fintanto che identificano auto rubate o senza assicurazione, ben venga… è quando magari sovrappensiero passi in paesi come Borgone, perchè magari hai mille problemi da affrontare in una giornata, e ti becchi una bella multa perchè dove c’erano i 50 sei passato ai 60, mentre poi, spesso e volentieri, se nel week end vai in auto sopra Susa, circolano moto che fanno i 150 tagliando le curve e rischiando di venirti addosso… è più facile multare il vecchietto che va al mercato, la mamma che corre a portare i figli a scuola prima di andare a lavorare, l’impiegato che ogni mattina deve percorrere 50 km per andare al lavoro e per l’appunto supera a malapena la velocità consentita, che rendere le nostre strada veramente più sicure fermando questi squadroni di moto che viaggiano come pazzi e si ammazzano o ammazzano altri settimanalmente….

    • Evidentemente la sua ignoranza rifiuta di concepire che la Polizia Locale è quella più vicina al territorio e che è la prima ad essere incaricata a questo tipo di controlli.

      Poi, quali sarebbero “gli altri organi dello stato”? Carabinieri e Polizia che, con il loro esiguo numero, devono anche occuparsi di altre tipologie di reati di ben altra gravità.

      Il suo è un commento che trabocca qualunquismo e banalità da ogni poro.

    • Scusi sig.Carlo se avviene un incidente contro uno che e’ senza assicurazione dopo dove si va a ottenere giustizia?Se non ci sono tanti uomini nel sistema non vorra’ pretendere che facciano tutto! Un aiuto dalla polizia municipale e’ gradita a molti.Poi se uno e’ in regola che ci sia la polizia o meno gliene frega poco , le pare?

  4. Ma anziché perdere tempo alla ricerca di veicoli non revisionati, perché non controllate la velocità di moto e macchine facendo prevenzione vera e seria, anziché fare cassa.
    Così ci evitiamo centinaia di morti sulle strade

    • Non è questione di fare cassa. Se sbagli o se la macchina manca di revisione o assicurazione DEVI PAGARE. E toccare il portafoglio è l unica soluzione per imparare.

    • Perché se in delinquente non assicurato causa un incidente il danneggiato non sarà mai risarcito ecco perché fanno bene
      Anzi fanno ancora pochi controlli….

  5. credo che chi viaggia con l’assicurazione scaduta ben difficilmente pagherà la multa, sicuramente sarà nullatenente.
    Ritengo ( forse sbagliando) che sia molto più utile impiegare i vigili per controlli sulla velocità a centro paese, non ai confini in uscita dal comune come spesso fanno mettendosi vicino alla rotonda di caprie col telelaser oppure al poisatto quando si è ormai in aperta campagna. La Prevenzione si fa anche facendosi vedere e non nascondendosi come spesso avviene. La velocità viene rallentata anche solo mettendo l’auto in bella vista.
    Purtroppo per svariati motivi ( fare cassa, sollievo da responsabilità per strade sconnesse, ecc) i limiti di velocità dei 50 km/h ,sono gli stessi degli anni 60, (allora era considerata molto elevata), non tenendo conto che la tecnologia ha ridotto di 10 volte gli spazi di frenata. E’ facile scaricare sempre le colpe sugli automobilisti, ( quali sono le istituzioni che hanno fatto uno studio sulla velocità media adeguata su un determinato tratto di strada, prima di mettere il limite?) I limiti per essere rispettati devono essere, secondo me, adeguati alla circolazione, se se ne abusa ecco poi che non vengono rispettati e allora usati per fare cassa. Certo i vigili fanno il loro lavoro e giustamente fanno rispettare il CdS, ma per fare lo stesso lavoro c’è modo e modo.

    • Lo hai letto l’articolo o hai fatto come il buon commentatore italico medio che si è fermato al titolo ? NON È UN VELOX, ma un lettore di targhe. Per cui chi lo ha spacciato per un Velox con accuse a destra e manca ha detto falsità. Il comune farebbe benissimo a tutelarsi legalmente. È ora di finirla con questa marea di ignoranti che si sentono in diritto di dire e scrivere ogni scemenza che gli passa per la testa.

  6. Adottare lo stesso sistema x le moto che passano ai 160 nei centri abitati sarebbe una bella idea altro che non fare controlli, ma purtroppo x qualcuno va bene cosi’ fin che non ci scappa il morto. (almeno a Condove i vigili fanno il loro lavoro……)

  7. Oddio, io e mio marito abbiamo riscontrato una mancanza a Susa nella rilevazione della velocita’ tant’ e’ che l’ abbiamo comunicato alla polizia municipale, riguardava l’ assenza del secondo segnale a terra.Non vedo il senso di offendere se cosi’ e’ accaduto in questo caso…basta spiegare le cose…non possiamo applaudire le forze dell’ ordine quando ci fa comodo , vanno rispettate anche quando non fanno le cose che riteniamo giuste. Mah!

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.