CONTINUANO I FURTI IN VALSUSA, I LADRI COLPISCONO VAIE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

di LUCA MARTIN

VAIE – Da ormai qualche giorno non smettono di arrivare segnalazioni di furti nei vari paesi valsusini. In particolare in questi ultimi giorni ad essere preso di mira è il comune di Vaie. Infatti, dopo alcune segnalazioni riguardo ad un’auto sospetta che si aggirava per le vie del paese, nella giornata di mercoledì 7 dicembre i ladri sono passati all’azione.
Le vittime, una coppia di Vaie, residente in via Torino; la moglie, uscita per fare la spesa, al suo ritorno a casa è stata seguita da tre uomini (due in macchina ed uno a piedi) che, una volta giunti in prossimità dell’abitazione, si sono presentati alla signora come tecnici della Smat, intenti a dover fare alcuni controlli.
La vittima, probabilmente ingannata dal vestiario dei malviventi, ha acconsentito a farli entrare in casa, dalla quale i tre soggetti (tuttora non identificati) sono usciti con un bottino di circa 2000 euro in contanti.
Sempre nella giornata di mercoledì, un colpo con la stessa dinamica è stato tentato in via I Maggio (sempre a Vaie). Questa volta però, il padrone di casa, ha respinto i presunti operai Smat (che si erano nuovamente dichiarati intenzionati ad effettuare una serie di controlli) riuscendo ad evitare che l’atto criminoso venisse consumato.
Di questa situazione, sono stati allertati i carabinieri che stanno procedendo nelle indagini.
Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. È opportuno aumentare il livello di attenzione da parte di tutti i cittadini e, se in possesso, anche attivare tutte quelle misure di prevenzione che vengono troppe volte dimenticate per un’eccessiva sicurezza: potrebbe fare la differenza tra un furto tentato e, purtroppo, uno riuscito.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Approvare la legge che permetta di difendersi nella proprietà privata per legittima difesa, e pene esemplari, ora i ladri sono protetti dalla legge.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.