DA MONCENISIO ALLA COSTA AZZURRA, PARTE LUNEDÌ 13 IL PROGETTO ARTISTICO TRA ITALIA E FRANCIA / OPEN DAYS, CONCERTI E “RESIDENZE CREATIVE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

MONCENISIO – Prende il via il 13 giugno a Moncenisio il progetto europeo di valorizzazione delle frontiere alpine tra Italia e Francia.
Partirà ufficialmente il 13 giugno a Moncenisio la prima residenza creativa (13-19 giugno 2016) di Borderscapes, un percorso creativo di promozione e valorizzazione dei territori alpini transfrontalieri che coinvolge le regioni del Piemonte in Italia e della Provence-Alpes-Côte d’Azur in Francia, con il sostegno del fondo FESR programma Alcotra Interreg 2014-2020 per la cooperazione transfrontaliera.

Dall’illustrazione alla musica, dal documentario sonoro alla fotografia: saranno otto i creativi, italiani e francesi, che da giugno a ottobre percorreranno il tratto di frontiera da Moncenisio fino a Breil sur Roya.

Studio dei territori, produzione di opere originali, eventi e un festival conclusivo per raccontare e costruire il nuovo immaginario della frontiera.

Appuntamenti aperti a creativi e a chiunque abbia la curiosità di vedere con occhi diversi i luoghi di confine alpino a cavallo tra Italia e Francia.

BORDERSCAPES E IL FESTIVAL “TORINO E LE ALPI”

Inoltre, Borderscapes è stato selezionato tra i progetti che rientrano nel Festival “Torino e le Alpi”. La Compagnia di San Paolo promuove la terza edizione del Festival “Torino e le Alpi”. Il Festival si propone di essere un evento diffuso sul territorio alpino, articolato in molteplici forme artistiche, volto a mettere in relazione la città con la montagna – Torino con il suo arco alpino – e a consolidare la rete di enti e soggetti capaci di rendere le terre alte protagoniste di cultura di qualità.

Dal 15 al 17 luglio, quasi 100 iniziative, molte delle quali selezionate a seguito del bando promosso a fine 2015 dalla Compagnia di San Paolo, animeranno Torino e le Valli, facendo emergere una prospettiva della montagna lontana dagli stereotipi culturali e dalla retorica.

RESIDENZE CREATIVE

Le residenze creative di Borderscapes coinvolgono otto artisti italiani e francesi in un viaggio lungo la linea del confine che separa il Piemonte e la Provenza. Ogni residenza è un momento di esplorazione e conoscenza di un territorio, delle sue storie e dei suoi abitanti, volto ad aprire una riflessione intorno al concetto stesso di frontiera. Un momento collettivo che vede gli artisti impegnati ciascuno sul proprio personale terreno di ricerca, con l’obiettivo di creare un corpus di opere originali che dialoghino idealmente l’una con l’altra per raccontare l’antica frontiera italo-francese e le frontiere che attraversano il mondo contemporaneo. Dalle residenze nasceranno concept e progetti artistici, una vera e propria produzione di opere originali (corti-documentari, book fotografici, documentari sonori, composizioni musicali, illustrazioni) ispirate al tema della frontiera e realizzate dagli artisti coinvolti a partire dagli elementi peculiari del patrimonio naturale e culturale dei territori italiani e francesi toccati dal progetto. Le opere (il termine per la loro realizzazione è previsto per il 2017) saranno disseminate offline e online e “donate” ai territori di riferimento nell’ambito delle rispettive azioni di promozione del patrimonio.

RESIDENZA #1 – VALLE SUSA (IT) / 13-19 giugno 2016
RESIDENZA #2 – CLARÉE-BRIANÇON (FR) / 19-25 giugno 2016
RESIDENZA #3 – QUEYRAS (FR) / 12-18 settembre 2016
RESIDENZA #4 – VALLE VARAITA (IT) / 18-24 settembre 2016
RESIDENZA #5 – VALLE GESSO (IT) / 10-16 ottobre 2016
RESIDENZA #6 – ROYA (FR) / 16-22 ottobre 2016
OPEN DAYS / CINÉ-BISTROTS

Gli open days, in Italia, e i ciné-bistrots, in Francia, sono momenti pubblici di animazione culturale che coinvolgono direttamente i territori del progetto. Un’occasione per far incontrare Borderscapes, i suoi protagonisti e il pubblico residente e aprire una riflessione comune sul tema dei confini e delle frontiere.

