DALLA VALSUSA A MILANO PER ASCOLTARE OBAMA: L’ESPERIENZA DEGLI STUDENTI DEL DES AMBROIS

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn


DALL’ISTITUTO DES AMBROIS

OULX – In occasione del summit internazionale sul food innovation, “Seed&Chips”, il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca ha promosso, in collaborazione con il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Hack-Waste, il primo hackathon della scuola italiana dedicato al cibo e, in particolare, al tema dello spreco alimentare.L’iniziativa si è svolta a Milano dal 7 al 9 di maggio, ha visto la partecipazione straordinaria del già presidente degli USA Barak Obama e ha coinvolto le studentesse e gli studenti di 12 scuole secondarie di secondo grado italiane, 4 per ogni scuola selezionata per il prestigioso appuntamento. Fra questi ragazzi, 4 sono stati gli studenti del Des Ambrois: Camilla Andreis, Jasmine Erta, Alberto Grimaldi e Lorenzo Pent, accompagnati della professoressa Valerie Beavers ne che già si erano distinti nell’ambito della settimana europea della bioetica, tenutasi a Torino lo scorso marzo e che li aveva visti relatori, come Ambasciatori della Salute, presentando la loro esperienza di studenti e atleti nei confronti del tema della corretta e sana alimentazione.

Nel convegno, tra il resto, sono stati affrontati i temi delle nuove tecniche di produzione alimentare, della nutrizione del futuro e della food security e del diritto al cibo sano, sostenibile e accessibile a tutti.

Partendo dal sapere e dalle ispirazioni di EXPO 2015 e dalle grandi sfide di oggi, Hack-Waste è stata una maratona progettuale dove 60 studenti, con l’aiuto di mentori, esperti, imprenditori e policy maker da tutto il mondo, hanno lavorato insieme con l’obiettivo di creare modelli, soluzioni e prototipi per affrontare con lungimiranza, responsabilità e mentalità aperta il tema dello spreco alimentare.

Per gli studenti è stata un’esperienza di grande valore che ha permesso loro di apprendere nuovi strumenti di co-progettazione, che li hanno stimolati a generare idee utili e originali per la società, che li ha portati al termine del percorso a dover esporre la propria idea dinanzi ad esperti del Ministero dell’istruzione, dell’università e delle ricerche e del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

Al termine dell’incontro un nuovo appuntamento è stato fissato: nel prossimo autunno si terrà il G7 dell’alimentazione e in questa nuova occasione internazionale il Des Ambrois sarà nuovamente presente. Uno studente dell’Istituto – Alberto Grimaldi – è infatti stato selezionato per esere portavoce di uno stile sano di vita e di alimentazione.  

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.