TRECENTO NO TAV HANNO MARCIATO IN VAL CLAREA, POLEMICHE PER IL DIVIETO DEL PREFETTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

FOTOGRAFIE DI CRISTINA CAGNASSI

Oltre trecento No Tav hanno fatto la classica passeggiata al cantiere. Una marcia pacifica e senza problemi, che non ha potuto arrivare a destinazione perché le forze dell’ordine hanno posizionato le barriere ben prima dell’area delle reti in Val Clarea.

GUARDA LE FOTO

I manifestanti si sono divisi in due gruppi, di cui uno è salito lungo i sentieri, ma non ci sono stati scontri con le forze dell’ordine.

 

“Oggi la passeggiata No TAV è stata interrotta da un’assurda ordinanza del Prefetto di Torino – accusa la consigliera regionale dei 5 Stelle, Francesca Frediani – è vergognoso ed inaccettabile cancellare un diritto sancito dalla Costituzione a suon di ordinanze. Quanto avvenuto oggi è sintomo di una democrazia malata. Nonostante i divieti i No Tav hanno comunque presidiato a lungo i sentieri. L’opposizione alla grande opera inutile non si ferma. Prossimo appuntamento il 21 febbraio per la grande manifestazione a Torino”.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.