I primi open days:

22 giugno 2016 / Nevache / Salle Polyvalente Ville-Haute
Proiezione di E CI SI RITROVA DALL’ALTRA PARTE (Nicola Farina, Francia, 2013, 75’). A seguire incontro con l’autore e con gli artisti di Borderscapes
24 giugno 2016 / Briançon / Cinéma Eden
Proiezione di SUI BORDI – DOVE FINISCE IL MARE (Francesca Cogni, Italia/Francia, 2013, 39’) e TAXIWAY (Alicia Harrison, France, 2013, 60’)
15 luglio 2016 / Moncenisio / Chiesa di San Giorgio
LA MEMORIA DELL’ACQUA – ENRICO NEGRO in concerto (chitarra classica)
16 luglio 2016 / Moncenisio / Piazza del Municipio
AER MUNDIS feat LAUTARO ACOSTA (violino) – Concerto di musica contemporanea popolare
17 luglio 2016 / Moncenisio/ Ecomuseo Terre al Confine
Presentazione del progetto BORDERSCAPES. A seguire proiezione di SUI BORDI – DOVE FINISCE IL MARE (Francesca Cogni, Italia/Francia, 2013, 39’)

CREATIVE ALPINE MARATHON

Le Creative Alpine Marathon sono tre momenti specifici di animazione dei territori italiani coinvolti nel progetto Borderscapes, tre maratone artistiche aperte al pubblico per la creazione condivisa di contenuti nell’ambito dell’illustrazione, del video/fotografia e della musica.

17 luglio 2016 / Moncenisio/ Piazza del Municipio
CREATIVE ALPINE MARATHON – #Illustrazione (In collaborazione con Inchiostro Festival)
23 settembre 2016 / luogo e sede in via di definizione
CREATIVE ALPINE MARATHON – #video/fotografia
15 ottobre 2016 / luogo e sede in via di definizione
CREATIVE ALPINE MARATHON – #musica

image

GLI OTTO ARTISTI

Saranno i suoni e le immagini i veri protagonisti di Borderscapes, e questo tramite gli otto artisti individuati dopo una selezione che ha impegnato gli organizzatori per oltre un mese di lavoro. La squadra italiana sarà composta da importanti nomi del panorama artistico piemontese e non solo: Elisa Talentino (illustrazione), Enrico Negro (musica), Sandro Bozzolo (documentario), Francesca Cogni (videoarte), mentre per la parte francese i protagonisti chiamati saranno: Cloe Truchon (documentario sonoro), Fatima Bianchi (documentario), Katia Kovacic (documentario sonoro), Thierry Michel (fotografia).

GLI ARTISTI ITALIANI IN BREVE

ELISA TALENTINO (illustrazione)

Nata a Torino nel 1981, è un’artista che lavora con grafica d’arte, pittura e illustrazione. Nel 2009 ha dato vita a Torino con Paolo Berra al laboratorio di stampa d’arte Inamorarti, con cui porta avanti un progetto d’illustrazione, grafica, editoria indipendente e serigrafia artistica. Nel 2013 ha pubblicato con Print About Me Micro Press il libro d’artista Le jardin d’hiver con cui è stata selezionata per la mostra degli illustratori Children’s Book Fair (Bologna 2015) e al premio Ilustrarte 2014 (Biennale Internazionale dell’illustrazione di Lisbona). Il libro ha ricevuto la menzione d’onore Lidu art Books per la stampa d’arte 2014. Ha presentato a BilBOlbul 2014, Festival internazionale di Illustrazione e Fumetto di Bologna, il libro Bendata di Stelle, pubblicato da Inuit Editions. Il suo ultimo libro Metamorphosis, pubblicato con l’editore La grande illusion con il sostegno del Goethe Institut Torino, è stato presentato in occasione di Bologna Children’s Book Fair 2016. Ha lavorato per: The New York Times, Goethe Institut, Mondadori, La Stampa, Moleskine. Ha tenuto workshop d’illustrazione e serigrafia presso: Ied Torino, MiMaster Milano, Isia Urbino, AIAP.

