LETTERA / IL TRENO PER LA VALSUSA SI BLOCCA A COLLEGNO: “SIAMO RIMASTI A PIEDI, E POI CI DICONO DI USARE I MEZZI PUBBLICI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di GIULIO PINARD

SUSA / COLLEGNO – Sono partito al mattino di martedì 29 novembre con il treno regionale servizio ferroviario metropolitano linea 3 n. 26362 da Torino Porta Nuova destinato a Susa. Arriviamo alla stazione di Collegno e il treno si ferma, ci dicono che saremmo ripartiti con ritardo per un problema all’incrocio dei binari. Successivamente ci dicono che il treno termina la corsa a Collegno, quindi ci fanno scendere tutti giù, sotto la pioggia, attendendo un altro treno.
Dato che devo proseguire per Sant’Antonino di Susa, sono costretto a prendere un treno “successivo” perché il treno sostitutivo non ferma in quella stazione…però poi ci dicono di usare i mezzi pubblici e le vetture euro 4 quando sono ferme a casa anche con GPS chilometrico move in, come ho io. Non ci sono parole.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

13 COMMENTI

  1. Mi sembra un po’ esagerato il commento… senza essere di parte, sono ben poche le volte in cui accade questo ad un treno! Se poi lo confrontiamo con tutte le sere e le mattine in cui rimaniamo bloccati in tangenziale, la Sua esternazione non regge proprio. Ha solo sprecato tempo per scrivere queste cose…

      • Se imparassi a leggere capiresti che il mio commento non è fuori luogo (come il seguente di “Sempre a Lamentarsi”). Il problema è che, oltre a non saper leggere sei pure stupido e, in quanto tale, non te ne puoi rendere conto.

  2. La cosa “buffa” é che su viaggiatreno.it viene sì ammessa la soppressione da Collegno, ma il dispaccio termina con un beffardo “il treno é arrivato in orario”

  3. Quante storie per essere rimasto una volta a piedi per un problema tecnico. Se rimanevi a piedi con l’auto facevi tutte queste storie? Poi sta cosa del “move in” è ridicola. Non puoi circolare perché hai un Euro4. Il “move in” è una deroga che si applica quando non ci sono i blocchi. Comprati una Euro6 così poi vai dove vuoi e quando vuoi.

  4. Primo, se rimango a piedi con un mezzo di mia proprietà è una mia responsabilità, il biglietto treno lo pago e pretendo il servizio o perlomeno il rimborso, che non avviene.
    Secondo quando non ci sono i blocchi euro 4 può circolare anche senza “move in”, con i blocchi “move in” deve consentire la mobilità se no a cosa serve, visto che si paga il dispositivo e l’abbonamento?
    Terzo la euro6 la compro basta che mi fai un assegno.

    • Caro “esserestupidienonsaperlo”, mai nick fu più appropriato. Per tutti i mezzi pubblici esistono diritti e procedure per ottenere eventuali rimborsi, se se ne ha diritto. Nel caso specifico la soluzione era attendere il treno successivo. Non certo una attesa lunga, vista la frequenza dei treni in valle. Fare polemiche del genere per un singolo caso di disagio è proprio roba da italiano medio lamentone. A me è capitato di fare ore attese in aeroporto, con perdita di relative coincidenze e ulteriori attese per i voli sostitutivi. Mai fatto tutte storie, né articoli sul giornale. Ho fatto semplicemente valere i miei diritti di rimborso nelle sedi opportune.

      Il “Move In” è già una deroga per far circolare le auto più inquinanti quando e dove normalmente non sarebbe consentito, entro un limite chilometrico. È previsto nel protocollo stesso che superate certe soglie la deroga viene sospesa. Per cui ciò di cui tu sei convinto vale zero. Euro4 è obsoleto. Non vuoi comprare una Euro6 ? Tieniti l’auto in garage.

      Ripassati le regole perché credo che tu non ci abbia capito granché: https://www.sicurauto.it/news/attualita-e-curiosita/move-in-piemonte-come-funziona-quanti-km-e-costo/

    • E detto da un NoVax, NoGreenPass, complottista della Domenica che fatica a mettere insieme due neuroni nel suo cervello, lo considero una medaglia.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.