SCUOLA A DISTANZA, I PENSIERI DI PROF E STUDENTI DEL FREJUS A BARDONECCHIA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

di MARTINA BACCON (Docente di Inglese)

La situazione d’emergenza in cui ci troviamo ha richiesto da parte di tutti noi insegnanti l’utilizzo e l’implementazione della didattica a distanza. Fortunatamente, all’Istituto Frejus partivamo già avvantaggiati.

I nostri studenti non studiano su libri di testo, ma con l’ausilio di un tablet personale e grazie a Internet le loro conoscenze possono essere ancora più ampie e approfondite. Già abituati alla piattaforma digitale WeSchool, siamo riusciti in modo ottimale a sviluppare una didattica a distanza efficace. Manteniamo l’orario scolastico, valutiamo i nostri studenti e riusciamo anche a registrare assenze e presenze.

Certo, non è facile. Il lavoro da parte dei docenti, del personale scolastico e degli studenti
è aumentato parecchio, ma nel complesso ci siamo adattati e stiamo riuscendo a portare
avanti il programma e spiegare in modo ottimale. Molti sono spaventati da questo nuovo
approccio, molti lo ritengono infattibile e irrealizzabile, ma noi eravamo già pronti, già incanalati in questo nuovo metodo di fare scuola e già possedevamo questa mentalità flessibile e all’avanguardia.

Per ora mancano solo il calore umano e l’affetto che ci trasmettono i nostri ragazzi ogni
giorno, ma i loro sorrisi in videoconferenza, ci fanno capire che siamo sulla strada giusta
e presto li riabbracceremo.

SETTIMANA DELLE LEZIONI A DISTANZA (di MATTIA POURPOUR)

I decreti e le normative emanate dal governo riguardanti il Covid-19 sono arrivati anche nella piccola comunità di Bardonecchia. La chiusura delle scuole e dei luoghi aperti al pubblico ormai è già nota da diverse settimane, ma il nostro istituto non ha perso tempo.

La presidenza e il corpo insegnanti hanno lavorato sodo nonostante le pressanti limitazioni, permettendo agli alunni rinchiusi in casa di continuare a rimanere sul pianeta scuola.

L’Istituto Frejus, come molti di voi sapranno, è completamente total tablet, un vantaggio che ha semplificato notevolmente la comunicazione alunno-professore. Il progetto delle lezioni a distanza è partito nei miglior dei modi martedì 10 marzo con l’inizio delle lezioni
alle ore 8.30 e la conclusione alle 12.30.

Abbiamo potuto continuare il programma tramite chat e video conferenze in diretta con i professori, senza nessun problema. Come sempre ci siamo appoggiati alla nostra piattaforma WeSchool, dove gli inseganti caricano file, video e altro materiale che arriva direttamente sui tablet degli studenti.

È partita come una settimana di prove ed esperimenti, e si è rilevata invece molto produttiva ed efficace. Tralasciando il virus, sarebbe la settimana perfetta per ogni studente.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.