www.elisatalentino.it

ENRICO NEGRO (musica)

Chitarrista, compositore e arrangiatore, si diploma con il massimo dei voti nel 1991 presso il Conservatorio A. Vivaldi di Alessandria. Nel 1992 fonda il Vivaldi Guitar Trio, con cui s’impone in importanti concorsi nazionali e internazionali. Svolge da anni un’intensa attività concertistica in tutta Europa, esibendosi abitualmente in Italia, Spagna, Francia, Portogallo, Germania, Svizzera nell’ambito di Festival di grande prestigio. Parallelamente, coltiva la passione per lo studio e la riproposizione della musica tradizionale piemontese, occitana e mediterranea, collaborando con vari ensemble italiani e stranieri. Ha al suo attivo l’incisione di una ventina dischi e la pubblicazione di partiture per tre chitarre per le case editrici Berben e Pizzicato Verlag. Nel 2005 pubblica per l’etichetta piemontese Folkclub – Ethnosuoni il suo primo CD solista, Rosso Rubino. Nel mese di settembre 2015 pubblica il suo secondo disco solista La memoria dell’acqua (Solitunes 003). Svolge parallelamente un’importante attività didattica come docente di chitarra, collaborando con vari istituti musicali piemontesi.

www.enriconegro.it

SANDRO BOZZOLO (documentario)

PhD in Migrazioni e Processi Interculturali (Università di Genova) e videomaker, inaugura il suo percorso artistico e professionale nel 2006, con un viaggio in Transiberiana che dalla Lituania lo porta in Mongolia e in Cina. Da quel momento, in parallelo con gli studi specialistici, sviluppa metodologie di ricerca fondate su linguaggi e formati diversi. Nel 2011 è tra i fondatori dell’Associazione Culturale Geronimo Carbonò, con la quale realizza documentari e cortometraggi dedicati agli spazi periferici e alle culture minoritarie. Nel 2014 è autore di Ilmurrain, documentario – e progetto editoriale – che racconta l’incontro fra una giovane ragazza maasai e una bergera piemontese sui pascoli della Valle Gesso. Nel 2015 con Elisabetta Demartis, realizza il progetto di ricerca giornalistica Agritools, dedicato all’utilizzo delle ICT4Ag in quattro Paesi africani.

www.sandrobozzolo.work

FRANCESCA COGNI (videoarte)

È videomaker e disegnatrice. Con il disegno, il video e l’animazione sperimenta forme di documentazione di luoghi, abitanti, percorsi e tematiche della contemporaneità. Usa il disegno come strumento di osservazione, di restituzione, di relazione e di scambio. Le storie raccolte diventano film, serie di disegni, libri autoprodotti. Lavora prevalentemente su temi legati alle migrazioni, le lingue, la diversità culturale, la sostenibilità, l’autoproduzione e l’auto-organizzazione. La sua ricerca artistica si accompagna e si nutre di progetti educativi in ambito prevalentemente sociale (laboratori, corsi, lezioni, proiezioni), in cui il video e il disegno diventano strumenti collettivi per confrontarsi, riflettere, raccontare la realtà e raccontarsi. Lavora da sola o in collaborazione con antropologi, artisti, danzatori, musicisti, architetti.

zebrablu.wordpress.com

CALENDARIO

Il programma dettagliato del progetto e degli eventi pubblici potrà essere consultato sul sito ufficiale del progetto www.borderscapes.eu

BORDERSCAPES

Il progetto è realizzato dalla Fondazione Dravelli di Moncalieri e da Airelles Vidéo di Aix-en-Provence ed è uno dei primi progetti approvati del nuovo programma Alcotra Interreg 2014-2020.
Borderscapes coinvolge otto artisti chiamati a “raccontare” la frontiera nell’ottica di costruire un nuovo immaginario capace di accrescere la visibilità del patrimonio naturale e culturale dei territori coinvolti.
Borderscapes si concluderà nell’estate del 2017 con la seconda edizione di Spaesamenti/Dépaysements – Incontri sul cinema del reale di confine, festival di film documentari d’autore sul tema della frontiera.

INFO

www.borderscapes.eu – Tel. 393-9932849

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.