VALSUSA, UN SUCCESSO LA “SCUOLA ESTATE” AD AVIGLIANA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di CINZIA DEBERNARDI

AVIGLIANA – Grazie al Decreto Sostegni art.31 da lunedì 21 giugno a venerdì 2 luglio l’Istituto Comprensivo di Avigliana ha potuto attivare, grazie anche alla disponibilità di quattro docenti, tre moduli gratuiti di “Scuola Estate”: uno per la secondaria della durata di due settimane e due, ognuno di durata settimanale, per la scuola primaria.

I progetti hanno preso forma con l’aiuto di una commissione creata per i progetti estivi che ha seguito le linee guida della scuola di Avigliana. Presso la palestra della scuola Defendente Ferrari una ventina di alunni della scuola secondaria hanno potuto usufruire del progetto denominato “SportivaMente”.

L’iniziativa ha permesso ai partecipanti di trascorrere quattro ore ogni mattina presso la palestra della scuola con la guida di due docenti di Scienze Motorie , il prof. Giacomo  Pinsoglio e la prof.ssa Paola Messina, con i quali si sono svolte attività volte al recupero e al potenziamento delle attività motorio‐sportive non effettuate o svolte parzialmente durante l’ultimo anno scolastico. Il progetto ha consentito di effettuare quotidiane camminate al Lago Grande e al Castello di Avigliana presso cui si sono svolte attività di articolarità e di potenziamento muscolare.

Questo ha permesso ai  ragazzi  di  aumentare la consapevolezza del territorio e di sfruttare i meravigliosi spazi che Avigliana offre per svolgere attività all’aperto. Nella palestra della  scuola si sono praticati giochi di squadra quali Pallamano, Ultimate Frisbee, Hit Ball, Pallavolo, Pallacanestro, Calcio, Dodgeball, Ultimate Frisbee e Pallamano.

Un grande lavoro è stato effettuato sulla consapevolezza del sé, del gesto motorio e delle proprie possibilità tramite un lavoro dedicato a esercizi di postura, di propriocezione e  capacità di rilassamento. Inoltre, attraverso prove individuali e di squadra, si è implementata una maggiore capacità di collaborazione, di inclusione e di sano agonismo.

I ragazzi hanno dimostrato partecipazione attiva e intenzionalità contribuendo alla riuscita  del progetto con spirito positivo e divertimento. La sana competizione ha permesso il crearsi di nuove amicizie e una lealtà nello svolgimento del gioco e di tutte le attività proposte.  I docenti sono stati molto contenti del clima che si è creato all’interno del gruppo che ha visto tutti i partecipanti collaborare, sostenersi a vicenda e impegnarsi  in ogni attività proposta con impegno e con molto divertimento.

I progetti per la scuola primaria sono nati invece  per iniziativa di due maestre, Elisa Nanni e Chiara Fiore, che condividono la passione per la montagna, la lettura e soprattutto la voglia di restare ancora un po’ con i propri allievi. “Abbiamo subito capito che l’esigenza delle famiglie era una scuola estiva con orario antimeridiano e la necessità di far stare all’aria aperta i bambini” dicono le maestre.

Il progetto “Movimento in libertà” nasce dal bisogno dei ragazzi di potersi immergere nella natura alla scoperta del territorio circostante. Muoversi in libertà è ciò che è mancato in tutti questi mesi . “La voglia dei bambini di uscire e camminare l’abbiamo vissuta gli ultimi giorni di scuola, quando finalmente con le classe siamo potuti uscire e fare brevi passeggiate. Così abbiamo pensato di creare un progetto nuovo, diverso e a contatto con la natura”. Le famiglie hanno accolto subito con entusiasmo l’opportunità. Le mete sono state il Lago Grande, il Monte Cuneo, il Dinamitificio Nobel , il Lago Piccolo e la zona dei Tre confini e il Sentiero dei Principi.

Il progetto settimanale Read & Lire invece nasce da un tema ricorrente nella scuola: “Io cittadino del Mondo”. Le maestre aggiungono: “Conoscere le lingue, culture, luoghi lontani e vivere le differenze come ricchezza e non come ostacoli è il fulcro di questo progetto. Leggere un libro in lingua straniera aiuta a stimolare la creatività, la curiosità e a trovare punti comuni tra lingue e culture lontane. Abbiamo scelto autori di provenienza diversa che hanno grande risonanza nel pubblico dei più piccoli. Elmer, Le loup, The Hungry Caterpillar e il Lupo di Lallemand e Thuiller raccontano storie semplici con un messaggio forte e chiaro: tutti insieme per trasformare la diversità in ricchezza. La lettura in lingua originale è affascinante e i bambini hanno ascoltato e svolto tutte le attività con entusiasmo e concentrazione”.

La cornice del lago Piccolo, presso cui si è svolto questo progetto, ha contribuito a rendere la scuola estate speciale creando un clima di serenità e collaborazione. Una famiglia ha scritto una mail esplicitando che “i bambini sono rimasti entusiasti della settimana appena trascorsa, hanno imparato divertendosi in un contesto bellissimo, e noi genitori eravamo tranquilli perché sapevamo che erano in mani esperte ed affidabili”.

Questi progetti hanno soddisfatto pienamente le aspettative dei bambini e dei ragazzi, delle famiglie, dei docenti che li hanno ideati e condotti e della Dirigente Scolastica, dottoressa Romana Guma, che ha creduto fortemente nella realizzazione di tali attività . Un sentito ringraziamento vada a chi ha contribuito all’ottima riuscita dei progetti di “Scuola Estate”.

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.