LETTERA / SAUZE D’OULX, LA BREXIT E I TURISTI INGLESI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

LETTERA FIRMATA

SAUZE D’OULX – Abito a Sauze d’Oulx, uno splendido paesino delle montagne olimpiche di 1.000 anime invaso da circa 2.500 extracomunitari: tutti giovani, vestiti all’ultima moda, ospitati da alberghi dotati di tutti confort e, naturalmente, del wifi.

Nessuno di “loro” lavora: tutti hanno telefonini di ultima generazione, affollano i locali che trasmettono la “loro” musica e si divertono. Nessuno di “loro” scappa da una guerra e sicuramente non hanno mai sofferto la fame.

In paese ci siamo adattati, parliamo tutti la “loro” lingua e vi assicuro che per tutti noi “loro” sono i benvenuti.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

5 COMMENTI

  1. Quindi? Chi scappa dalla guerra ha fame e non ha vestiti firmati non è il benvenuto? Non capisco, preoccupati che si fermi il flusso di sterline?

  2. La parodia e la satira richiedono una abilità di pensiero di ordine superiore. Decifrare, valutare e combinare luoghi comuni per dare uno sguardo beffardo al racconto creando uno storyboard che imita i momenti fondamentali del gioco, rendendo il profondo assurdo.
    Se non hai capito non preoccuparti.

  3. Una lettera più inutile di così non si può. Ma d’altronde Sauze d’Oulx e sempre stata unica. Prima prende una cosa la distrugge. Poi la rilancia come grande novità. Prima sposavano “loro” ora rumene.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.