LA REGIONE APPROVA L’ELENCO DEGLI ALBERI MONUMENTALI: 5 SONO IN ALTA VAL SUSA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image
Dall’impressionante castagno plurisecolare di otto metri di circonferenza nel Comune di Giaglione all’olmo del Caucaso di Bra, passando per il cedro dell’Himalaya di Biella: sono solo alcuni fra gli esemplari più spettacolari dell’ elenco regionale degli alberi monumentali del Piemonte, approvato dalla Regione a fine 2015 e pubblicato sulla pagina web del Settore foreste. Cinque sono in Val Susa: 3 a Oulx, 1 Bardonecchia e 1 a Giaglione.

Gli 82 esemplari risultano localizzati in 48 Comuni, situati prevalentemente nei territori torinese, cuneese e alessandrino. Il Comune con più alberi è Torino, con ben 13 esemplari classificati come monumentali; seguono con 3 ciascuno Biella, Cavallermaggiore, Cumiana, Fenestrelle , Oulx e Rivara.

Gli alberi appartengono a 37 specie, delle quali 24 autoctone del Piemonte e 13 esotiche (o varietà ornamentali). Tra queste ultime la più rappresentata è il Platano, con 10 esemplari, poi l’Ippocastano, con 7; seguono Farnia, Cedro dell’Atlante (esotica), Larice, Faggio, Salice bianco, con 5 individui ciascuna.

Gli alberi più spettacolari per dimensione sono di Castagno (un esemplare di 8 m di circonferenza a Giaglione) e Olmo del Caucaso (oltre 7 m, a Bra), poi Cedro dell’Himalaya (a Biella) e Platano (diversi esemplari a Torino), con circonferenze ben superiori ai 6 metri.

“ Gli alberi monumentali sono un bene comune da tutelare per il loro valore naturalistico, paesaggistico e storico-culturale, ma anche un’opportunità di sviluppo turistico ed educativo”, ha detto l’assessore all’Ambiente della Regione Piemonte, Alberto Valmaggia. Si tratta di alberi catalogati per età, dimensioni, forma e per importanza culturale e paesaggistica. 

L’elenco comprende 82 alberi o gruppi di piante localizzati in 48 Comuni, prevalentemente nel Torinese, Cuneese e Alessandrino. Il Comune con più alberi è Torino, con ben 13 esemplari classificati come monumentali. Seguono con tre ciascuna Biella, Cavallermaggiore, Cumiana, Fenestrelle, Oulx e Rivara. 

Le specie interessate sono 37, delle quali 24 autoctone del Piemonte e 13 esotiche o varietà ornamentali. Tra queste ultime la più rappresentata è il platano, con 10 esemplari, poi l’ippocastano, con 7. Seguono la farnia, il cedro dell’Atlante, il larice, il faggio e il salice bianco, con 5 piante ciascuna. 

La lista piemontese è parte dell’Elenco degli alberi monumentali d’Italia, previsto dalla normativa nazionale. Dallo scorso giugno la Regione ha chiesto a tutti i Comuni piemontesi la compilazione delle schede di segnalazione delle eventuali piante monumentali presenti nel proprio territorio. Ha quindi affidato all’Istituto per le Piante da Legno e l’Ambiente (Ipla SpA) il supporto tecnico, in particolare la verifica sul campo delle segnalazioni e la valutazione degli esemplari. 

L’elenco completo è consultabile alla pagina: www.regione.piemonte.it/foreste/tutela/monumentali.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.