VALSUSA, ESCURSIONISTA CADE E SI FERISCE NEL BOSCO: INTERVIENE L’ELISOCCCORSO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

MATTIE – Martedì 22 giugno il soccorso alpino è intervenuto nei boschi di Mattie. Un escursionista si è ferito cadendo mentre percorreva un sentiero: la persona ha riportato un trauma alla gamba ed è stata recuperata dall’eliambulanza 118, per il trasporto in ospedale.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

30 COMMENTI

    • Tanto per cambiare……un altro commento di esperto in soccorso e orientamento. Aspettiamo i prossimi commenti degli opinionisti di valsusaoggi.

    • Ti auguro di farti male e che i soccorsi arrivino dopo due giorni. Così magari la pianti con sti commenti da ritardato.

    • Curiositá, toglimi una curiosità… ma te non sei mai inciampato in vita tua? Non sei mai scivolato? Forse non sei un comune mortale come tutti noi e hai le ali ai piedi?
      Perché sai, di cadere capita… non è questione di esperienza. E poi esperienza di che?! Di muovere le gambe?

      • BEH, un conto è inciamparsi su una strada dove, a meno che non si apra il suolo sotto ai piedi (in quel caso alle ginocchia), al massimo ti fai un graffio, ti alzi e finisce lì. Diverso è cadere facendo esperienze escursionistiche, dove inevitabilmente aumenta la pericolosità.

        • BOH, ma che stai a dire? Si vede che in montagna non ci hai mai messo piede e fai parte di quei curiosi personaggi che credono che ogni volta che uno cade in montagna finisca in qualche burrone. Torna sul pianeta terra, il 99% degli infortuni in montagna sono cadute sul sentiero o storte, cosa che può accadere a chiunque, da Messner all’ultimo degli escursionisti della Domenica. A me continua a sfuggire il motivo di certi commenti idioti, siete forse repressi perché voi non siete in grado di fare nemmeno le scale di casa senza farvi venire un infarto? Siete davvero patetici.

          • In montagna ci vado, e so benissimo che non si cade sempre in un burrone. Infatti io non ho parlato di burroni, ho detto che in montagna aumenta le pericolosità (banalmente, per una strada sterrata, presena di buche, pietre, ecc.).
            È ovvio, però, che chi fa queste escursioni dovrebbe prestare maggiore attenzione a dove mette i piedi e alla difficoltà del sentiero che vuole percorrere, se la lunghezza dello stesso è fattibile con la propria preparazione fisica, ecc. Non è possibile che ogni volta si debba andare a recupare qualche infortunato…
            Non è che uno non si è infortunato facendo escursioni allora non è in grado neanche di “fare le scale di casa senza farsi venire un infarto”. Se non altro, almeno, abbi rispetto per chi questi problemi li ha veramente, perchè non sono cose su cui scimmiottare le persone.

          • “Boh”, se tu andassi veramente in montagna e usassi il cervello sapresti che ogni settimana in valle sono migliaia le persone che in un modo o nell’altro la frequentano, da semplici passeggiatori, ad escursionisti, a trail runner, a ciclisti ad alpinisti. E su migliaia di persone statisticamente a qualcuno capita di farsi male, così come tra migliaia di automobilisti statisticamente a qualcuno capita di fare un incidente. Quello che non capiscono i tardi come te e “curiosità” è che gli incidenti possono capitare a tutti e questi soccorsi sono sempre avvenuti, con elicottero o meno, solo che prima tutti questi banali interventi di routine non finivano su un giornale locale online in attesa dei vostri commenti da ritardati.

      • Visti i vostri commenti di solidarietà con l’Indiana Jones di turno…non è più facile che capiti a voi qualche incidente?

        • È più facile che venga un infarto a te. Dai tuoi continui commenti astiosi e da ritardato sull’argomento traspare in modo evidente che tu sia un commentatore da divano, grasso, probabilmente fumatore e con quintali di colesterolo nel sangue.

    • E invece aspettarsi che le persone non scrivano cazzate sarebbe troppa grazie?
      Non sono la persona che ti ha risposto prima ma se non sai che in montagna queste cose possono capitare, continua ad andare all’IKEA.

  1. Il commento di Curiosità si riferisce non tanto al singolo individuo, ma al fatto che praticamente ogni articolo, giustifica anche errori umani che potrebbero essere evitati dietro al mitico aggettivo “esperto”.

