PALIO DI SUSA, LA NUOVA MARCHESA E’ MARIANNA FONZO, IL CONTE E’ DARIO DEGIORGIS / FOTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

marchesa

marchesa 11

FOTOSERVIZIO DI PAOLO BOREA

Una bella festa ieri pomeriggio a Susa, per l’ingresso della nuova Marchesa e del nuovo Conte per il Palio Storico dei Borghi 2015, che si terrà a luglio, organizzato come sempre dalla Pro Loco. Dal palco di Piazza San Giusto ha fatto ufficialmente il suo ingresso Marianna Fonzo: è lei la Contessa Adelaide 2015. Il conte invece è Dario Degiorgis, ed entrambi appartengono al gruppo del Borgo Storico.

marchesa 2

<>.

marchesa 10

Intanto, nella stessa giornata di ieri è stato anche svelato il quadro che rappresenta il Palio 2015, dipinto da Sandro Lobalzo. Nato ad Albenga il 27 settembre 1946, Lobalzo si è diplomato al Liceo Artistico e poi all’Accademia Albertina. Ha iniziato ad esporre nel 1965 ed è attivo come incisore. Vive e opera a Torino. Il tema del Palio 2015 sarà invece: “Susa e le sue vigne all’epoca di Adelaide”.

marchesa 3

“Dai documenti d’archivio appare chiaro che, a partire dal sec. XI, la zona di Urbiano, all’imbocco della Val Cenischia, fosse il terroir del suburbio segusino specializzato nella viticoltura, insieme con la regione di Croaglie – spiegano dalla Pro Loco di Susa – in tale località (Urbiano, in zona chiamata Stadio) si addensavano, difatti, appezzamenti delimitati da muri a secco con all’interno, probabilmente, la casa-tinaia. Erano terreni di alto pregio, proprietà delle principali famiglie segusine quali i Bartolomei, gli Auruci, i Clarelli. Il vino, naturalmente, veniva commercializzato sia verso la pianura torinese sia verso la Moriana, complici la strada di comunicazione con l’Oltralpe che attraversava Susa e l’affermarsi del mercato segusino”.

marchesa 4

marchesa 12


Il Palio di Susa – Storia e regole

Per chi non lo conoscesse ancora, ecco che cos’è il Palio di Susa, e le sue regole. Il tutto viene spiegato dalla Pro Loco della città. “Rievocazione storica che vede nella Contessa Adelaide di Susa il personaggio principale (1020-1091) con il suo ruolo fondamentale nel determinare le sorti di un vasto territorio e il destino di un casato. Figlia di Olderico Manfredi, detentore della Marca di Torino sposa in terze nozze Oddone di Savoia, figlio di Umberto di Biancamano.

Riunì i possedimenti e la forza del giovane ed emergente casato d’oltralpe con i domini ed il potere degli arduinici, legati all’imperatore e padroni dei territori che si estendevano dai valichi del Moncenisio e del Monginevro sino alla Liguria.
Adelaide seppe difendere e mantenere sottomessi i suoi territori governando da sola dopo la morte del marito, direttamente ed indirettamente attraverso i figli e le loro famiglie acquisite, tenendo in scacco il suo potente genero, l’imperatore Enrico IV. Ogni estate, il penultimo sabato e domenica di luglio ,la Storia diventa torneo con gare per ricordare ed onorare l’importante figura di Adelaide.In questo periodo storico si svolgevano gare e feste in onore di Adelaide e di Oddone.

I tornei erano lo “sport” preferito dei Signori del Medioevo, in questo modo si festeggiavano le vittorie, i matrimoni, l’arrivo di principi stranieri e ogni altro evento. Si disputavano in primavera, erano vere piccole battaglie e provocavano morti e feriti. Quando intervenne la Chiesa dichiarando grave peccatore chi partecipava ai Tornei, si modificarono e diventarono gare in cuii a vincere non era più il più violento, ma il più abile.

La manifestazione vede i 6 borghi in cui è suddivisa la città, sfidarsi in tre prove, due individuali (Tiro con l’arco e giostra del Saraceno) ed una di squadra (tiro alla fune)Il Sabato sera il programma prevede la partenza dei cortei in fiaccolata per le vie cittadine con destinazione Arena Romana dove vengono raggiunti dal corteo della Contessa Adelaide che parte dal Castello. Dopo la presentazione ed il giuramento dei vari borghi che rappresentano la città viene aperto ufficialmente il Torneo con uno spettacolo medievale in onore della Contessa”.

La Domenica il Corteo della Marchesa, con i capiborgo ed i dignitari raggiunge la Cattedrale per la S. Messa che prevede la Benedizione del Palio (diverso ogni anno a seconda del tema e dipinto da un artista di fama).Segue la sfilata per le vie cittadine. Nel pomeriggio il corteo partendo dal Castello raggiunge l’Arena Romana dove hanno inizio i giochi :- Giostra del Saracino- Tiro con l’arco- Tiro alla fune che decreteranno il vincitore, premiato dalla Contessa Adelaide con il Palio”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.