SESTRIERE, POLEMICA SULLA MOSTRA DELLE OLIMPIADI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ANDREA COLARELLI (consigliere di minoranza ed ex sindaco Olimpico)

SESTRIERE – Qualche giorno fa ho ricevuto l’invito all’inaugurazione della mostra che si terrà a Sestriere sull’Olimpiade del 2006, ma non in qualità di Sindaco del 2006, bensì come semplice consigliere attuale di minoranza.
Come si legge sulla locandina tutti gli interventi (decisi dal Sindaco Poncet) saranno tenuti da personaggi che, seppur importanti, non hanno avuto particolari ruoli nell’organizzazione olimpica.

Non mi risulta sia stato invece chiesto di intervenire a nessuno degli attori principali e determinanti per quel successo mondiale che sono state le Olimpiadi 2006, come Castellani Presidente Toroc o i Sindaci dei siti olimpici fra cui in primis Chiamparino, Colarelli per Sestriere visto che non a caso la mostra si inaugura proprio lì, e gli altri Sindaci dei Comuni olimpici (tra l’altro tutti insigniti di onorificenza al merito dal Presidente della Repubblica proprio per l’ineccepibile gestione dell’evento Olimpico). Una grave mancanza da parte di Poncet che dimostra la sua incapacità politica e ancor peggio la sua ingratitudine verso chi lo ha preceduto ed ha contribuito a far Grande questo paese prima di lui.

Mi dispiace, ma a questa inaugurazione non parteciperò come inutile comparsa, non penso di meritare questo trattamento, andrò nei giorni successivi a vedere l’allestimento della mostra per il quale non mi è stato neanche chiesto di collaborare con i miei numerosi cimeli, oggetti particolari, aneddoti ed esperienze personali raccolte in quei fantastici anni in cui ho avuto l’onore di accompagnare come primo cittadino il Comune di Sestriere assieme ai miei validi assessori dell’epoca (che non hanno neppure ricevuto l’invito).
A quanto pare tutto ciò è stato ritenuto assolutamente inutile e trascurabile dal Sindaco Poncet.

P.S. Sempre in tema Olimpiadi, sarebbe anche magari utile che Poncet (dopo innumerevoli nostre segnalazioni) facesse almeno una adeguata manutenzione ai simboli olimpici presenti nel paese che versano nella più totale incuria.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

7 COMMENTI

  1. Quelle cose li,ormai,non interessano piu’ a nessuno.Ora c’e’ bisogno di altro.Azzardo una previsione:presidenti,sindaci,commissari e assessori prometteranno:
    -neve,sole,moltissimi sciatori per i prossimi inverni
    -impianti,alberghi,attivita’ aperti a tutti(covid si,covid no)
    -candidature per l’organizzazione dei futuri mondiali e olimpiadi invernali
    -tappe giri, meeting internazionali etc.etc.
    Per ora si tira a campare con quel pochissimo che passa l’estate.

  2. la primadonna si sente trascurata? Che polemica sterile. Mostra quanto i politici in generale amino “il potere”, luci della ribalta e… i benefit economici e sociali a discapito del popolo. Fanno ribrezzo.

  3. Io se fossi al posto del consigliere di minoranza ed ex sindaco Olimpico, organizzeri una mostra intinerante sull’Olimpiade del 2006 partendo da Champlas Seguin poi Champlas Janvier per finire a Champlas Du Col e inviterei tutti quelli che non sono stati invitati adesso. Cosi giusto per fare invidia al sindaco attuale Tohhh! 🙂 🙂

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.