    • Veramente “curiosità” commenta ogni notizia di salvataggio con gli stessi giudizi gratuiti, senza che ci sia mai scritto nulla né sulla dinamica, né sull’esperienza delle “vittime”. Il che fa di lui un semplice analfabeta funzionale, e non un libero pensatore.

  2. A chiusura del solito teatrino…È curioso comunque: gli analfabeti funzionali, gli ignoranti, gli ebeti come Curiosità o BOH, fanno domande e commenti, magari volutamente sarcastici e polemici, ma mantengono toni educati e civili. Invece quelli intelligenti, che non lanciano giudizi affrettati, che sono pronti a segnalare i commenti inappropriati…danno del ritardato mentale a chi scrive cose a loro sgradite, augurano infarti e malattie, fanno illazioni e traggono conclusioni arbitrarie sulle abitudini di vita degli altri…lo stesso succede su ogni argomento, dalla TAV all’immigrazione, dalle rivendicazioni LGBTQ+ all’ ambiente…forse i “cattivi” non sono poi così cattivi, sicuramente i “buoni” non sono poi così buoni…

    • Un commento “civile” da ritardato resta sempre un commento di un ritardato. Così come una vaccata resta sempre una vaccata anche se espressa in modo apparentemente civile. Come ad esempio le tue posizioni NoVax e NoMask espresse più volte in passato, per esempio, a proposito di analfabeti funzionali.

  3. Se scrivere commenti con correttezza formale e con un pizzico d’ironia vuol dire avere un qualche ritardo, lo ammetto, sono un ritardato. Se dire la verità e difendere la libertà di opinione per te significa essere analfabeti funzionali…allora accetto volentieri di esserlo! A te che sei più colto e assennato di me, lascio le “verità assolute” espresse con gli insulti, le “posizioni responsabili” sostenute dal disprezzo per le idee altrui e la “democrazia” della tua indiscutibile superiorità. Sono un povero ritardato e analfabeta funzionale…ti ringrazio per insegnare a me e a tutti gli altri l’unico modo di pensare possibile e accettabile…il tuo!

    • No, tu sei un ritardato perché sostieni, senza ironia, puttanate complottiste che chiunque con un minimo di cultura di base si renderebbe conto essere puttanate (non qua, ma su numerosi altri commenti fatti in passato). La libertà di espressione invece è quella cosa che consente a te di dire o scrivere emerite stronzate, senza per questo essere perseguito, così come a me di fartelo notare nei tempi e nei modi che ritengo opportuni. Quelli come te confondono la libertà di espressione con la libertà di dire qualunque cosa passi per la testa, senza avere alcuna competenza o autorevolezza sui temi trattati, e di pretendere anche che nessuno li contraddica. Se vuoi che nessuno ti contraddica, certe fesserie le devi scrivere su pagine dove vi ritrovate solo fra di voi e ve la cantate e suonate. Semplice e lineare.

  4. Non è il caso di insistere e di scaldarti ulteriormente…ho già riconosciuto la tua superiorità…proprio un secolo fa qualcuno iniziava a ragionare ed esprimersi come te…Il Signor. “Scusate il loro ritardo” HA SEMPRE RAGIONE.

    • Fossi un fascista chiunque mi contraddice sarebbe sotto terra. Siccome non sono un fascista, mi limito a far notare il ritardo a dei ritardati.

    • Fammi ridere, cosa ci sarebbe di “fascista” nel mio dirti che sei un ritardato perché da masi fai commenti da ritardato sotto ogni notizia di incidente? Davvero pensi di essere una persona meritevole di altro trattamento? Perché i tuoi commenti velenosi non lo fai al bar ai diretti interessati e mostrando la tua faccia? Così vediamo se sono fascista io o il classico coglione d a tastiera tu.

    • Fammi ridere, cosa ci sarebbe di “fascista” nel mio dirti che sei un ritardato perché da mesi fai commenti da ritardato sotto ogni notizia di incidente? Davvero pensi di essere una persona meritevole di altro trattamento? Perché i tuoi commenti velenosi non li fai al bar ai diretti interessati e mostrando la tua faccia? Così vediamo la loro reazione è se sono fascista io o il classico coglione da tastiera tu.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.