GIAVENO E I NUOVI SUPERMERCATI: “MAGGIORANZA IN VACANZA? RIMANDATA A SETTEMBRE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

 

RICEVIAMO DAL GRUPPO “PER GIAVENO”

GIAVENO – “Una maggioranza non è più tale quando su provvedimenti da essa ritenuti importanti il numero legale viene a mancare. Il sindaco Giacone e la sua Giunta davvero potevano pensare che con un tale ordine del giorno la minoranza, in profondo disaccordo politico con l’amministrazione sulle medie strutture commerciali e su tanti altri punti, potesse fungere da stampella, come sono soliti fare PD e movimento 5stelle, per mantenere il numero legale? Sarebbe stato un affronto all’intelligenza dei cittadini e al futuro di Giaveno”.
È il commento dei consiglieri di opposizione di “Per Giaveno” Ruffino, Tizzani e Mellano sulla seduta del consiglio comunale di Giaveno del 28 luglio, consiglio in cui si sarebbe dovuto affrontare il tema della realizzazione dell’ennesima media struttura commerciale in via Torino.
“Fa sorridere amaramente l’affermazione del sindaco per cui il periodo di vacanze avrebbe fatto aumentare le assenze, quando è stato proprio lui a scegliere la data della convocazione! Ma l’aspetto più serio – proseguono i consiglieri della lista Per Giaveno – è che esistono, probabilmente, delle crepe all’interno della maggioranza su temi che determinano il cambiamento e la fisionomia cittadina. Nessuno studio è stato commissionato dalla Giunta, nessuna proiezione realizzata, nessuna azione politica volta alla salvaguardia del commercio di prossimità, che dovrà necessariamente confrontarsi con colossi che avranno 400 – 500 posti auto, è stata attuata”.

“La situazione di crisi diffusa, che colpisce numerosissime famiglie e di conseguenza il commercio, richiede che una simile trasformazione veda coinvolti in una discussione approfondita gli operatori economici giavenesi e l’intera cittadinanza. Nessun confronto da parte della Giunta, anzi, nemmeno prese in considerazioni le osservazioni contrarie dell’Associazione Commercianti UNARCO. Noi abbiamo espresso con limpida chiarezza la nostra contrarietà su questo intervento, su quello relativo alla ex Fonderia e così su quello della ex cartiera, come dimostra il nostro voto contrario alla delibera sui criteri di programmazione commerciale approvata da Giacone”, aggiungono i consiglieri di opposizione. Giaveno non regge 4 nuovi ipermercati.

“Sull’Area Cavourese il problema è duplice: la Giunta Giacone ha deliberato atti che palesano la volontà di permettere la realizzazione dell’intervento, vedasi l’ampliamento non necessario dell’addensamento commerciale A3 – concludono Ruffino, Tizzani e Mellano – e invece ora, forse anche in virtù della nostra forte opposizione, la nega. Siamo usciti dall’aula in segno di protesta per l’atteggiamento da furbi di chi prima ha perseguito la fattibilità dell’ operazione e, all’improvviso, la vuole cassare con un ricorso al TAR già pendente ed il rischio di gravi conseguenze per il Comune in caso di soccombenza, il tutto senza nemmeno preoccuparsi di avere il numero legale per approvare la delibera. Il governo di Giaveno richiede amministratori all’altezza, più responsabili e preparati. Nuovamente ritirato il punto nel Consiglio di lunedì 31 luglio. Maggioranza in vacanza? Non ha superato l’esame: rimandato a settembre!”

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.