RALLY, IL PILOTA DI COAZZE CERIALI CONQUISTA IL QUINTO POSTO JUNIOR A VERONA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Matteo ceriali e la copilota Vanessa Lai

FOTO MAGNANO

COAZZE / VERONA – Trascorsa una settimana dalla fine del Campionato Italiano Assoluto Rally-Sparco per Matteo Ceriali è il momento di trarre le conclusioni sulla sua stagione agonistica nella serie tricolore. Il pilota di Coazze ha concluso il Rally 2Valli di Verona dell’8 ottobre in 32esima posizione assoluta e quinto fra gli Junior, affiancato dalla navigatrice di Roure (e fidanzata) Vanessa Lai. “Un risultato positivo in termini di prestazioni che mi ha visto costantemente vicino agli altri concorrenti dello Junior” afferma il portacolori della New Racing for Genova che aveva iniziato la gara veronese nel migliore dei modi segnando il miglior tempo nella Power Stage, la prima prova speciale del rally. Nelle prove a seguire Matteo non è riuscito a ripetere l’exploit, ma i suoi tempi sono stati sempre molto vicini ai vincitori della speciale.

“Lo spirito con cui ho affrontato il 2Valli è sicuramente diverso da quello degli altri concorrenti dello Junior. Loro si giocavano il campionato, mentre io ero già fuori dai giochi. Tutto ciò ha significato avere una minor carica di adrenalina e una maggior attenzione nel non fare danni. Di notevole rilievo è stato il risultato nella graduatoria assoluta. Tutti noi dello Junior siamo finiti molto in alto nella classifica assoluta, proprio per la grande battaglia che c’è stata in classe. Un risultato particolarmente significativo nonostante fossimo alla guida di una Renault Clio Rally5, una vettura di categoria decisamente inferiore alle vetture top in un rally che vedeva al via 24 R5 condotte dai miglior specialisti italiani e numerose altre vetture sulla carta più performanti della Clio” afferma il ventitreenne coazzese.

Completata la disanima della gara veneta, Ceriali passa ad analizzare quella che è stata la sua stagione nel CIRAS-Junior. “Lo Junior è il campionato più formativo a livello nazionale, frequentato da quelli che nei prossimi anni saranno i piloti top del tricolore. È soprattutto l’affiancamento a professionisti del settore durante i test, prima e dopo la gara ad aiutarti a crescere. Per quanto mi riguarda è stato un utile confronto con i migliori giovani italiani. A fine stagione sono quinto, avendo pagato alcuni errori, come il ritiro all’Adriatico e soprattutto il fatto di aver saltato il Mille Miglia per essermi infortunato nei giorni precedenti al rally giocando a beach volley. La stagione era partita bene, con un podio Junior in Liguria a Sanremo (Imperia) e una buona prestazione sulla terra dell’Adriatico fino al momento in cui mi sono ritirato. Queste due sono anche le gare in cui mi sono divertito maggiormente”.

Matteo Ceriali che, con giovanile ottimismo, sottolinea: “Il 2022 è stato il mio primo anno nello Junior. Ma ho ancora diverse stagioni davanti nella serie, per cercare di crescere e fare sempre meglio”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.