VALSUSA, UN’AUTOSTRADA DI CANTIERI: A UNA SOLA CORSIA DAL CASELLO FINO A GIAGLIONE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SALBERTRAND – Un’autostrada di cantieri. Per chi percorre l’autostrada A32 Torino-Bardonecchia dall’alta Valsusa in direzione Susa, il percorso è praticamente quasi tutto a una sola corsia di marcia per circa 10 chilometri, da Salbertrand/Serre la Voute fino a Giaglione. La Sitaf aveva comunicato già da tempo la necessità di questi interventi, iniziati in estate e su cui abbiamo già scritto per quanto riguarda le lunghe code che si creavano nei weekend estivi. I lavori riguardano le varie gallerie dell’alta Valsusa, in adempimento della direttiva europea per migliorare la sicurezza della viabilità: l’ordinanza sui lavori comunica che i cantieri, con le conseguenti chiusure al transito delle corsie, dureranno almeno fino al 31 dicembre 2022.

I lavori sull’A32 sono a cura della Euroimpianti Spa del gruppo Gavio, che è socio di maggioranza Sitaf – e di fatto proprietario – anche dell’autostrada Torino-Bardonecchia. E così, poco dopo aver pagato il pedaggio di 7,30 euro a Salbertrand, bisogna subito svoltare sulla parte opposta dell’A32 e percorrere a un solo senso di marcia la galleria di Serre La Voute sul lato in salita, perché quella in discesa è totalmente chiusa.

Dopo aver attraversato la prima galleria, oltrepassando il viadotto in direzione Susa, ecco di nuovo un altro cantiere che limita il traffico nella lunga galleria del Cels, con il percorso obbligato nella sola corsia di sorpasso (l’altra è chiusa) quasi fino alla fine del tunnel.
Ma non è finita qui: appena usciti dal Cels, nuovamente è chiusa la corsia di marcia anche nella galleria Ramat, che porta al cantiere Tav di Chiomonte.

Nel tunnel Ramat è stata rilevata la presenza di un blocco di roccia in volta, che grava sul rivestimento in sottospessore, pertanto necessità degli opportuni approfondimenti di sicurezza. Dopo aver percorso circa 20 chilometri Si torna a viaggiare, finalmente senza altri blocchi o disagi, dalla galleria di Giaglione, per poi raggiungere Susa. Tenendo conto che si tratta di lavori, come già scritto, necessari per migliorare la sicurezza e a tutela dei viaggiatori, viene da chiedersi come sarà la situazione del traffico autostradale in Valsusa – soprattutto per quanto riguarda i tir – nei 21 giorni in cui il tunnel del Monte Bianco sarà chiuso totalmente al transito, dal 17 ottobre al 7 novembre.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

7 COMMENTI

  1. Esiste un piano di sicurezza? Se dovesse intervenire un mezzo di soccorso dove potrebbe passare?
    Togliere il pedaggio mentre ci sono questi disagi no, vero?

  2. Il solito schifo! Da quando ha aperto negli anni 90, non è mai stata aperta completamente. Cantieri in cui raramente si vede lavorare e aperti nei weekend o iniziati per dispetto quando si prevede maggiore traffico. Anzi…sempre!

  3. Eppure se la fanno pagare come se funzionasse: presa al ritorno da una brevissima vacanza per arrivare prima al fondo valle, MAI PIU’, si viaggia come in Statale, forse peggio e costa carissima.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.