CAPRIE, ADDIO A LILLI BERTONE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di IVO BLANDINO

LUGANO / CAPRIE – Domenica 23 giugno è mancata all’età di 84 anni Lilli Bertone, moglie di Nuccio Bertone, grande designer del mondo delle auto. La donna da un po’ di tempo abitava in Svizzera, a Lugano.

All’epoca del marito Nuccio, la Bertone aveva grandi stabilimenti industriali a Grugliasco e in Val di Susa: esattamente a Caprie, dove poi Lilli lo trasformò nel Centro Stile Bertone. Oggi a Caprie non c’è più nulla: le auto e gli oggetti del centro sono stati venduti all’asta.

Nel 2014 ci fu il fallimento dello stabilimento di Caprie e 100 dipendenti rimasero senza lavoro. Nuccio Bertone era stato l’inventore di modelli da sogno come la Lancia Stratos la Fiat Dino coupè e la Lamborghini Miura.

Nel 1997, dopo la morte del marito, Lilli guidò l’azienda con le figlie Barbara e Maria Jeanne: a lui aveva promesso che avrebbe tagliato dei cento anni della carrozzeria. Ma poi arrivò la crisi, culminata con il fallimento e la vendita.

Nel 2009 venne venduto alla Fca, lo stabilimento di Grugliasco, dove lavoravano fino a 1.200 operai (ora diventato Maserati) e nel 2013 Lilli venne condannata dal tribunale per aver “affossato” l’azienda. I giudici le ordinarono di risarcire la Carrozzeria Bertone pagando 7.538.000 euro, di cui 4.936.000 euro in solido con la figlia.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

5 COMMENTI

  1. Il Centro Stile Bertone di Caprie é stato fondato da Nuccio Bertone, qui hanno creato vetture indimenticabili grandi designer quali: Giugiaro, Gandini e Deschamps.
    La signora Lilli non ha trasformato proprio nulla a Caprie..

  2. Spiacente Sig. Gatone l’articolo è corretto.
    L’azienda di Caprie riprese l’attività per iniziativa della Signora Lilli (Ermelinda all’anagrafe) trasformata e ribattezzata Bertone Cento, specializzata in design, dove già sorgeva il quartier generale o centro stile, della vecchia Bertone. L’avventura imprenditoriale portò alla nascita di alcuni prototipi e al lavoro di design su alcuni treni, raggiunse il centenario dalla fondazione della Bertone storica di Nuccio e poco dopo dovette consegnare i libri contabili in tribunale.
    Le nuove logiche industriali del settore automotive, al di là di ogni sforzo, avevano decretato la fine dei carrozzieri indipendenti.

    • Spiacente sig. Bruno tuttologo.
      La mia é esperienza diretta.
      Sono uno dei tanti che si sono trovati in mezzo alla strada.
      Ed ho le idee ben chiare in merito.

    • Non confondiamo Stile Bertone e Bertone Cento.
      Pininfarina, Italdesign Giugiaro, Torino Design, Torino Crea, GFG, MAT e altri ancora godono di ottima salute.
      I

  3. Gent.mo Gatone,
    mi spiace per le Sue vicissitudini personali ma precisi cosa c’è di non vero in quanto scritto nell’articolo e nel mio commento.
    Sulla ottima salute di Pininfarina avrei qualche dubbio.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.