VALSUSA, RESTAURATO L’ANTICO PILONE DI BERTASSI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SANT’AMBROGIO DI TORINO – Domenica 17 ottobre, a partire dalle ore 14.30, a Bertassi verrà inaugurato il completo restauro dell’antica edicola votiva, posta all’incrocio fra la strada che da Sant’Ambrogiodi Torino porta in Borgata e l’Antica strada comunale per Giaveno. Don Romeo, parroco di Sant’Ambrogio di Torino, presiederà la celebrazione religiosa e saranno presenti una delegazione delle Giunte di Avigliana e Sant’Ambrogio di Torino, i due Comuni che si suddividono l’amministrazione della Borgata.

Il restauro e la creazione delle aiuole attorno al pilone votivo sono stati condotti grazie all’impegno di Giuseppe Bommarito e a un nutrito gruppo di collaboratori e artisti che il cittadino di Bertassi con tenacia e generosità è riuscito a raccogliere attorno alla piccola cappellina posta all’ingresso della Borgata, che oggi, per chi arriva da Sant’Ambrogio di Torino costeggiando la montagna, si presenta fiorita e curata.

Per celebrare il restauro e il ritorno a vita di questa testimonianza della fede degli avi e per ringraziare l’Amministrazione comunale di Sant’Ambrogio, che ha preso atto dei lavori svolti e ha disposto, per tramite della Pro Loco, un piccolo ma significativo finanziamento, a parziale copertura delle spese affrontate nei mesi scorsi, è stato organizzato un momento di festa comunitaria.

L’impegno dei cittadini, riuniti nerl Comitato spontaneo N.Im.B.I. (Naturalmente Impegnati per una Bertassi Ideale) non si ferma però qui. Sono infatti già in programma i lavori di pulizia e restauro di un altro pilone, posto all’incrocio del centro paese (che la toponomastica locale non a caso definisce ancora oggi come “J Pilon”) e il recupero del pilone collocato sulla stessa antica strada della Borgata, sul lato opposto rispetto a quello oggi già restaurato, in direzione di Grignetto/Avigliana: un modo concreto per dimostrare attenzione alle proprie radici e autentica “cittadinanza attiva”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.